martedì 25 settembre 2012

Limonata al timo

Tutto è cominciato a San Francisco, mentre ero al bar con la mia amica Alessandra. Mentre io bevevo un orrido espresso, uno di quelli che sembrano fatti con la cicuta e che si possono bere solo strizzando gli occhi, scuotendo la testa e facendo smorfie di disgusto, lei si è avvicinata al tavolo con in mano un bicchierone pieno di un meraviglioso liquido rosa. Cos'è, le ho chiesto, mentre cercavo di buttar giù la mia tazzina di assafetida. Limonata alla lavanda, mi ha risposto lei. Vuoi provare? Ecco, mentre io bevevo la mia brodaglia imbevibile, lei aveva lì, nel suo bicchierone, il nettare del paradiso. Un lieve sottofondo di lavanda unito alla freschezza del limone, campi provenzali e luce della Sicilia, petali di rosa e... potevi anche dirmelo prima, Alessandra, invece di lasciarmi ordinare questo schifo di caffè.

Insomma, corro a casa e googlo "lavender lemonade". Ricetta facilissima, solo che non ho la lavanda. Però sul sito delle limonate ne ho trovate tante altre, tra cui una al timo che ho deciso di provare seduta stante. Ecco, è davvero squisita. Non tocca i sublimi vertici di bontà di quella alla lavanda, però ve la consiglio lo stesso.

 

Ingredienti (per circa tre bottiglie)

  • 1 1/2 tazze di zucchero di canna (per convertire le misure guardate qui)
  • 1 mazzetto di timo fresco
  • il succo di dieci limoni
  • gin o vodka (facoltativo)

Istruzioni  

In una pentola fate bollire una tazza di acqua con lo zucchero e il timo; mescolate finché lo zucchero non si scioglie, per circa 2 minuti. Aggiungete il succo di limone e 6 tazze di acqua fredda. Filtrate e imbottigliate. Tenete in frigo almeno un'ora prima di servire con ghiaccio e, se volete, una guarnizione di rametti di timo. Ottimo anche come aperitivo con l'aggiunta di gin o vodka. Si conserva in frigo fino a una settimana. 

44 commenti:

  1. Meraviglioso! Non appena torno a casa (sono ancora in vacanza) sarà mio. Di sicuro mi renderà più dolce il rientro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A proposito di dolce: con le dosi che ho scritto la limonata viene abbastanza dolce ma non stucchevole. Se ti piace un po' asprigna togli un pochino di zucchero.

      Elimina
  2. Al lago sei fornita di lavanda? Altrimenti te la porto io! Ne ho in quantità: ho trasformato il giardino in un distaccamento della Provenza. Idea fantastica, thanks! Ho scoperto un altro modo per utilizzarla, ormai non sapevo più che inventarmi: tisane, biscotti, fiori secchi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, grazie, qui ce l'ho, ma tu porta... anzi, sai cosa facciamo? Quando vieni a trovarmi la prepariamo insieme!

      Elimina
    2. Lago? Quale lago? Che mi sono persa??

      Elimina
    3. Il lago Maggiore, Lucy! E' la mia casa in Italia!

      Elimina
    4. Siii era nel senso: mica sei tornata???

      Elimina
  3. Quanto dev'essere deliziosa! Mio cognato ha tanta di quella lavanda che non sa che farsene. Corro a chiederne un po'.
    Ciao silvia!
    Come sta andando la tua permanenza in suolo italico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla! Occhio che la ricetta è quella della limonata al timo! Quella alla lavanda la pubblicherò presto, dopo averla provata con Samuela.
      La permanenza sul suolo italico va a meraviglia. Piove, il governo è ladro, ma io sono a casa mia e sto benissimo!

      Elimina
    2. Certo che aspetto la ricetta con la lavanda, voglio...."toccare i sublimi vertici di bontà..." che non ha il timo ma che ci consigli lo stesso.
      Leggo che la permanenza è tutta OK, benissimo! Anch'io a casa mia sto alla grande mentre fuori va che è una meraviglia :)
      Buona giornata Silvia!

      Elimina
  4. Ebbene, sono l'unica a non preoccuparsi di non avere dieci limoni in casa... Io devo procurarmi quelli! (E lo zucchero di canna, e il timo... )

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, be', naturalmente ho comprato tutto anch'io! Cosa credi, che nella terra dei tecnomiliardari una traduttrice come me abbia diritto a un giardino? ;-)

      Elimina
  5. ma che meraviglia!!! poi per me che sto allattando e sono ancora alcool banned mi levi dalla condanna al solito succo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con le limonate si possono fare meraviglie...

      Elimina
  6. Sono andata a cercare anche la ricetta con la lavanda, dato che ne ho tanta, chissà come viene!?! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la prepari prima di me fammi sapere (io farò senz'altro un post con un tentativo di foto). Dovrebbe venire rosa e paradisiaca!

      Elimina
  7. Io toglierei un po' di zucchero dalle dosi :D
    Ma proprio il caffè usi ordinare nei bar di SF?! Ti vuoi dare la zappa sui piedi!
    Ok, la smetto di fare l'antipatica, e dico che in questo periodo berrei solo limonate e succhi di arancia, e quindi mi sa che la farò in versione analcolica :/ ma credo che mi lancerò con quella al timo: la lavanda mi suona troppo come dopobarba!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, visto che fai l'antipatica, adesso ti contraddico un po' anch'io! ;-)
      Lo zucchero va provato, perché a me le cose dolci non piacciono eppure questa dose mi si confaceva: al massimo un pelino di meno, ma non troppo.
      Quanto al caffè, ti dirò che ci sono dei posti dove l'espresso lo fanno buono, uno su tutti l'ottimo Emporio Rulli nell'orripilante Union Square (molto meglio, potendo, andare a Larkspur, poco fuori città, dove c'è la sede originale che è una deliziosa pasticceria italiana). E poi questi che fanno tanto i fighetti foodie di qua foodie di là col caffè gourmet gni gni gni, poi non mi sanno neanche fare un espresso bevibile, porca miseria? Che sfigati.
      Ultima contraddizione: ti assicuro che non sa di dopobarba, la lavanda rimane squisitamente sullo sfondo, a evocare freschezze provenzali...

