venerdì 9 maggio 2014

Gite di primavera/3. Irwin e Turrell a Villa Panza

Lo scorso ottobre avevo parlato della fantastica mostra di James Turrell che avevo visitato a Los Angeles, dicendo che era una delle tre mostre importanti dedicate nel giro di un anno all'artista della luce, insieme a quelle del Guggenheim e di Houston.
Non sapevo, però, che per quest'anno era in programma un'altra retrospettiva, in cui Turrell veniva affiancato a un altro artista californiano della corrente Light and Space, Robert Irwin. E soprattutto non sapevo che la retrospettiva si sarebbe tenuta a due passi da casa mia, ossia alla Villa Panza di Varese. In realtà non è una cosa troppo sorprendente, visto che il conte Panza era amico di entrambi gli artisti e negli anni '70 aveva commissionato loro delle opere site-specific per la villa e per la sua famosa collezione (oggi quasi tutta dispersa in vari musei, soprattutto americani, dopo che il conte Panza aveva cercato ripetutamente di donarle a varie istituzioni italiane, che hanno sempre rifiutato: dal Castello di Rivoli al Castello di Vigevano, all'Arsenale di Venezia, alla Regione Toscana per le Scuderie della villa di Poggio a Caiano, a Milano per le cascine del Parco Forlanini, e soprattutto al Comune di Varese, al quale per diciassette anni Panza cercò invano di donare la villa e duecento opere. Pare che i leghisti avessero protestato contro questo progetto, che prevedeva una compartecipazione del Guggenheim: via gli stranieri dalla Padania!). 
Nella villa restano oggi poche opere, soprattutto quelle site-specific che i musei di paesi meno trogloditi non si sono potuti accaparrare. Però è pur sempre un posto molto bello, ben gestito dal FAI, che ogni tanto ospita ottime mostre, come appunto QUESTA.


Robert Irwin, Varese Scrim e Mr. K
Robert Irwin, Piccadilly, 2013
James Turrell, Shanta (Blue), 1967

James Turrell Skyspace I, 1974 (collezione permanente)


Dan Flavin (collezione permanente)
Io in una stanza di Dan Flavin


Land art nel giardino della villa: Stuart Ian Frost, A tribute to the Carpinata Gallery, 2013
La villa e un pezzetto di giardino

26 commenti:

  1. villa panza sembra essere davvero un piccolo eden, bello ci siano posti così, in cui la maestria di madre natura si fonde con quella dell'arte...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e meno male che il FAI l'ha salvata almeno in parte dai trogloditi.

      Elimina
  2. La prima foto è bellissima, ma non l'ho capita... :-D quella striscia sul muro è un pannello di luce o il riflesso di luce che entra da qualche altra parte e proietta l'ombra sul muro? E dall'altra parte cosa c'è? Un pannello semi-trasparente?
    Mi piacerebbe vedere anche il giardino, sembra stupendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Clyo, segui il link sotto la foto, c'è un articolo che lo spiega e una foto molto migliore della mia!

      Elimina
    2. PS: e ora aggiungo una foto del giardino :-)

      Elimina
    3. Grazie! Come dice mr. Fedo: non ho mai pazienza e non guardo mai i link prima di chiedere!

      Elimina
  3. Voto per il tuo sorriso smagliante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in quella stanza c'è una luce blu che rende il bianco fosforescente, come nelle discoteche! :-D

      Elimina
  4. Mi piacciono le opere d'arte che trasmettono emozioni positive e questo giocare con le luci e le prospettive di certo lo fa!
    Tra quelle che hai postato certamente l'opera che preferisco è Skyspace I.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, le opere site-specific di Turrell nella collezione permanente sono anche le mie preferite. Ce ne sono altre bellissime, come Virga e Lunette. Molto bella anche Varese Portal Room di Irwin. (Significativo, direi, il fatto che non ho trovato foto online di queste opere se non sul sito di Turrell e su quello del Guggenheim. Dall'Italia tutto tace.)

      Elimina
  5. Ecco, ricordavo di aver letto qui della mostra di Turrell negli USA! Questa a Varese, se ci riesco, andrò a vederla tra un paio di mesi circa. Seguo con un certo interesse queste opere di luce o colore, ambientali e non, e diciamo che mi aspetto una bella esperienza dal Ganzfeld. Il flop è sempre in agguato però. Ettore Spalletti che secondo me fa qualcosa di avvicinabile a Turrell, l'ho visto pochi giorni fa a Napoli e mi ha lasciato con un "...e dunque?" nella mente :O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Ganzfeld non delude, ma anche il resto (la mostra e quel che resta della collezione permanente) è notevole.

      Elimina
  6. Ma ti pare che uno vuole regalare arte al proprio paese e questo non la vuole?! Solo da noi!!! Che infinita tristezza. Che belli invece il posto e la mostra. Avevo visto qualcosa di molto simile qualche anno fa al Centre Pompidou, ma onestamente non ricordo chi fosse l'artista, dovrei andare a cercare il biglietto debitamente conservato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, a me questa storia non è mai andata giù. Aspettavo proprio un'occasione per parlarne, perché trovo che sia il simbolo perfetto della disperante arretratezza del nostro paese.

      Elimina
  7. Silvia, ma come sei potuta andare senza di me? :) Tralascio le solite invettive contro l'ignoranza del mio paese natale (ma si puo' rifiutare tanta grandezza e leggerezza? solo un popolo di gretti ignoranti puo' farlo), per stupirmi di fronte alla Villa Panza! Mi appunto pure questa, per la mia futura visita alle tue terre… :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora che la villa è nelle mani del FAI dovresti riuscire a vederla, credo che il loro intervento sia riuscito a salvare il salvabile, che se fosse stato per i lombrosiani padani gli avrebbero venduto pure i mattoni, al Guggenheim!

      Elimina
  8. Bel post e bel sorriso, che riesci a mantenere, malgrado l'imbecillità del paese in cui viviamo.
    Per fortuna che c'è il tuo blog e il tuo mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ma finché sei lì dentro il buonumore lo mantieni per forza :-)

      Elimina
  9. vista qualche anno fa, bella. Comunque per vedere cose anche più belle bisogna andare al Fuori Salone, sarà poco figo ormai ma aprono al pubblico spazi incredibili, di solito privatissimi. Intendo dire, W il FAI, per l'amor del cielo, ma mi è capitato di fare la fila con centinaia di persone per vedere un solo luogo. Durante la settimana del Fuorisalone, magicamente, aprono le porte 1000 Ville Panza a Milano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma allora questo Fuorisalone non è affatto tremendo come dicono!

      Elimina
  10. E sempre bello scoprire posti così ricchi a livello culturale ad un passo da casa:-)

    RispondiElimina
  11. che meraviglia!
    PS Mr K deve rimanere fermo così tutto il giorno? :)

    RispondiElimina
  12. Wow, una meraviglia con dentro delle meraviglie!

    RispondiElimina