giovedì 2 maggio 2013

Armi di qualità per la gioventù americana

Un bambino di cinque anni ha ucciso la sorellina di due con il fucile che gli avevano regalato, un  Crickett calibro 22 progettato apposta per bambini.

Il fucile si trova in vendita, insieme a molti altri, sul sito della Crickett Firearms, che ha un Kids' Corner dedicato proprio ai bambini (per ingrandire le foto, cliccateci sopra). 

[Aggiornamento: come mi aspettavo, il sito della Crickett Firearms è stato chiuso. Per questo avevo fatto le foto che vedete qui sotto. Un giornalista di Mother Jones ha parlato con il portavoce dell'azienda, QUI.]




36 commenti:

  1. gli orgogliosi genitori di un assassino, l'orgogliosa patria di un assassino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stamattina in prima pagina sul NYT si dice che gli Usa sono intenzionati a difendere il limite d'età per vendita della pillola del giorno dopo. Per le armi evidentemente non ce n'è bisogno.

      Elimina
  2. Non posso immaginare la sofferenza di quel bambino, quando sarà abbastanza grande da rendersi conto di cosa ha fatto.
    Ma perché hanno regalato un'arma vera a un bambino? Perché? Non ho parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso provare a spiegare mettendomi dalla parte della follia: i bambini vanno normalmente (?) a caccia con i genitori e usano i fucili degli adulti, quindi non c'è niente di male a fare dei fuciletti più maneggevoli apposta per loro. Come vedi, non fa una grinza.

      Elimina
  3. Fucili con "pesi e dimensioni adatti per le piccole mani, e c'è anche il rosa per le bambine".
    Questa è follia pura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello delle pistole rosa per signora è un mercato molto florido. Ci sono siti tipo Pink Gun dove puoi personalizzare la tua pistola con tante belle decorazioni a scelta. Se cerchi su google "pink gun" ne trovi a bizzeffe, compreso questo video su Discovery Channel dove si vede l'entusiasmo di un'appassionata per la sua prima pistola rosa.

      Elimina
  4. Ecco in questo periodo sto guardando "Dexter" e sono già paranoica sui serial killer della TV, ma tanto la realtà è sempre peggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, raggiunge picchi inimmaginabili.

      Elimina
  5. Anche se dagli esseri umani mi aspetto sempre il peggio, quando ieri ho letto "fucile PER BAMBINI con proiettili veri" non riuscivo a crederci, mi rifiutavo di crederci. Ma quanto MERDE bisogna essere per concepirli, fabbricarli, venderli, comprarli?!

    RispondiElimina
  6. Non ho parole :( mi fa tristezza pensare se fosse capitato a mio figlio che ha una sorella di due anni, non credo che sarei riuscita a sopportare il peso tutta la vita. Ma la legge che prevede in questi casi? I genitori vengono processati? Oppure passa tutto sotto silenzio e ci si dimentica dell'accaduto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si sa ancora niente. Il coroner ha detto: "just one of those crazy accidents".

      Elimina
  7. sai che prima di avere figli pensavo: eh sarebbe bello vivere negli stati uniti per un po'. ho cambiato idea a meta' gravidanza e penso che non andro' mai a vivere negli states fino a che loro non saranno in eta' da universita'. ammiro tantissimo valeria, nonsisamai,marica, georgia e tutte coloro che hanno ogni giorno da affrontare non solo l educazione dei propri figli come le altre mamme ma anche il prbolema di doverli educare in un contesto cosi assurdo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende anche dalla zona dove vivi. Queste follie sono tipiche di certe zone rurali dell'America profonda, e già se abiti lungo le coste e magari in qualche bella città liberal puoi sentirti un po' più al riparo. Poi però i bambini devono pur sempre andare a scuola, e Sandy Hook si trova in un paesino tranquillo della costa est, per esempio.

