martedì 29 settembre 2015

Meet my husband/31. Jonathon Keats e il matrimonio quantico

Mr K all'ingresso della cappella
Mentre io me ne tornavo a casa prima del solito per questioni tiroidee (ho sospeso i farmaci all'inizio di settembre in previsione delle analisi finali di novembre che mi diranno se sono guarita o no, e in questo periodo volevo essere vicina ai miei medici), Mr K se ne andava a Las Vegas per installare un suo progetto che a me piace tantissimo, il matrimonio quantico. Allora, io faccio notoriamente schifo a spiegare le opere di Mr K, ma in questo caso è ancora peggio perché il progetto si chiama Quantum Entanglement, e si basa su un caposaldo della fisica quantistica che già in italiano non si traduce tanto bene (vedi alla voce Entanglement quantistico). Comunque in pratica secondo la fisica quantistica quando due particelle sono "entangled" diventano la stessa particella anche se sono due particelle diverse, più o meno. Mr K ha costruito un apparato che rende "entangled" alcuni fotoni di due o più persone, animali, oggetti eccetera. Basta esporsi al fascio di luce rifratta dall'apparato e i nostri fotoni diventano "entangled" con quelli dell'altro. E se vogliamo sciogliere l'entanglement? Facile: siccome le particelle - sempre secondo la fisica quantistica nella mia versione ultrasemplificata e forse anche un po' sbagliata - cambiano il loro comportamento quando vengono osservate, basta dubitare del proprio "entanglement" per dissolverlo nel nulla.

Coppia "entangled" che danza
Il progetto era già stato presentato a New York nel 2011, e ne ho parlato, in inglese, QUI e QUI , mentre QUI trovate delle foto carine. 
Ora che il progetto si è spostato a Las Vegas, per il festival Life is Beautiful, Mr K ha dato un tocco decisamente sopra le righe all'estetica del matrimonio quantico. La cappella si trova in una stanza di un vecchio motel in disuso che è stato "regalato" agli artisti, principalmente graffitari, dagli organizzatori del festival. Dal soffitto pendono centinaia di cristalli da lampadario che rifrangono la luce, mentre per terra ci sono numerosi cuscinoni su cui, a quanto pare, si sono sdraiate orde di persone in stato di ebbrezza a contemplare i cristalli dopo essersi "entangled". Mi sono mangiata le mani fino ai polsi per non esserci stata. 

Sono usciti un sacco di articoli sul matrimonio quantico a Vegas, compreso QUESTO in cui potete anche votare se Mr K è un genio o un pazzo.

Comunque, mentre Mr K era all'inaugurazione del motel e io aspettavo la sua telefonata (a Las Vegas erano tipo le 3 del mattino), sono andata a guardare se qualcuno aveva messo delle foto su Instagram e ho trovato questa


27 commenti:

  1. ahahaha bella foto!
    Questo è il matrimonio che aveva presentato anche a Berlino? E io e te ci siamo "entangled" mentre cercavi di spiegarmi il fascio di luce, e contemporaneamente abbiamo sciolto l'entanglement perché ne dubitavamo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, un'altra cosa in cui faccio schifo è la memoria! Non mi ricordavo che il matrimonio quantico fosse arrivato anche a Berlino (e adesso che ci penso me lo aveva ricordato anche lui di recente)! Sono andata a cercarlo, ed eccolo qui (meno male che c'è il blog, almeno mi serve a ricordare qualcosa!).

      Elimina
  2. No va beh ma che te lo dico a fare? Intanto, se la tua non fosse stata una spiegazione semplificata, eravamo ancora tutti qui con le facce da ebeti...e poi anche io voglio essere entangled!!! E infine, come si fa a scegliere tra genio e pazzo? NOn sono praticamente sinonimi? Non a caso nella scelta ci sono due foto dello stesso "genio pazzo" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti! E lui comunque preferiva pazzo. Sì, l'entanglement è fichissimo, secondo me dovrebbe vendere l'apparato così tutti possono diventare entangled a casa propria. Anzi, adesso glielo suggerisco (così magari mi dice che lo vende già, solo che io non me lo ricordo).

      Elimina
  3. Risposte
    1. ma noooooo ovviamente!!
      :)
      Ho visto che "genio" vince alla grande ;)

      Elimina
  4. Ecco, ero dentro un matrimonio quantico. Ad aver conosciuto prima Mr. K mi sarei risparmiata parecchie cosucce :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, il matrimonio quantico, oltre a essere romantico, è anche leggero e snello, senza dcumenti né burocrazia. All'apertura come anche all'eventuale chiusura.

      Elimina
  5. si è entaglettato con le due bionde signorine? :D
    comunque poteva dirlo prima Mr K altro che aspettare qui i PACS!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti nel 2011 si era pensato di proporlo come matrimonio gay, prima che venisse legalizzato quello tradizionale. Io continuo a preferire questo.

      Elimina
  6. Ma è una cosa romanticissima il Quantum Entanglement! E ovviamente se non ci credi scompare, perché è anche magica :-)

    RispondiElimina
  7. Stupendo! Solo un genio o un alieno (di quelli di Douglas Adams) poteva immaginare un matrimonio così! :-)

    RispondiElimina
  8. Io propongo il "matrimonio quantico" anche in Italia, chissà che non possa finalmente aprire la strada anche alle 'unioni civili' (termine molto meno suggestivo....)
    Per quel che invece riguarda la foto di Mr K, che dire... Silvia, per la par-condicio e la pace coniugale devi postarne una anche tu in mezzo a due diavoletti..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, lo so, ma dove li trovo i diavoletti qui al paesello? L'ho detto che dovevo andare anch'io a Las Vegas!

      Elimina
  9. Ah, ah, ah, troppo forte: genio, genio .... e tu hai spiegato benissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anni di allenamento... ma questo era facile. Ce ne sono alcuni che quando provo a spiegarli faccio sempre la figura dell'idiota.

      Elimina
  10. Meno male che la spiegazione è semplificata! :-) Meraviglioso, però ci credo che ti sei mangiata le mani! Bentornata a casa. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Il paesello è praticamente l'anti-Vegas!

      Elimina
  11. Tutta la faccenda è così carina che ho rilanciato il tutto nel mio blog. MI sono permessa di mettere una vostra foto - tua e di Mr.Keats - in primo piano. Spero non ti dispiaccia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, perché dovrebbe dispiacermi? Mi fa molto piacere, invece! Grazie!

      Elimina
  12. Mi risposo volentieri (sempre con mio marito!). Ma non è un po' paragonabile al fare l'amore, ad avere un figlio, a baciarsi, ovvero a quegli scambi corporei in cui un'impronta dell'altro resta fisicamente per sempre dentro il tuo corpo?
    Meglio di così non riesco a esprimere il mio pensiero, scusa! La trovo un'idea bellissima, romantica e ricca di libertà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è decisamente paragonabile, anche se qui le cellule non si scambiano, si "gemellizzano".

      Elimina