domenica 19 maggio 2013

La nostra serata al Caffè Letterario di Lugo

Tutto è andato come previsto, e anche meglio. Il Caffè Letterario di Lugo è ospitato nelle sale del bellissimo Hotel Ala d'Oro di Lugo, e dal 2005 offre serate cultural-conviviali con una serie di ospiti davvero fantastica. Io e Mr Keats ci siamo proprio divertiti. Io ho rivisto la Romagna che ho frequentato per tanti anni in passato, ho ritrovato persone care e ho incontrato nuove amiche, come Angela e Nela San. E naturalmente Licia Corbolante, che ha introdotto la serata e ci ha fatto un sacco di domande interessanti. Il pubblico era intelligente e interessato e l'ospitalità di Claudio Nostri squisita.

E squisiti naturalmente erano anche i cappelletti, di cui Mr Keats, come previsto, si è felicemente abbuffato. Di cappelletti, di tagliatelle e poi anche di lasagne, quando lungo la via del ritorno ci siamo fermati per qualche ora nella mia amatissima Bologna (nello specifico, le lasagne sono state consumate in via del Pratello).

Trovate un resoconto della serata dal punto di vista "linguistico" sul blog di Licia, che qui ripubblica anche il famoso spezzone del film La vita agra che abbiamo mostrato durante la serata.

Sul sito del Caffè Letterario, poi, di resoconti ne trovate ben due, uno ricco di foto, e l'altro molto bello di Ivano Nanni.


22 commenti:

  1. Fa piacere leggere un resoconto tanto entusiasta e vedere foto dove ridi e sorridi :-)

    RispondiElimina
  2. Grazie! Vado a vedere tutti i link così mi sembrerà di aver partecipato anch'io alla serata.Che tutto andasse " come previsto e anche meglio" c'era da immaginarlo. Mi dispiace solo che abbia coinciso col periodo in cui non ero in Italia.
    A quando una serata simile a Bruxelles? Possiamo sempre tentare di sostituire gli inarrivabili cappelletti con "moules et frites"....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ospitalità e buon cibo... guarda che noi veniamo, eh? ;-)

      Elimina
  3. Bellissima questa foto! Il resoconto di Nanni mi ha fatto sentire un po'... presente :)

    RispondiElimina
  4. Cultura e gastronomia ci stanno proprio bene insieme...

    Bacio

    RispondiElimina
  5. Bello! E vedere tu che sorridi e mrK firmare autografi è uno spasso.
    Riflessioni interessanti davvero, tu mi insegni a pensare ad alcuni aspetti della parola su cui non mi ero mai soffermata più di tanto.
    Grazie!
    E lo dico anche qua, quando vorrete fare una cosa del genere a Lisbona?!
    La libreria la trovo, dai! :)

    Ps una domanda che mi risuona da millenni: mrK parla/capisce l'italiano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi la facciamo volentieri, però non parliamo il portoghese! Magari a Lisbona ci veniamo in gita e basta...
      Quanto a Mr K, l'italiano lo capisce, tranne che in situazioni difficili tipo tavolata rumorosa con voci che si sovrappongono. Il suo italiano parlato, invece, è, diciamo così... creativo. Un vero spasso, quando lo sentono ridono tutti.

      Elimina
    2. Lo so che non parlate il portoghese, infatti immaginavo qualcosa in inglese (non sarebbe la prima volta :))

      Elimina
  6. Spassoso lo spezzone del film "La Vita Agra", che mi ha fatto tornare la nostalgia del bel cinema Italiano del passato e di attori come Tognazzi, belle le foto che come dice la tua amica Alice mi ha fatto immaginare di essere li', ma soprattutto bello l'articolo di Vanni che rende il dovuto omaggio agli umili del libro di Jonathon e ricama un definizione raffinata del tuo lavoro di traduttrice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro Sandro. Ma noi ci vedremo mentre sei in Italia?

      Elimina
    2. Mi piacerebbe molto! Dobbiamo scegliere una location a mezza strada.... Parliamone! Magari Romagna again? :-)

      Elimina
  7. Manco cosi' tanto dall'Italia che "abbuffata di cappelletti" mi ha fatto pensare a mrK che mangia piccoli copricapi con veletta. Parliamone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apprezzo la tua immaginazione poetica, mia cara, ma in effetti forse c'è qualcosa di preoccupante.

      Elimina
    2. Io invece alla parola "cappelletti" stavo per mettermi a piangere, manco da troppo poco per essermeli dimenticati!!!!!

      Elimina
  8. Grazie Silvia e Jonathon, è stata una serata di cui avrò sempre un bellissimo ricordo. Anche il pubblico ha apprezzato molto: i commenti erano davvero entusiasti. Vi aspettiamo presto di nuovo da queste parti!

    RispondiElimina
  9. mi sa che Mr Keats si piglia sempre il meglio dell'Italia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, proprio sempre no... oggi pomeriggio siamo andati a prendere il treno per andare a Milano a teatro e... sciopero! Niente Milano, niente teatro :-(

      Elimina
  10. Sono stata molto felice di potervi incontrare e grata di essere stata menzionata in questo tuo post.
    Aggiungo te e Mr. Keats alle persone straordinarie che il blog mi ha fatto conoscere in questi anni.
    Un arrivederci a presto, spero e come sempre scrivo, bye&besos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te di essere venuta. A presto!

      Elimina
  11. Ho letto il post dal cellulare, ma oltre a non poter commentare con successo non posso seguire i link (che ora mi si moltiplicano a grappolo, quindi ho fatto bene ad aspettare), perciò aspettavo di sedermi al computer (appunto). Vado a seguire le molliche di Pollicino della vostra serata ;)

    RispondiElimina