martedì 20 febbraio 2018

Il cervello dell'insonne

La Mamma ha letto il mio blog e dice che parlo solo delle mie malattie.
Comunque ora va meglio, l'agopuntura sta funzionando ancora una volta. Non vi tedierò con il racconto della mia insonnia, né con quello delle partite a bowling al piano di sopra che l'hanno aggravata.
Però ecco un piccolo esempio di cosa succede al cervello dell'insonne.

La settimana scorsa ho preso un taxi per andare dall'ambulatorio del medico alle meravigliose terme giapponesi dove avevo prenotato un massaggio. Dico all'autista "seventeen fifty Geary". Lui ripete il numero, io dico ok. L'autista parte, e poco dopo alla mia sinistra vedo passare il Golden Gate Park. Che strano, penso. Ci metto ancora qualche minuto per cominciare a sospettare che stiamo andando nella direzione sbagliata. Dico all'autista "stiamo andando a Japantown, vero?" E lui: "ma non deve andare a seventy-fifty Geary?". "No" gli rispondo, "seventeen fifty". "Ma io gliel'avevo anche ripetuto". E c'ha ragione, penso. Il tassista azzera il tassametro e riparte nell'altra direzione. Arrivati finalmente al Kabuki penso che voglio dargli una bella mancia. Il 30% invece del solito 15 (che poi io di solito do comunque il 20). La corsa costa 10$. Gliene do 20 e gli chiedo un resto di 7. Lui mi restituisce la banconota e dice: "Questi sono 50". Oh cazzo. "Eh", gli dico, è vero che volevo lasciarle una bella mancia, però..." E lui risponde: "Infatti ho pensato, non sarà mica così generosa".
Aiuto.

36 commenti:

  1. Dirò solo che se stanotte non dormo vado nella cucinetta di reparto e mi do una padellata in testa ecco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io devo dire che prendo spesso in considerazione la botta in testa. Ultimamente anche alle mie vicine.

      Elimina
    2. Zitta che nella camera accanto alla mia in ospedale, dove dormo, quando lavoro a Merano, da qualche tempo c'è una che arriva zoccolando a mezzanotte, sbatte le porte dodici volte, gira zoccolando mezz'ora e accende la Tv e alle sei e dieci ricomincia, la zoccola. Ed essendo dotata di Humor fuori della sua porta appende il cartello non disturbare

      Elimina
    3. Che poi naturalmente il nervoso che ci viene sentendo quelli che fanno rumore ci impedisce di dormire come e forse più del rumore stesso.

      Elimina
  2. Ma non e' vero che parli solo delle tue malattie! Forse e' tua mamma, che da buona genitrice, ha notato soprattutto quelle.
    Comunque ti faccio compagnia in quanto a cervello di insonni (anche se la mia insonne e' causata da terzi, o meglio da quarti ;) ): ieri sono uscita a piedi e mi sono fermata ad un semaforo rosso. Ho atteso per un tempo spropositato, per rendermi conto che il semaforo era diventato verde, poi era tornato rosso... e io li' ferma ad aspettare chissa' ancora per quanto. Me ne sono accorta solo perche' la gente ha iniziato a guardarmi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, già trovate altre due insonni, tu e Amanda... lo immaginavo di essere in buona compagnia! Però io alle neomamme insonni lo dico sempre: voi almeno avete un buon motivo!

      Elimina
  3. Posso tranquillizzare la mamma, che i post sulle malattie sono una minima parte sulla tua sterminata produzione blogghistica, senza contare i pezzi scritti da altre parte (se contiamo anche quelli, la percentuale diventa trascurabile). Questo tuo,poi, non lo considererei sulle malattie, l'insonnia credo colpisca il 70% delle donne che conosco, è quindi uno stato normale, per nulla patologico ... spero poi ti sia divertita alle terme orientali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', oddio, proprio normale non direi! Comunque sì, quelle terme mi piacciono sempre, ma era la prima volta che provavo un massaggio perché non costa proprio pochissimo. Ma per dormire questo e altro (comunque non ha funzionato).

      Elimina
  4. Però, vedi? A causa dell'insonnia hai conosciuto un taxista onesto. Ti pare poco? Dormici sopra. Ciao Silvia

    RispondiElimina
  5. Io l'insonnia la capisco fino a un certo punto, nel senso che mi prende tre o quattro volte l'anno. E mi chiedo: ma volendo riusciresti a dormire di giorno? Se lavori da casa e non hai lezioni non puoi provare a invertire i tuoi orari? Almeno prima o poi dormi! Poi boh, magari dico cavolate. Inoltre, la buona vecchia rilassante cannabis? Anche quella con poco thc che rilassa ma non sballa, è legale anche da quelle parti no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema di questa insonnia era che sembrava avessi dimenticato come si dorme: dopo una notte letteralmente senza chiudere occhio sono andata a insegnare (non ti dico che goduria), poi sono tornata a casa, ho provato a pisolare e... niente!
      Provato anche il CDB (quello con poco thc ecc. ecc.), provato di tutto!

