sabato 8 aprile 2017

I Jeans a Bologna

Lo so, lo so, i Jeans sono usciti quasi un anno fa e io sono ancora qui che faccio presentazioni? Be', in realtà vado in gita con La Mamma nelle nostre città più amate (Bologna e Ferrara) che non vediamo da troppo tempo, ma poi la Libreria Ulisse mi ha invitata a presentare i Jeans, e come potevo rifiutare l'occasione di presentarli proprio a Bologna?

A Bologna ho cambiato cinque case in dieci anni, sempre con la mia cara amica Laura. Prima stavamo in via Tanari in una casa brutta, poi in via Mascarella in una casa a scrocco, poi in via non mi ricordo in una casa decente con il padrone di casa stronzo, poi nella mitica stamberga in via Corticella, luogo di feste leggendarie e di pulizia approssimativa, poi nell'appartamento carino in via Mazzini fuori porta insieme al fidanzato storico che poi ho lasciato (appartamento e fidanzato) per seguire l'Orrido al paesello.
A Bologna giravo sempre in bici, come tutti, però le amiche mi prendevano in giro perché non sapevo orientarmi nei vicoli e facevo sempre la strada dell'autobus. A Bologna ero una secchiona, come sempre, e gli amici mi dicevano che dei libri studiavo anche l'indice. A Bologna vivevo al 36 occupato, dove facevo delle gran pennichelle con la testa sul libro e poi mi svegliavo molto imbarazzata perché avevo dormito con la bocca aperta e sbavato sulla copertina. A Bologna passavo le serate all'Onagro e al Montesino. A Bologna tornavo a casa a notte fonda pedalando con Bach che frusciava orribilmente nel walkman. A Bologna sono sempre stata bene. Era giusto che ci portassi anche i Jeans.

La presentazione sarà mercoledì 12 alle 18.30 alla Libreria Ulisse, in via degli Orti 13. Chiacchiererò del libro e di traduzione insieme all'esimia collega Sandra Biondo. Se venite potrete assistere alla mia sofferenza nel momento di scrivere una dedica.


32 commenti:

  1. Adoro. Libro, Bo e tutto.
    Diffondo il verbo!

    RispondiElimina
  2. Ah, ho contato le mie case bolognesi: 6 in 7 anni, includendo i primi 6 mesi nel simpatico collegio di suore (da cui evasi.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai battuta! Dobbiamo vederci presto, voglio che mi racconti del collegio di suore.

      Elimina
  3. Io ce l'ho, lì, pronto per essere letto. Devo soltanto terminare la mia personale scaletta di letture. Non vedo l'ora, sono curioso.

    RispondiElimina
  4. Potresti farti piacere Padova però!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Padova mi piace, solo che La Mamma ha richiesto Bologna!

      Elimina
    2. Devo fare un discorsetto a quella donna🙅

      Elimina
    3. Uh, te la porterei solo per assistere :-D

      Elimina
  5. Io a Bologna ho cambiato sette case in nemmeno tre anni :(
    Ma ho comunque un bel ricordo, e le mie più care amiche lì.
    Per noi sarebbe comodo venire a trovarti, ma essendo mercoledì e avendo lo zio in visita dobbiamo farci due calcoli... (lo zio non è un problema, magari è curioso).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, dai, portate lo zio! Poi lo portiamo a mangiare i tortellini!

      Elimina
  6. Questa stava per scapparmi (colpa della mia latitanza da facebook), ma non me la sarei perdonata. Faccio di tutto per venire.
    PS. oggi mi ritrovo ad abitare a due passi dalla mitica stamberga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma... aspetta. Tu conosci la stamberga? Ma tu sei...?

      Elimina
    2. Ciao, scusa, latito da facebook e ho in genere un pessimo rapporto con la tecnologia. sono grazia (perugini) e ti mando un bacio

      Elimina
    3. Ah, sei proprio tu! Non osavo sperarci! Ti prego vieni! E se non riesci scrivimi su fb (o qui, su blogger trovi la mia mail), che in qualche modo voglio vederti!!

      Elimina
  7. Bellissimo il raccontino sulle atmosfere, i ricordi e l'affetto per Bologna! Fa stare bene e fa sorridere ^_^
    In quanto ai Jeans... sono qui nella pila letture cartacee (da Natale...) *__* E son tanto curiosa!
    Ciao Silvia e buon tour!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, la pila delle letture! Quella che cresce sempre e nonm diminuisce mai :-D

      Elimina
  8. Mi scapicollerò dal lavoro per riuscire ad assistere almeno alle dediche!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbè, ma noi ci vediamo la sera prima. La dedica posso fartela anche lì, magari in privato soffro meno.

      Elimina
    2. Ma infatti era per non perdermi il divertimento (che iena!). Per la mia ti lascio tutta la sera di domani :)

      Elimina
  9. "Bologna la rossa e fetale/Bologna la grassa e l’ umana già un poco Romagna/e in odor di Toscana…"
    Sono uno dei pochi frequentatori del tuo blog che non ci è mai vissuto, ma mi piace andarci ogni tanto con Elle, che la conosce meglio di me, e ci ha vissuto. Io, per motivi politici (ma non solo) ho sempre avuto il mito di Bologna, capitale di un ipotetico centro Italia, da sempre più avanzato dal punto di vista amministrativo. Problemi e scontri anche lì, certo, ma si respira un'aria diversa. Le osterie e i mercatini, la gente, una certa luce ... purtroppo non credo riusciremo ad esserci. Fosse stato un mese prima, avremmo festeggiato il mio compleanno insieme ai Gang :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, che peccato! Comunque io ero andata ad abitarci per gli stessi motivi per cui a te piace :-)

      Elimina
  10. Seguendo il tuo racconto era d'obbligo una tappa a Bologna. Sarà stato di sicuro emozionante, tutto.
    E i Jeans si portano sempre, anzi più anni passano e più sono belli^^
    Divertitevi con la mamma :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, Bologna mi mancava proprio!
      La Mamma penserà soprattutto a mangiare :-D

      Elimina
  11. Uff, e mi perdo anche questa, mannaggia! A Bologna ci sarei venuta super volentieri. Ora diffondo comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti, ma com'è che non riusciamo mai a trovarci? :-(

      Elimina
  12. Colpa dei fusi orari ;-) sono ancora in India.

    RispondiElimina
  13. una bellissima città!! torno sempre con piacere :) e venezia non ti piace? :((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Venezia mi piace tantissimo (d'inverno, nei giorni feriali). Ma per le presentazioni vado dove mi invitano...

      Elimina
  14. Delizioso, questo post di ricordi di Bologna, non sapevo che la città occupasse un posto di rilievo nella tua vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ci ho vissuto per quasi dieci anni.

      Elimina