venerdì 17 agosto 2018

L'invidia e l'arte del tiro con l'arco


Sabato scorso sono andata alla Renaissance Faire di San Jose. Le fiere del Rinascimento sono eventi molto popolari, in cui la gente indossa costumi pseudo-rinascimentali e si ritrova in qualche parco a fare duelli con spade di gomma e mangiare cosce di tacchino, il tipico cibo di queste adunate.


Ovviamente si tratta di una pacchianata pazzesca, ma siccome queste cose assurde mi divertono, ho pensato bene di affrontare un paio d'ore di viaggio sul trenaccio antidiluviano che attraversa la Silicon Valley (sì, perché questi sono tanto ricchi ma hanno dei trasporti pubblici che fanno pietà) per arrivare in un parco pubblico della brutta San Jose e... imparare il tiro con l'arco.

Mentre infatti la signora che divora la coscia di tacchino qui a destra, sotto il castello di polistirolo, non sono certo io, qui sotto potete ammirarmi in tutto il mio splendore di amazzone (ma ahimè, nessun costume rinascimentale), con l'hotel Hilton sullo sfondo.



Il giorno dopo invece sono andata a trovare il mio amico Gary Kamiya, l'autore di questo bellissimo libro, che ogni tanto si ritira a scrivere in una casetta a Bolinas, il paese "nascosto" di cui parlavo in questo post. E qui arriva l'invidia. Io invidio molto quelli che possono dire "non sono una persona invidiosa". Io invece sono invidiosissima, per esempio dei vecchi hippy che si sono costruiti una casa qui tanti anni fa, quando ancora i terreni non costavano fantastiliardi.



E adesso hanno questa vista qui


Ma attenzione, perché prima o poi l'erosione (momento Schadenfreude) potrebbe mangiarsi la vostra bella casetta




31 commenti:

  1. Tu in abiti profani, con l'arco in mano e l'Hilton sullo sfondo potresti essere il ritratto di questi tempi. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se in realtà preferirei tenermi alla larga da questi tempi!

      Elimina
  2. Grande Silvia, sembra tu stia raccogliendo materiale per nuovi racconti. E, visto per stare in tema: che invidia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, sui nuovi racconti non saprei, dovrei andare in giro molto di più...

      Elimina
  3. Di erosione, frane e disastri ne abbiamo già abbastanza qui in Liguria :(
    Certo la vista dell'Oceano è impagabile, ma mi accontento della vista del Mediterraneo... seppure da qualche km di distanza ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, io potrei dire che mi va bene anche la vista sul mio lago, anche perché tutto quello iodio mi farebbe male alla tiroide... ecco, ho trovato la soluzione: la volpe e l'uva! :-D

      Elimina
    2. Be'... la tua vista sul lago non ha eguali! Ma io sono nata al mare e lo iodio è una droga per me :) infatti il mio sogno è una casetta il più possibile vicina al mare e in un luogo tranquillo, ma non troppo vicina perché la salsedine è corrosiva. Quindi la vedo dura!
      Per dire... il top sarebbe una casupola (il famoso cabanon - nanolocale - di Le Corbusier) a Cap Martin (tra Mentone e Montecarlo). Roba da (ricchi) intellettuali anni '50. Ho sbagliato epoca mi sa ;)

      Elimina
    3. Ah, anche tu hai gusti poco costosi, eh? :-D

      Elimina
  4. Secondo me le persone si dividono tra chi amette di essere invidioso e chi no :D

    RispondiElimina
  5. Quando si dice una foto...centrata! (Ma poi hai fatto centro nel bersaglio?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, però ci sono andata vicinissima. Credo di avere talento.

      Elimina
  6. ah ma che belle casette!! l'erosione però è in agguato, meglio lasciarle a loro :)))

    RispondiElimina
  7. La mia "invidia" e una mescolanza di piccola gelosia e ammirazione era chi ha un fisico prestante e e una buona salute. Penso che con tali doti potrei soddisfare i miei desideri che non sono infarciti di manie di grandezza, ma solo di qualche sogno realizzabile.
    La rinuncia, per forza maggiore, ha scemato anche la così detta "invidia" e mi ha portato a vivere con "filosofia"... Sono in buona compagnia ;-))
    È molto bella la foto del tiro con l'arco e... sì, dai, ti invidio un po'!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetta, vedrai quando diventerò campionessa olimpica di tiro con l'arco ;-)

      Elimina
  8. io ho assistito in cile alla rievocazione storica di una battaglia ottocentesca.
    subito ero scandalizzata ma quando ho visto la pacchianeria arrivare al suo climax (ovvero soldato morto che sputa ketchup) mi sono divertita come una matta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, bisogna prenderle per quello che sono - pacchianate pazzesche - per divertirsi.

      Elimina
  9. Il mondo è bello perché è vario o avariato. Bel post.

    RispondiElimina
  10. La signora con la coscia di BOH e' stupenda, un inno alla vita (a parte quella di BOH). :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra una coscia di dinosauro, ma in realtà è un tacchino.

      Elimina
  11. Ecco stavo quasi x convincermu che domani non sarebbe stata un'idea troppo scema portar la prole Al polish festival di martinaz, malchevada ci mangiamo I pierogi, ma adesso ho visioni di figli che s arrampicano sul castello di cracovia in polistirolo e le coscione di tacchino Al posto dei pierogi.
    Btw siamo andati a santa Cruz su consiglio di collega di p Alla domanda dove portare la triade a vedere l oceano: utilissima esperienza x evitare nei prossimi due anni di ascoltare I consigli di quella persona, ma ora chiedo a te, posti Veri sull oceano dove portare la triade, piu vicini di Carmel by the Sea e Big Sur che per wuelli ci vuole tutto il weekend spostandoci in cinque?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, ma allora noi ci vediamo o no? Se non c'è la nebbia venite in città e andate a Land's End, e se volete una spiaggia andate a Ocean Beach. Occhio che però in questo giorni il tempo è più orrido del solito, alla nebbia si è aggiunto il fumo dei fuochi e viviamo praticamente sotto un coperchio di tomba velenoso. Meglio aspettare un po'.

      Elimina
    2. Sto cercando di capire se esiste in weekend in cui la bart funziona :-(

      Elimina
    3. La bart (che io chiamo barf) è un luogo infernale e puzzolente che non è stato mai rimodernato dagli anni '70. Gli addetti alla manutenzione devono costruirsi i pezzi di ricambio da soli perché non li fanno più da molto tempo.

      Elimina
  12. Ciao Silvia.
    Che belle case e che bella tu che ti cimenti con l'arco. Io mi rispecchio di più nella signora che addenta la coscia. Un bellissima Serifos. Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cri! Serifos sono andata a guardarmela su google e mi è subito venuta l'invidia.

      Elimina
  13. Ad una di queste fiere, in Italia, ho voluto impugnare la spada. Facciamo coppia e mi copri le spalle?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ci sono anche in Italia? Ma certo, forse lì hanno anche più senso!

      Elimina
  14. Meravigliosa la casetta con vista

    RispondiElimina