      Elimina
    2. Union Square davvero orrida, non mi ci far pensare che la gente va là mezza giornata e dice che SF è brutta :D
      Dove lavoro cresce un cespuglio di lavanda selvaggia, trafugherò e proverò!

      Elimina
    3. Peggio ancora sono quelli che vanno là mezza giornata e poi dicono che SF è bella!

      Elimina
  8. la limonata l'adoro! solo che mi sono fatta un sacco di risate quando tra gli ingredienti ho letto vodka o gin, ma che limonata è???
    elle, posso venire a rubare un po' di lavanda (e ad incontrarti!)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una limonata fichissima che funge da aperitivo!

      Elimina
    2. E' una limonata serissima!
      Mariantonietta, andiamo a trafugare insieme! Solo che ora sono a Porto, la città delle piogge perenni. Ma appena torno...
      Silvia, che si prende della lavanda per fare la limonata? I fiori vanno nei sacchettini profumati per l'armadio, no? A parte che ora di fiori non ce ne sono più...

      Elimina
    3. E vabbè, ma allora vuoi che ti sveli tutti i miei segreti? E poi cosa scrivo nel post sulla limonata alla lavanda? (Comunque sì, si usano i fiori.)

      Elimina
  9. Mi ispira di più questa al timo che quella alla lavanda. Sinceramente sento il profumo di lavanda ogni volta che apro il cassetto della biancheria e lo trovo un po' forte per i miei gusti. Il timo mi piace tantissimo, lo metto ovunque quando cucino! La foto che hai messo fa venir sete solo a guardarla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io adoro il timo e lo metto dappertutto. Adesso che ci penso, forse la leggera preferenza che ho espresso per quella alla lavanda dipende dal fatto che si tratta di un sogno ancora irrealizzato e dal contrasto con quell'orrida ciofeca di caffè. Quella al timo è altrettanto buona!

      Elimina
    2. Anche a me piace tantissimo il timo, tanto che ne ho sempre anche nel freezer (è una delle poche erbe aromatiche che si conserva benissimo surgelata), ad esempiio lo metto sempre con le noci nelle insalate con ingredienti invernali. Invece la lavanda mi farà sempre pensare a un orrendo tè Earl Grey bevuto in uno Starbucks: ignoravo che fosse aromatizzato alla lavanda e il gusto è stato proprio inaspettato, mi è sembrato di bere dell'ammorbidente... :-(

      Elimina
    3. Ok, ok, vedo che la lavanda riscuote poco successo... donne di poca fede! Però slurp, il timo con le noci nell'insalata!

      Elimina
    4. Io la proverei eccome! Il timo non mi piace molto, ma la lavanda e' profumatissima e mi piacerebbe assaggiare!

      Elimina
  10. Sembra davvero ottima.. da provare!

    RispondiElimina
  11. Meglio il timo, anche per me. Ho controllato sul link suggerito; una tazza e mezza di zucchero sarebbero la bellezza di 24 cucchiai, se non ho capito male. Non sono troppi per poco più di un litro e mezzo d'acqua (1659 ml)? Sarà il succo dei 10 limoni da edulcorare. ;-)

    RispondiElimina
  12. No Silvia, ma perchè m'hai fatto questo che sono a dieta senza zucchero ?! :) alla prossima pianta di lavanda che vedo farò uno strappo alla dieta mi sa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricetta alla lavanda si fa con il miele... tra poco la pubblico!

      Elimina
  13. Ehmm...come sarebbe a dire gin o vodka (facoltativo)?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che puoi avere la versione alcolica o analcolica!

      Elimina
    2. Scherzavo! E' che concepisco la versione analcolica!

      Elimina
    3. Quella col gin è squisita, però!

      Elimina
  14. Non vedo l'ora di provarla, Silvia!
    Io ho cominciato a innamorarmi delle limonate dopo aver letto "Sostiene Pereira"...
    Anzi, ti dò un'idea, dovresti provare a dar vita a una rubrica dal titolo: cose che hai cominciato a fare grazie (o dopo aver letto) un libro.
    Un abbraccio e grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella idea, grazie! Adesso comincio a pensarci...

      Elimina
  15. Ottima bevanda. Diminuirei lo zucchero, per i miei gusti. Hai nominato l'assafetida...Sai che l'ho acquistata l'anno scorso a NY (perchè sono una curiosona) ma, una volta aperto il barattolino, credevo di svenire.... Ma come cavolo si usa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei, è una citazione dai fumetti di Paperino. Però è perfetta per il nostro ricettario! ;-)

      Elimina
  16. Posso dirlo? Mi sei mancata un sacco!
    Adesso mi leggo tutti i tuoi post d'un fiato! E questo mi ha fatto venire un'acquolina... il timo a casa ce l'ho, devo provarlo!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu mi sei mancata! Spero che tu abbia il tempo di continuare regolarmente con il blog. Voglio vedere le tue foto! :-)

      Elimina