mercoledì 20 febbraio 2013

Il congedo di maternità retribuito negli Stati Uniti


Non c'è.

Gli unici altri paesi in cui il congedo parentale retribuito non è previsto per legge sono: Suriname, Liberia, Palau, Papua Nuova Guinea, Nauru, Western Samoa e Tonga. (Questo vale a livello federale. La California, per esempio, che è più civilizzata, prevede il congedo parentale retribuito anche per le coppie dello stesso sesso.) 
(Fonte: The New York Times).



41 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Bisogna dire però che nei paesi in cui questo diritto viene sancito, è facile approfittarne. (Ovviamente parlo dell'Italia.)

    Recentemente, in seguito alla vicenda di una dipendente che approfittava della nostra disponibilità e, nel contempo, faceva grandi difficoltà dal punto di vista lavorativo, abbiamo dovuto decidere ufficialmente che il lavoro che svolgiamo non è compatibile con la gestazione. Poiché questa decisione è stata presa più per paura della possibili conseguenze (nel caso in cui una dipendente abbia problemi della gestazione e stia nel contempo lavorando, il datore di lavoro rischia denuncia civile e penale), abbiamo concluso che, in futuro, sarà più conveniente assumere uomini piuttosto che donne.
    E' un comportamento biasimabile? Dal punto di vista morale certamente, come è biasimabile che una donna utilizzi il fatto di essere madre per ottenere dei privilegi (è il caso della signora in questione). E' politicamente scorretto affermare una cosa del genere? Sicuramente, ma è una realtà.

    Senza contare un'ultima cosa: questa valutazione ufficiale vale per la mia dipendente ma non per me, sua datore di lavoro, pur essendo donna e pur eseguendo le stesse mansioni.
    Mi chiedo quindi se questa tutela della maternità sia un diritto acquisito o piuttosto un altro privilegio.

    Grazie dello spazio e scusate per la lunghezza del commento.

    V.L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati, anzi grazie del tuo commento necessario. Sì, questa è l'altra faccia - brutta- della medaglia. Ma il mio parere rimane lo stesso: bisogna regolamentare i diritti in modo da limitare il più possibile gli abusi, non usare quegli abusi come scusa per eliminare o ridurre dei diritti che sono sacrosanti.
      La campagna di stampa contro i falsi invalidi ("dalli al finto cieco che legge il giornale!") si dimentica ovviamente di ricordare che la stragrande maggioranza degli invalidi è ahimè vera, e sempre più caricata addosso alle famiglie, che ricevono sempre meno aiuti dallo stato, e tutto questo nel silenzio generale perché la gente è disgustata dal falso invalido che legge il giornale.

      Elimina
  3. Vergognoso... (E viva la California!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', sì, per molte cose non è male. Però c'è la pena di morte, per esempio.

      Elimina
  4. Sì, in generale è così, anche se alcune aziende prevedono alcune settimane di congedo...
    Ma sono comunque poche. La maggior parte delle donne torna a lavoro quindi appena si rimette fisicamente dal parto. Ed è una cosa grave: i primi mesi di vita di un figlio dovrebbero essere vissuti appieno (almeno) dalle madri, punto e basta. I congedi di paternità...fantascienza (tranne nei mondi nordici civilizzatissimi).
    Però bisogna dire anche che mediamente trovare un lavoro anche dopo tot tempo di sospensione negli USA dovrebbe essere più semplice (in quanto c'è maggior flessibilità) rispetto ad altri paesi dove invece è molto più difficile cambiarlo, ancor di più se hai figli. Quindi mi vien da pensare che si preferisca lasciare il lavoro, starsene a casa per il tempo che si ritiene necessario e poi rimettersi alla ricerca di uno nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in teoria è così. Non so però come funzioni nel caso di famiglie di reddito medio-basso in cui entrambi i genitori lavorano e due stipendi sono necessari. Senza contare che per me è importante anche il principio. Ma ormai quando dico che una cosa non la faccio o la faccio per principio mi guardano tutti come se fossi una marziana.

      Elimina
  5. Wow... Non sapevo! Ma, domanda che c'entra relativamente poco, lì a che età si anno figli? Qui in UK vedo un sacco di mamme giovanissime, come anche in Francia, ma la maggiorparte ha già un divorzio alle spalle a 25 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così, a occhio e croce, a giudicare dalle mie amiche americane, ti direi che è un po' come da noi, i figli si fanno piuttosto tardi. Una mamma giovane è spesso un'immigrata povera o una bianca ricca.

      Elimina
    2. ... qui non ho ancora capito lo status di tali madri...

      ps: ma ho scritto hanno senza H? ma che indecenza...

      Elimina
  6. Quella italiana è una delle legislazioni più avanzate. Teniamoci ben caro lo stato sociale che abbiamo in Italia e in Europa: ricordiamocelo quando avremo a votare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, Grazia. Mi stupisco sempre nel vedere la gente disgustata che aspira a cambiare tutto, imitando modelli che neppure conosce (come quello americano, appunto. Al grido di "facciamo come gli americani!" si sono combinate le peggiori cazzate degli ultimi anni, non dimentichiamocelo. Un episodio buffo, così a caso: un amico che fa il regista in Rai mi ha detto di aver perso ore a compilare un "questionario di autovalutazione", che naturalmente è una cosa importata dall'America. Ora, secondo te, quello che può funzionare per un impiegato di una multinazionale Usa potrà funzionare per un regista romano? Un *questionario di autovalutazione*!? Ma per piacere. Noi siamo molto diversi dagli americani, nel bene come nel male, e cercare di imitarli è semplicemente grottesco) quando basterebbe impegnarsi per far funzionare quello che ha in casa.

