martedì 26 novembre 2013

Cronache della tiroide/1

Tutto è cominciato a metà ottobre, durante la visita all'oasi naturalistica della Nature Conservancy a Santa Fe. Una passeggiatina corta, eppure all'arrivo avevo il fiatone. Sarà l'altitudine, ho pensato, visto che Santa Fe è a più di 2000 metri slm. Poi più niente per un po', finchè, tornata a casa, non mi sono accorta che mi veniva il fiatone anche a salire le scale. Vero che sono sportiva come un bradipo in letargo, però mi è sembrato un po' strano. Avevo anche le caviglie gonfie, cosa che in genere mi succede solo quando fa caldo, e comunque si trattava di un gonfiore un po' diverso. Una nuotata in piscina mi ha dato la conferma che qualcosa non andava: vero che lo stile libero non è mai stato il mio forte, ma qui ansimavo come una locomotiva e sentivo il cuore uscirmi dalle orecchie.
Il medico di base mi prescrive una spirometria e una visita dal cardiologo, in fretta. L'appuntamento all'ospedale me lo danno per tre giorni dopo, lunedì. Lo pneumologo mi mette una molletta sul naso e mi fa respirare dentro un tubo di cartone tipo quelli della carta igienica. Ripete la prova tre volte, scrollando la testa. Il risultato è che ho circa il 50% di capacità vitale, come la chiamano loro. Cioè, a quanto pare i miei polmoni funzionano a metà regime. Già non è bello sentirselo dire, se poi ti dicono anche che hai la "capacità vitale" ridotta della metà, l'effetto non è proprio rassicurante. Lo pneumologo mi prescrive altre analisi e mi dice di andare in fretta da un cardiologo. E così il sabato mi presento dal cardiologo, un signore gentilissimo che vede il mio elettrocardiogramma e si spaventa. "Ma lei non lo sente, il suo cuore?" Certo che lo sento, soprattutto davanti al secondo medico che mi guarda spaventato. Mi fa un'ecocardiografia e mi fa vedere quel poveraccio del mio cuore, che batte così forte che sembra voler saltar fuori per andare a correre una maratona. 140 battiti al minuto. La cosa positiva è che mi fa un'altra spirometria, in cui la mia capacità vitale risulta del 75%. Qualunque cosa sia, mi dice, possiamo quasi escludere i polmoni. Quanto alla tachicardia, secondo lui è causata all'80% da un ipertiroidismo, "che con questi sintomi è decisamente la cosa migliore che le possa capitare". Poi mi dice: "Mi sembra un po' agitata. Lei è una persona emotiva, vero?"
Mi prescrive dei betabloccanti per rallentare il cuore (quelli che prendeva Glenn Gould per avere le mani fermissime quando suonava il pianoforte) e mi prenota una serie di analisi urgenti all'ospedale, il lunedì successivo. "Cominci subito a prenderli", mi dice. "Ce la fa ad arrivare fino a lunedì?" La visita si conclude con il medico che esce e dice a mia madre che mi sta aspettando fuori: "Dovrebbe finire bene".

[1/Continua. Avvertenza: se avete delle storie liete da raccontarmi sui miracoli della medicina moderna, fate pure. Se invece avete una storia non lieta, vi prego di astenervi dal commentare. Mi sono già spaventata abbastanza.]

76 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, scusa... Come al solito ho fatto un pasticcio e il mio commento era incomprensibile! Ci riprovo: fatti coccolare se sei in Italia o altrove, rilassati e cerca di non essere giù di morale. Se il dottore ha detto che con quei sintomi poteva essere peggio vuol dire che..è meglio! Un abbraccio.

      Elimina
    2. :-D No dai, si capiva lo stesso! Non preoccuparti, il post l'ho scritto a cose risolte, ora prendo le mie medicine e sono tranquilla. Racconterò tutto nella prossima puntata.
      E comunque sì, per superfortuna sono in Italia!

      Elimina
  2. E' esattamente quello che e' accaduto ad una mia ex collega romana. Pero' lei fumava e quindi per un bel po' di settimane i dottori non se la sono sentita di escludere un danno ai polmoni. Tutto si e' risolto dopo un paio di visite ad un centro specializzato per la tiroide a Pisa. Fatta la diagnosi, la cosa piu' complicata e' stato trovare la perfetta dose per il suo fisico e stile di vita. Abbracci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo, settimane! No, con me hanno fatto in frettissima. E per fortuna, visto che l'idea che c'entrassero i polmoni mi terrorizzava.

