domenica 12 maggio 2013

Saluti dal balcone


Non è passata neanche una settimana dalla sospensione del blog, e già mi mancate. Però in meno di una settimana ho anche letto tre libri e visto altrettanti film. Finalmente c'è il sole e quando non sono davanti al computer a lavorare voglio fare come Mr Keats qui di fianco. Però voglio anche continuare a raccontarvi storie, e a sentire le vostre. Magari per adesso con un ritmo un po' più lento. Domani, comunque, torna l'Agronomo Sergio. Buona domenica!

35 commenti:

  1. Mr Keats è un ottimo esempio per tutti noi. Follow him

    RispondiElimina
  2. "verdeggiare" palludo e assorto... si, fai come lui...relax!

    RispondiElimina
  3. Mr Keats stile Howard Carter non ha prezzo :D
    anche tu ci manchi

    RispondiElimina
  4. ah che bello!Che bello per i tre libri letti ma anche per il tuo ritorno e soprattutto per il ritorno dell'agronomo Sergio ;) XD

    RispondiElimina
  5. Ma sì, diluisci pure, rallenta...tanto sappiamo che ci sei e che altri bei momenti arriveranno.
    Spero sia tutto ok per te.
    Per mrK direi che va benone, a giudicare dalla calma salomonica che traspare dalla foto :)

    RispondiElimina
  6. Meno male che è durata poco, mi mancavi già tanto! :-) Il "Mr Keats-style" della foto è il mio pomeriggio ideale!

    RispondiElimina
  7. Decidi tu stessa il ritmo, ma sappi che quando non ti leggo le tue storie mi mancano. Anzi mi manchi tu, come un'amica. Un'amica vera.
    Questo mondo del blog può essere straordinario. Io ero arrivata a un punto della vita in cui credevo di continuare con le mie amicizie, le più care, ma sempre le stesse, anche se vivo fra due paesi.
    Scrivendo il blog ho scoperto un modo diverso di condivisione, ho scoperto persone e pensieri diversi. Certo leggo meno libri, ma scambio più idee sugli argomenti che più mi piacciono. Per me tutto questo è un grande regalo.
    E ora aspetto con impazienza l'agronomo Sergio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, vedi? Ecco perché mi mancavate già. Grazie :-)

      Elimina
  8. Anch'io sono in ritiro....il B&B mi impegna (autoproduzione, preparazioni, dcc.). Ma ogni tanto, nei ritagli, faccio qualche incursione. Un allontanamento è anche salutare!! Ho voglia di vederti!!!
    Titti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, mi dispiace che i tuoi post si siano rarefatti, ma ti immagino indaffarata e felice nel tuo best end belfast e sorrido per te :-)

      Elimina
  9. Meno male che sei tornata.
    Io ti seguo anche su twitter, ma non è la stessa cosa.
    Goditi il sole e continua a scrivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con dei lettori come voi era proprio difficile stare via :-)

      Elimina
  10. Rilassati e unisciti a Mr. Keats, ma ogni tant fatti sentire :)

    RispondiElimina
  11. Ciao, ho letto Train Dreams, veramente bello. Fra non molto lo recensirò su Lankelot dove ho letto nei giorni scorsi i tuoi commenti. Io ho letto Albero di fumo e mi aveva travolto. Tra l'altro ho letto anche l'ultimo di Englander, veramente bello. Quello di Franzen così così. Curioso di leggere l'ultimo di Means perchè le sue raccolte di racconti mi avevano sinceramente stupito.

    Dell'ultimo di Diaz cosa sai dirmi?

    ciao
    andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più maturo di Oscar Wao, una lingua un po' meno scoppiettante e sorprendente, ma ci guadagna in profondità. Il racconto scritto dal punto di vista femminile secondo me è il migliore, e questo, per un machista dichiarato, è davvero straordinario.

      Elimina
  12. Mr. Keats in versione agronomo?? Naa..
    Anche io ho fatto come lui un paio di volte, ma senza sedia, direttamente sull'erba, i libri acquistano un sapore diverso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anch'io preferisco l'erba, e su quel balcone in genere mi siedo per terra a mangiare. Mr Keats è troppo gentleman e ha le anche troppo maschilmente rigide per stravaccarsi come me. Tra poco ci vediamo, eh? :-)

      Elimina
  13. L'agronomo Sergio mi e' diventato antipatico, voglio l'altro rivoluzionario!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'agronomo Sergio in effetti non era molto simpatico, ma c'era in giro ben di peggio. Quale rivoluzionario vorresti tu?

      Elimina
    2. Hai detto ci sarebbe stato un altro personaggio, anzi due. La mia curiosita' corre sfrenata da quando lo hai scritto.

      Elimina
    3. Hehe, domani arrivano tutti e due, però non sono granché neanche loro!

      Elimina
    4. Come Georgia ;)
      (a me è stato antipatico da subito ;))
      E' un periodo in cui in tanti blogamici o chiudono o rallentano. E secondo me è salutare, specie con le belle giornata che invogliano a vivere vivere vivere. E tu saprai che "la vita o la si vive o la si scrive" :)

      Elimina
    5. Vedrai che gli altri sono peggio!
      Quanto al resto, è verissimo, adesso voglio provare a tenere la botte piena e il blog ubriaco diradando solo un po'. E poi la disintossicazione da feisbuc aiuta!

      Elimina
  14. I libri son una buona compagnia..ma anche la tua non è male ;-) eheheheh torna torna...presto!:-)

    RispondiElimina
  15. Anche io mi sono presa una pausa e l'ho riempita di passeggiate, parole crociate, passeggiate, libri, baguette e crêpe, passeggiate, mare. Il pc non l'ho acceso proprio, la tv manco a parlarne (certo, per questo aiutava anche l'audio difettoso). Pure bliss :)
    E comunque le storie mi mancavano! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vediamo se riusciamo a mantenere un po' di bliss!

      Elimina
  16. E ti capisco Silvia! Anche a me manca leggere e scrivere nella blogosfera, ma mi manca pure il tempo :(

    RispondiElimina