      Elimina
  6. presente! ci sono anch'io...
    di solito fra le 3 e le 5 del mattino.
    Nel frattempo, ma a prescindere dall'insonnia, leggo la tua traduzione di Purity: meraviglia!
    ciao
    chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'amica approfittava dell'insonnia per leggere. Io non ci riesco, mi si spegne il cervello.
      Sono contenta che ti piaccia Purity :-)

      Elimina
  7. Avrei una lista infinita di botte in testa da insonnia coattiva per strilla di piccole pesti , mi piacerebbe dire nel cuore della notte, ma in realtà facciamo attraverso il tutto : capo, cuore e piedi pure....ma che vuoi farci. Quando mi sono accorta di scordare tutto era già troppo tardi!E già ero fuori casa con le chiavi di auto e casa lasciate sul tavolo etcc..etc.. Leo Pieretti ha detto bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi insegnare dopo una notte insonne? Una vera tortura!

      Elimina
  8. Come non esserci... Anche se in questa "strana" fase di sopravvivenza mi aiuta a fare qualcosa, l'insonnia dico, visto che ho solo la notte da poter dedicare a qualcosa di umano. Il rovescio della medaglia e poi la stanchezza, qui taxi non ce ne sono, mi correggo forse 3/4, e non c'è neanche il pericolo di sbagliare mancia, il prezzo lo decidono loro. Però mi sono piantata davanti al semaforo verde, lì ho capito che non essendo daltonica qualcosa andava aggiustata. Anch'io agopuntura in questi giorni, ma intramuscolo... credo non sia la stessa cosa. Credo :D
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono proprio l'unica, eh? E pare che colpisca soprattutto le donne. Uff. Prova anche l'altra di agopuntura, se puoi. Sento sempre più conferme che funziona.

      Elimina
  9. È da un po' che non mi capita.
    Oció con i schei..., :-))

    RispondiElimina
  10. Insegnare dopo una notte insonne... da spararsi, capisco. Nemmeno io riesco a leggere né a scrivere né a fare altro quando attraverso periodi di insonnia, e mai che riesca a dormire di pomeriggio in quei casi.
    Ho provato il massaggio thai tradizionale (quello ai piedi) e ho dormito come un sasso... non mi succedeva da tanto. Altra cosa da provare oltre all'agopuntura. E ho notato che nel mio caso l'insonnia notturna è scatenata dall'esposizione allo schermo del pc. Raramente lavoro la sera dopo cena, se non costretta da scadenze, e in quel caso puntualmente non dormo... le cose che ti succedono con strade e tassisti a me succedono anche quando dormo ;-))))
    e non è vero che parli solo di malattie! Sei una finestra sul mondo occidentale. Notevole, come finestra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Clara :-)
      Forse una dottoressa ha trovato la cura, vedremo. Intanto la notte scorsa ho finalmente dormito, oggi sarà meglio che ne approfitti per fare più cose possibile, visto che nei giorni dell'insonnia sto lì come uno zombi e non riesco a fare niente.

      Elimina
  11. Io insonnia a singhiozzo. Dormire per me è uno dei piaceri maggiori. Quando non dormo e devo poi insegnare a 24 ragazzetti è una tortura ... Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, l'insegnamento sotto effetto dell'insonnia andrebbe inserito nei manuali di tortura della CIA.

      Elimina
  12. Ti è andata bene... Io dopo quaranta giorni di insonnia mi chiesi, mentre stavo guidando, se mi fossi fermata allo stop dell'incrocio precedente. La mia fortuna fu che nel mio paese non c'è mai stato molto traffico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu, eh? Pare che a un certo punto della vita ce l'abbia una donna su due.

      Elimina
  13. io quando ho qualche problema perdo il sonno: so quanto si sta male!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' veramente orribile. Ora capisco perché la usano come tortura.

      Elimina
  14. comunque da genovese sul tassametro azzerato ho esultato!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero troppo rincoglionita per esultare, ma da qualche parte sotto i fumi dell'insonnia ho avuto la vaga percezione che fosse una cosa positiva.

      Elimina
  15. Cara, faccio un giro sul tuo blog dopo tanto tempo e sinceramente penso di non tornarci. Sono stata abbastanza in giro per il mondo per sapere che ci sono persone (soprattuto italiani purtroppo) che prendono l'opportunità del viaggio come un'avventura ma come un'opportunità per spargere cinismo. Magari hai tutti questi problemi di salute perché ti avveleni di negatività, forse un bel giro in Asia, o in India, vero per le strade, e smetteresti di notare la misura delle persiane altrui. Come dice Shawn Achor: "It's not the reality that shapes us, but the lens through which your brain sees the world that shapes your reality".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara, per le strade dell'Asia e dell'India ci sono stata eccome. La mia si chiama ironia. Molta gente la capisce, tu evidentemente no. Se la mia negatività ti dà fastidio leggi qualcos'altro che è meglio.

      Elimina
  16. Be', evidentemente in India e in Asia io sono stata per anni in posti falsi e non veri 😁😁😁 probabile, considerata la mia miopia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi, fra l'altro, ma chi cazzo è Shawn Achor?

      Elimina
  17. Io scrivo, traduco e viaggio e mi atteggio ma resto una terrona ignorante ;-)

    RispondiElimina