      Elimina
  3. A volte i medici sono veramente troppo bruschi ( ed è un eufemismo). Comunque di storie liete ce ne sono tantissime, comprese quelle della tiroide. A volte bisogna rallentare il ritmo e dedicarsi più a se stessi.
    Dacci notizie aggiornate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra un paio di giorni arriva la seconda puntata. Però posso anticipare che è finito tutto bene!

      Elimina
  4. Silvia che palle!!! comunque ha ragione Clyo non è bello ma si cura.....sei stata brava a dare subito ascolto ai segnali. tienici aggiornati....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti anche il medico di base ha detto che siamo riusciti a prenderla subito. Ma diciamo che 140 battiti al minuto sono un segnale difficile da ignorare!

      Elimina
  5. Ninnina se è la tiroide che funziona troppo per una tiroidite la metti tranquilla ed è fatta, ci vogliono un po' di aggiustamenti della posologia ma il rimedio si trova. I dosaggi degli ormoni tiroidei li hai già fatti? e l'eco della tiroide? Ma cavoli 140 battiti non sentivi il cuore nelle orecchie anche da ferma immobile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il tutto aggravato dal terrore nello studio del cardiologo. Comunque sì, ho già fatto tutte le analisi e ieri sono partita con Mr. Tapazole!

      Elimina
  6. Io mi spavento per molto meno. Confermo quanto detto da Antonella, comunque, secondo la mia esperienza la cosa più difficile è trovare la dosa perfetta dei farmaci. Perciò "finirà bene", su. Hai pure le medicine di Glenn Gould!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, c'ho una malattia d'artista! ;-)

      Elimina
  7. Quindi se c'era tua madre le visite le hai fatte qui, ha del miracoloso che ti abbiano fatto tutto così in fretta, e facendo due conti lunedì era ieri, siamo a martedì: certo che finisce bene!!!!
    Anni fa ho avuto un problema di salute - poi risolto - e mi sono spaventata da morire, ho avvisato gli amici che se mi capitava qualcosa potevano venire a prendere un libro dallo scaffale del cuore.... (ho anche pianto davanti a mia figlia ed era troppo piccola per usare la scusa "ho il ciclo, sono emotiva oggi"). Solo un consiglio: non googlare!!! Se hai un amico medico, preparato e ottimista nella vita, parlene con lui/lei e fatti tradurre quel che non capisci. E poi ...andrà tutto bene <3 Se è tiroide si gestisce, ho amiche che lo fanno da anni.
    ps: ma voleva esser spiritoso quello che ti ha chiesto se sei emotiva dopo averti terrorizzata? Potrei diventare ricca se trovassi il modo di proporre un corso di empatia per sanitari...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai azzeccato quasi su tutto! :-D
      Però era lunedì scorso, ho aspettato che fosse tutto risolto prima di scrivere il post. E comunque hanno fatto super in fretta, li amo! Secondo me c'è una giustizia cosmica che mi ha ripagata per aver sempre difeso a spada tratta la sanità italiana da chi dice di preferire il barbarico sistema americano. E fra l'altro da oggi ho l'esenzione come malata cronica (Obama, la senti questa voceeee?)
      E sì, ho ben presente il consiglio di non googlare, e me ne sono guardata bene (hai presente l'inizio di "Tre uomini in barca", in cui il protagonista legge l'enciclopedia medica e scopre di avere tutte le malattie, compreso il gomito del tennista e il ginocchio della lavandaia?)
      Insomma, il post crea suspense retroattiva, ma da ieri ho già cominciato a prendere le medicine. Nel post #2 racconterò il seguito :-)

      Elimina
  8. Mamma mia ci credo che ti sei spaventata, e non serviva mica tanto essere emotiva per farlo! Quasi meglio quando i medici parlano il loro linguaggio incomprensibile che sentirsi parlare di capacità vitale dimezzata...Comunque, conosco diverse persone che hanno problemi con la tiroide e che ci convivono, mi sa che davvero aveva ragione il cardiologo: con quelle premesse era la cosa migliore che ti potesse capitare! E ora come sta andando? Ah, magari aspetto il post #2 :) Intanto beccati un abbraccio da qua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Sì, nel post #2 ci sarà il lieto fine.
      Il cardiologo è davvero una persona squisita, si è genuinamente preoccupato e anche incazzato con lo pneumologo che non mi ha fatto subito una lastra per escludere problemi ai polmoni. Solo che ha avuto un... ehm, eccesso di franchezza!