      Elimina
    2. io cerco di non pensarci
      o meglio, mi sembra una realta' lontana da qui... qui non ho mai visto nessuno con un fucile in mano, tantomeno un bambino :-/
      ma so che in oregon per esempio e' gia' diverso :-(

      Elimina
    3. Sì, mi sa che noi "californiane" non ce lo immaginiamo neanche cosa c'è là fuori.

      Elimina
    4. si, sicuramente hai ragione, in alcuni stati e' peggio che in altri e tendo sempre a scordare che stati uniti e' come dire europa, portogallo e lituania non sono la stessa cosa come non lo sono california e idaho. In ogni caso ammiro chi fa il mestiere genitoriale in contesti dove elementi cosi' estranei alla propria mentalita' sono presenti. Per dirti, qua in Polonia la mentalita' media non e' molto lontana dalla mentalita' generale italica, eppure per noi e' gia' una issue il fatto che la societa' della nostra eta' sia ancora largamente omofoba (consapevolmente o inconsapevolmente) e stiamo pensando molto in queste settimane a come risponderemo quando la bimba iniziando l asilo entrera' in contatto con i mondi degli altri figli che ripeteranno quel che sentono in casa loro e ci porra' domande che dove stavamo prima in francia non le sarebbero mai venute in mente: finora per lei e' stato naturale vedere insieme una coppia di nostri amici, ma in questo ambiente dove ancora gente che ha trentanni fa battute che manco mio nonno siciliano si sarebbe permesso... Gia' ora ha notato che qua tutti i bambini sono bianchi e ci ha chiesto piu' volte dove sono gli altri bambini, se sono chiusi in casa e non vanno mai al parco giochi.

      Elimina
    5. Cavolo, hai ragione, capisco il tuo disagio :-(

      Elimina
  8. Un fucile regalato a un bambino di cinque anni, bambini piccolissimi che imparano da subito ad andare a caccia. All'orrore davvero non c'è fine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domani darò una buona notizia, prometto.

      Elimina
  9. Azzarderei un (cinico) compendio sul paragone tra gli USA di duecento anni fa e quelli di oggi: "dalle vittime di (Davy) Crockett alle vittime di Crickett".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, sempre vittime, purtroppo.

      Elimina
    2. PS: sono un po' impedita, non riesco a lasciarti un commento!

      Elimina
  10. E' allucinante tutto questo, se non l'avessi scritto qui, probabilmente non l'avrei mai saputo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi era su tutti i giornali, in Italia.

      Elimina
    2. Immagino...ma non li compro sempre...e oggi non li avevo presi.

      Elimina
    3. Non fai mica male, sai, ti eviti un sacco di notizie deprimenti. Io invece sono sempre davanti al computer e quindi a internet, per cui non posso sfuggire :-(

      Elimina
  11. Io certi articoli non riesco piu' nemmeno a leggerli fino in fondo. Mi generano insieme rabbia, tristezza e disillusione. Un paese per cosi' tanti versi avanzato, per altri davvero fermo alla preistoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcuni sostengono che siano queste contraddizioni a renderlo affascinante. Un fascino di cui si farebbe francamente a meno.

      Elimina
  12. siamo la specie la cui estinzione il pianeta rimpiangerà di meno, a voler essere gentili

    RispondiElimina
  13. Prendendo per buono quello che raccontano al telegiornale, pare che la mamma (che si trovava in u'altra stanza) si è giustificata dicendo"ero convinta di avergli tolto tutte le munizioni".
    Sono nata e cresciuta in una famiglia dove si poteva fare tutto ma guai se per caso giocavamo alla "guerra". I nostri bambini vanno a dormire con un bambolotto per avere conforto, loro vanno a letto col fucile sul comodino? Non ho parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Galassie diverse. Che bello, dei bambini a cui si proibisce di giocare alla guerra!

      Elimina
  14. ho dovuto cancellare sei potenziali commenti perche' visti scritti hanno la potenza del fucile rosa. ma dio bonino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è difficile mantenere l'aplomb.

      Elimina