domenica 11 dicembre 2016

Mike Pence e il dominionismo

Chi ha letto il mio libro ricorderà il racconto sulle religioni degli Usa. Bene, fra le tante che devo ancora esplorare c'è il dominionismo, che è la religione (anzi, la "teologia") a cui viene associato Mike Pence, il futuro VP degli Stati Uniti. 

Dalla scheda del libro "Fascisti americani" di Chris Hedges, pubblicato nel 2009, ecco chi sono i dominionisti:

"Chi sono i fascisti americani? In che modo stanno influenzando la politica e la società statunitensi? Il Premio Pulitzer Chris Hedges mostra che in America esiste un movimento pienamente fascista ma che esso non è composto da anacronistici epigoni di Hitler e Mussolini. Molto attivo, influente e "americano", lo chiamano "movimento dominionista", poiché i suoi esponenti interpretano in senso stretto il passo della Genesi in cui Dio conferisce all'umanità il dominio su tutto il creato. Non è un fondamentalismo evangelico che predichi l'innocuo ideale di una vita ascetica, ma una vera organizzazione politica secolare, che mira a fondare una nazione cristiana. Per riuscirci, nell'arco degli ultimi vent'anni, si è infiltrata nel governo, si è unita alle lobby economiche, si è finanziata con contributi privati, sfruttando in maniera demagogica il disagio delle classi medie impoverite. Il movimento sostiene l'ideale di una famiglia rigidamente patriarcale, la sottomissione delle donne e dei figli, la necessità di "curare" gli omosessuali, un'economia spietatamente liberista, il ricorso alla violenza armata contro gli infedeli musulmani e gli intellettuali laici. Il suo obiettivo è la nascita di uno Stato confessionale assoluto. Con ampi e sconvolgenti esempi di quanto accade dentro le chiese, i convegni e i raduni della Destra Cristiana, Hedges svela il male oscuro che insidia dall'interno la democrazia americana, di certo rafforzata dall'elezione di Barack Obama ma non ancora in salvo."

22 commenti:

  1. Bel post. Caso vuole che in tempi recenti mi è capitato di fare ricerche proprio su questo argomento, avevo bisogno di caratterizzare uno dei personaggi del mio romanzo. Ho il tuo libro ma confesso di non averlo ancora letto, a questo punto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, sì? Hai fatto ricerche sul dominionismo? Sono proprio curiosa di sapere com'è venuto il tuo personaggio.

      Elimina
    2. No, no ho fatto ricerce ad ampio respiro, mi sono infine buttato sui Battisti. Una parvenza di "dominionista" la cito nel romanzo che deve ancora uscire.

      Elimina
  2. Oddio sembra fantascienza!! Quanto mi spaventa questa faccenda!

    RispondiElimina
  3. Semplicemente tremendo. Quando la pazzia va al potere, è un incubo distopico.

    PS: ho letto il tuo libro. Bello! Complimenti. Il racconto che ho apprezzato di più è quello sull’inondazione di New Orleans. Da brividi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sì, in genere il racconto su Katrina è il più apprezzato :-)

      Elimina
  4. Paura.
    E allerta.

    Ecco cosa mi genera leggere queste parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo l'avevi letto?
      https://www.washingtonpost.com/national/the-white-flight-of-derek-black/2016/10/15/ed5f906a-8f3b-11e6-a6a3-d50061aa9fae_story.html?utm_term=.30eb77975bd2

      Elimina
    2. Wow, questo articolo è bellissimo, grazie di avermelo segnalato.

      Elimina
    3. In qualche modo mi ha ricordato questo:
      http://www.nybooks.com/articles/2016/12/22/on-optimism-and-despair/

      Elimina
    4. "the lesson I take from this is not that the lives in that novel were illusory but rather that progress is never permanent, will always be threatened, must be redoubled, restated, and reimagined if it is to survive."

      No, non lo conoscevo. Magnifico, grazie.

      PS che bello questo scambio di articoli. Sembra di essere tornati ai tempi delle figurine, solo con una parvenza intellettuale ;)

      Elimina
  5. Risposte
    1. Secondo me ci conviene rifugiarci sulle tue montagne.

      Elimina
  6. Fra questi e i Duggar, OMG! Tema molto interessante, per me che insegno inglese C1 e devo sempre cercare spunti nuovi di conversazione è un'idea per il prossimo semestre ... vedremo che ne pensano gli studenti! (il semestre scorso mi sono ritrovata con una che diceva che le donne non dovevano lavorare e che dovevano stare a casa ad accudire i figli ...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei studenti sono tutti californiani super liberal, vado sul sicuro!

      Elimina
  7. Tra derive, nuove spinte, neoanalfabetismo dilagante c'è da tremare. L'arroganza degli estremismi si fa sempre più forte, mentre quasi inesistenti gli intellettuali illuminati che hanno voce e diano voce. E l'informazione meglio non parlarne. Ovviamente mi riferisco a voci e informazioni che abbiano accesso a grandi masse.
    Per fortuna ancora esistono nicchie di buon senso, definiamolo così...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso più che mai dobbiamo coltivarle, queste nicchie, se non vogliamo farci paralizzare dallo scoramento.

      Elimina
  8. ho appena letto l'elenco dei componenti del governo Usa non mi sono ancora riuscito a riprendermi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno tutti una direzione ben chiara, sono tutti lì per distruggere il dicastero che in teoria sarebbero lì a dirigere. E sono tutti affiliati in qualche modo all'industria petrolifera.

      Elimina
  9. Praticamente i dominionisti vogliono tornare a uno stato teocratico. Ci mancano i Crociati e la Santa Inquisizione ...

    RispondiElimina