      Elimina
  9. Uff, a me sarebbe venuta una crisi di panico! Dai, che se parli in giro scoprirai che c'è un'alta percentuale di persone che ha disturbi tiroidei di vario genere (es. famiglia mia madre e due sorelle su tre, mia suocera e mia cognata) e una volta trovata la posologia vivono tranquillamente. Leggo che la cosa è risolta, meno male! Riguardati!

    RispondiElimina
  10. Non so se ho fatto casino e ho cancellato il messaggio... Comunque, stai tranquilla che c'è in giro molta più gente di quanto non si pensi che ha disturbi di vario genere alla tiroide e una volta individuato il dosaggio queste persone vivono in salute! Pat pat!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del doppio messaggio! :-)
      Sì, è vero, i disturbi alla tiroide sono diffusissimi, ora me ne rendo conto.
      Adesso faccio un salto a trovarti!

      Elimina
  11. Sei fortunata che i medici abbiano diagnosticato subito la causa dei sintomi. Si convive con i distubi alla tiroide senza grossi problemi. Ci sono delle ottime cure oggi. Io sono affetta da ipotiroidismo, disfunzione inversa alla tua, da 18 anni. Disfunzione molto ben compensata dall'assunzione di ormoni tiroidei di sintesi. La cosa che ti consiglio è di affidarti al tuo medico di fiducia fino a che il tuo fisico non risponda perfettamente ai farmaci e poi ti sentirai di nuovo bene come prima. Tranquilla :)
    A presto, Nou.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! In effetti è stato tutto velocissimo!

      Elimina
  12. Oh cavoli, spero che tu ora stia meglio! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  13. Ci sono passata, proprio con unico sintomo la tachicardia esagerata. Grande spavento, però si è risolto tutto benissimo e senza la minima conseguenza, quindi anch'io ti dico, vai tranquilla, e per fortuna che sei qui perché in Italia è un problema che sanno gestire benissimo. Un grosso in bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io avevo pochi sintomi, ma subito dopo si è aggiunto anche quello fico: la fame mostruosa accompagnata da perdita di peso!

      Elimina
  14. Andrà bene, quando si tratta del cuore è normale e giusto allarmarsi, ma le cure adatte ci sono, stai tranquilla. Ogni tanto bisogna misurarsi la pressione e vedere le pulsazioni! Va bene essere ansiosi, anche io lo sono, ma se il cuore batte a martello bisogna sapersene accorgere, e poi la tiroide è in agguato per tutti, dopo i 20 anni c'è da controllarla ogni tanto. Dai è andata bene, l'importante è essersene accorti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Iride! In realtà mi sembra che il cuore si sia scatenato proprio nello studio del cardiologo!

      Elimina
    2. ahahah beh quello è comprensibile! Pensa che invece conosco una persona che forse è lievemente ipocondriaca, soffre di palpitazioni e pressione alta ma appena va dal medico a farsi misurare è tutto regolare! Le basta vedere il medico per sentirsi meglio

      Elimina
    3. Allora io sarò ipercondriaca, perché a me il medico fa l'effetto opposto!

      Elimina
  15. Silvie'm ma guarda che mi tocca leggere qua...Mi dispiace per quello che hai passato! Che fortuna che ti sia capitato in Italia, e proprio a Laveno. Perche' a Pescara ci avresti messo almeno 3 mesi per vedere uno specialista, e le cose sarebbero andate molto diversamente...altro che meraviglie della sanita' Italiana, ma lasciamo perdere quest'argomento per ora che senno' mi scaldo. Mi fa solo piacere sapere che stai meglio!!! E aspetto con ansia il seguito positivo del racconto, dove ci svelerai tutto :-) P.S. Ma quindi la prossima volta che vieni a L.A. facciamo le vasche in piscina? :D