      Elimina
  7. Bhe, della serie o mangi o fai figli, facendo conto che anche il parto si paga per via della sanità non pubblica e gratuita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non apriamo l'argomento sanità che comincia a uscirmi il fumo dalle orecchie.

      Elimina
  8. Non ci posso credere!!! Quindi dipende dagli Stati? Solo la California?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche nel New Jersey, a quanto pare. Il resto è lasciato alla generosità del "padrone", stile pre-rivoluzione industriale. Se cerchi su google "paid maternity leave us" trovi articoli a bizzeffe.

      Elimina
  9. Interessante! Non lo sapevo ... Smettiamola di scimmiottare l'America! Abbiamo una vita sola e abbiamo diritto di stare con i nostri figli piccolini. Bisogna colpire gli abusi, non il diritto in sè. Ottimo il paragone con i falsi invalidi. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che tu sia d'accordo. La questione degli invalidi mi tocca da vicino, visto che ne ho uno in famiglia.

      Elimina
  10. Beh, finalmente una lista internazionale in cui non è l'Italia ad essere agli ultimi posti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Italia era ben piazzata anche nella categoria "istruzione pubblica", prima che arrivassero un sacco di ministri imbecilli a distruggere tutto quello che funzionava.

      Elimina
  11. In America non danno il congedo di maternita' retribuito, in Italia se sei una donna in eta' fertile ti fanno firmare un foglio in bianco o non ti assumono per nulla.
    Non so quale sia peggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peggio è essere donna in generale.
      Pensa a quei laidi colleghi della fabbrichetta che non hanno detto una parola di solidarietà a quella donna insultata pubblicamente da Berlusconi. Non dico al momento, ma dopo? Quando lei ha chiesto le sue scuse?
      Poi naturalmente c'è il capitolo delle donne che si approfittano dei loro diritti e così facendo rischiano di sputtanarli per le altre che ne hanno bisogno: perché un paese maschilista lo è anche grazie alla complicità delle donne.

      Elimina
    2. Io sono rimasta allibita dalla reazione delle donne presenti: hanno riso e applaudito.

      Elimina
    3. Ecco, no, qui non credo che sarebbe successo. Però naturalmente non sarebbe mai successo tutto quanto l'episodio.

      Elimina
  12. ma in california non sono cmq solo sei settimane? o sbaglio?
    [dico per sentito dire]

    RispondiElimina
  13. Gia'. E nemmeno se sei studente, aggiungo.
    Pero' concordo con V.L., in italia sta diventando uno schifo. Le partite iva possono schiatta', e chi ha un contratto dice Sticxx, mi metto in msternita' a rischio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dire? Si sta andando nella direzione contraria a quella piamente ottimista del "cerchiamo di usare al meglio le cose buone che abbiamo". Tutti contribuiamo a far diventare il sistema uno schifo, da quelli che votano per i criminali (e poi si lamentano di come va l'Italia), a quelli che non chiedono lo scontrino (e poi si lamentano di chi non paga le tasse), a quelli che credono di essere furbi perché dicono "tiè, t'ho fregato" e poi alla lunga fregano solo se stessi (o i loro figli).

      Elimina
  14. Ma per queste cose gli americani fanno mai i confronti con i loro vicini canadesi, che mi sembrano molto più civili, a partire dall'assistenza sanitaria? E se sì, cosa dicono?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Canada è un paese socialista dove l'assistenzialismo pubblico crea gente rammollita e ospedali dove la gente viene curata malissimo e infatti tantissimi canadesi vengono a farsi curare negli Usa. Questo si dice. Ovviamente c'è la fila alla frontiera, di canadesi che vengono a farsi curare negli Usa :-D

      Elimina
  15. Io non ce l'avrei avuta neppure se restavo in Italia con la borsa di studio, l'unico vantaggio che vedo qui è che lo stipendio è migliore e quindi se capiterà forse riusciremo a farcela cmq anche se resterò a casa...
    Pienamente d'accordo con te anche sul resto, ci sono cose degli Stati Uniti che funzionano bene e il nostro paese dovrebbe importarle, ma in tante altre siamo decisamente più avanti e non ha davvero senso emularli come se fossero il livello massimo di civilizzazione (la questione assicurazione sanitaria mi fa incazzare come una biscia...)!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non me ne parlare, che io e mio marito siamo entrambi freelance...

      Elimina
  16. Sinceramente a me questa cosa fa venire i brividi come l'assistenza sanitaria e le armi. Confermo quello che hai detto sul Canada, anche qui lo sento spesso, bhè così è facile e si giustifica tutto quello che accade nel proprio Paese che rimane sempre la migliore Nazione dove vivere a parere di un americano, ci mancherebbe. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo sono il contrario degli italiani, che vorrebbero cambiare tutto di sé e si fanno schifo da soli; gli americani invece non vorrebbero cambiare niente di sé e si amano tanto.

      Elimina
  17. "Un paese maschilista lo è anche grazie alla complicità delle donne"

    "Gli Italiani vorrebbero cambiare tutto di sé e si fanno schifo da soli"

    Parole sante, Silvia.

    RispondiElimina
  18. E nel democratico Massachusetts non è che siamo messi meglio sai?

    RispondiElimina
  19. Articolo aggiornato al 2014: la legislazione del lavoro per donne in gravidanza http://goo.gl/yMspD2
    ciao!

    RispondiElimina