    RispondiElimina
  16. ah mr Tapazole! Mia madre che era famosa in famiglia per non ricordare nessun tipo di nome (di qualsiasi cosa) o storpiarlo, mentre prendeva questa medicina magica era impazzita, ricordava i nomi delle cose più assurde (e anche inutili) ed era davvero uno spasso :) Dai sono contenta che stai meglio e sì stare metà dell'anno in Italia in questi casi fa comodo. A proposito di Obama… sono andata a ritirare la pillola e chiedo (un po' spaventata) a bassa voce: quanto devo pagare? E la farmacista: ma come non lo sai?? Con l'obamacare la pillola è gratis per tutte! Viva Obama! -_- vabbè oh piccoli passi, bisogna accontentarsi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai! Ma allora il povero Obamuccio qualcosa di buono l'ha fatto (la pillola gratis è già in Corte Suprema, speriamo che duri...)!
      Adesso voglio vedere se torna la memoria anche a me come a tua madre!

      Elimina
  17. E un "evviva per la sanità italiana" non ce lo mettiamo? (in fondo, almeno quella, sembra funzionare...)
    Un grande in bocca al lupo Silvia, aspetto la prossima puntata con trepidazione (pur conoscendo già il finale...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci puoi scommettere che ce lo metto, nella seconda puntata! (Mi hanno anche fatto l'esenzione!)

      Elimina
  18. Spiace anche a me che tu abbia dovuto affrontare questa situazione. Le anticipazioni mi hanno comunque rassicurato, e sono davvero contento che sia finito tutto bene. Prenditi cura di te e non scherzare con la salute. Ma quindi dovrai depennare la maratona di New York dalle tue future imprese agonistiche? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo per quest'anno mi tocca saltare anche l'Ironman.

      Elimina
  19. Leggo nei commenti che tutto è finito bene, che pensiero però!! La salute è la cosa più importante che abbiamo, non è certo una frase retorica ma pura realtà. Forza e in bocca al lupo, voglio leggere la lieta seconda parte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, c'è ancora qualche ostacolo, ma prima o poi tornerò anche all'Ironman!

      Elimina
  20. Non avendo storie liete, tento di rimediare con un abbraccione caldo e rassicurante. Con la certezza che la storia lieta sarà la tua!
    Ciao! :)

    RispondiElimina
  21. Un abbraccio. Anch'io ho sentito parlare del centro di Pisa. Me ne hanno parlato bene e una mia ex-collega li ha risolto. Ripeto l'abbraccio di prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui a Varese non mi sembrano malaccio...

      Elimina
  22. Ah, funziona così la tiroide? Non lo sapevo.. Mi piacciono i medici che parlano chiaro, anche se dipende sempre da cosa annunciano.. comunque a me bastano le facce preoccupate, o l'urgenza di farmi fare le visite e le analisi richieste..
    Mi salta all'occhio il contrasto tra "ce la fa ad arrivare sino a lunedì?" e "dovrebbe finire bene".. Se hai già iniziato con le medicine, va già tutto bene, io credo nella medicina :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  23. Ne capisco meno di zero di medicina. Ma un abbraccio di tutto cuore ci arrivo comunque a mandartelo. Mi sembra di capire che sei in Italia ora. Dove, di preciso? Qua tutti nominano Pisa per le cure. Se dovesse servirti una mano, sono in zona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Luciano, sei proprio gentile. Sì, sono in Italia, per fortuna. L'ospedale di riferimento è a Varese, e dicono che sono bravi anche qui :-)

      Elimina
  24. Sicuramente è una storia a lieto fine! Una considerazione: "fortunatamente" ti è capitato tutto ciò mentre sei in Italia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, non mi sono mai sentita fortunata come in questo periodo! Se penso a come sarebbe andata se mi fosse successo "là"... brrrr!

      Elimina
  25. Non so se la mia storia possa essere considerata a lieto fine o a brutta fine...di fatto io senza la mia tiroide ci sto benissimo, secondo me è un organo accessorio del tutto inutile! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poverina! Certo che è una gran rompiballe.

      Elimina
  26. Ciao Silvia! A volte la tiroide ti ha prendere un colpo: dà sintomi gravi e persino contrastanti, ma ci sono farmaci che la tengono benissimo sotto controllo e ti riportano a uno stato di equilibrio che pensavi perso per sempre. Basta solo trovare il giusto dosaggio. Mia mamma ne soffre da 15 anni ma con le pastiglie riesce ad avere una vita normale. E anche una mia collega prende le stesse pastiglie da quando aveva vent'anni. Stai tranquilla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusy! Con questa forma si può addirittura guarire (anche se con possibilità di recidive), per cui sono ottimista!

      Elimina
  27. Ohibò m'è preso un colpo leggendo il post e sono molto felice che tu stia già meglio! In bocca al lupo per tutto.

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  28. ieri ho fatto le scale e ai primi segni di fiatone ho pensato al tuo post. pero' dai, vivendo al terzo piano.... Silvia gentrificata dal germe della tiroide (ok non e' un virus ma non so come altro immaginarmelo). Io vengo a fare il picchetto fuori se vuoi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un morbo, suona ancora meglio! A me però non mi gentrifica nessuno, sa'!

      Elimina
  29. Dai Silvia stai su, spero che vada tutto a posto velocemente. In questi casi ci si spaventa molto, anch'io ho avuto le mie esperienze, però a certi medici farei fare un corso di "linguaggio utile per parlare al paziente con le dovute parole e il giusto atteggiamento, in particolare volto a scongiurare il rischio di infarto nel malcapitato". Esisterà? Un abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, e un cardiologo, poi!
      Ricambio l'abbraccio :-)

      Elimina
  30. Leggendo i tuoi sintomi sono io che me la sto facendo sotto! Dici che è venuto il momento di farmi controllare pure io?

    Comunque, essendo arrivata tardi, spero che nel frattempo tu stia meglio. Nel dubbio ti abbraccio lo stesso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hihi, il post di domani te lo dedico! ;-)

      Elimina
  31. Uhh arrivo tardi..scusami :-( Non ho storie liete..ma neppure tristi..voglio dire...in famiglia abbiamo persone con la tiroidite di ...sì insomma quel nome giapponese che non so scrivere...e tanti altri conosco con l'ipertiroidismo. Causa in effetti vari disturbi,finchè non si trova il dosaggio giusto delle pilloline e..il gioco è fatto:-) La faccio facile facile..diciamo..senza voler sminuire tutto eh. Ma sì,insomma, ipertiroidismo è diverso dall'avere metà capacità vitale no? Cavoli..avrei voluto sentir il loro di cuore,a sentirsi dire una cosa così! Forza carissima!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto diverso! Però bisogna dire che il cardiologo, malgrado lo scarso tatto, si è fatto subito in quattro per mandarmi subito a fare accertamenti, e ha voluto che gli telefonassi dopo per sapere com'era andata. Ed era contentissimo!

      Elimina
  32. W la tua tiroide compensata! W la sanità pubblica italiana. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fatto un unico passaggio da un privato, l'ormai famoso cardiologo. Il resto tutto pubblico, efficiente e, d'ora in poi, anche completamente gratuito (mi hanno fatto l'esenzione)!

      Elimina
  33. Non ho storie da raccontare, ma fiducia nella medicina e nelle tue capacità (respiratorie)... e poi, questo è il cap.1 e c'è scritto, continua... quindi continuerai a scrivere e noi a leggerti e commentare. Abbraccio ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho fiducia nella medicina! Se solo penso che per chi non ha più la tiroide esiste un'economica pasticca che, presa tutti i giorni, fa esattamente tutto quello che faceva la ghiandola pasticciona...

      Elimina
  34. Anche mia cognata ha problemi con la tiroide. Mi dispiace perché spesso sono cronici.

    Buona giornata!

    Bacio

    RispondiElimina
  35. Uh, meno male che è stata scoperta, vedrai che la domerai!
    Anch'io ho casi in famiglia e tra le amiche (sia iper che ipotiroidismo) e stanno tutte benone.
    I medici a volte vogliono fare i simpatici ma sono goffi, basta capirne le buone intenzioni :)
    Curati e tornerai come nuova!
    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, questo era un tenerone. Mi curo, mi curo, ho qui una provvista di pillole che non finisce più!

      Elimina
  36. Silvia, arrivo solo ora a portare il mio saluto, ma avevo seguito da FB, non posso fare altro che augurarti un GET WEEEEELLLL lungo da qui a La Paz

    RispondiElimina