martedì 4 settembre 2012

Differenze culturali su facebook

Americani su facebook: 
"Buy my book"
Foto da qui
"Read my article"
"Come to my yoga class"
"Come to my concert" 
"Want to work while you sleep? There's an app for that"


Italiani su facebook:
"Anto', fa caldo"
"Che tristezza questa pioggia"
"E adesso non osate lamentarvi della pioggia"
"E adesso non dite che rimpiangete il caldo"
"Le vacanze sono finite, mi suicido"



28 commenti:

  1. Bellissimo post, SIlvia! You nailed it on the head! Non ci avevo mai pensato consciamente, ma qui hai riassunto davvero le due culture, pur con i limit di fb. Io ho una crisi di identita', ma penso di postare piu' come gli americani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi c'è la categoria bilingue di quelli che pensano che fb sia una perdita di tempo. Non li capisco: io su fb scopro un sacco di cose!

      Elimina
  2. ahahha! fantastico! rebecca

    RispondiElimina
  3. Eheheh!
    Ma vogliamo mettere i commenti dei personaggi sofferenti di nevrosi dell'Io vessato, o dell'Io Immacolato, o dell'Ego Status Update (doccia time, coffee time, pizza time)?
    Qui trovi la descrizione dei disturbi più comuni, peccato che la pagina sia stata abbandonata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo! "La caratteristica degli individui Indie - detti Indievidui - è il rifiuto pubblico e categorico di alcuni social. Tuttavia tale rifiuto non riguarda la rete social nella sua interezza: lo stesso soggetto vanta infatti intense attività su social network che arbitrariamente ritiene più 'cool'. I soggetti più gravi conservano un account anonimo sui social rifiutati pubblicamente"
      Sono sicura che sono più numerosi di quanto crediamo!

      Elimina
  4. Want to sleep while you work; Italian style!

    RispondiElimina
  5. Ah, per una volta mi sento più americanizzata... però in effetti penso che sia un po' una perdita di tempo: per "esserci dentro" dovrei passarci troppe ore attaccata :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, il mordi-e-fuggi all'americana porta pochi frutti. E comunque non c'è paragone: gli italiani su fb sono mille volte più divertenti! (Ehm... ho detto su fb?)

      Elimina
  6. :)
    dalle mie parti ultimamente la categoria italiana di fb che descrivi tu è emigrata su twitter...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ci ho provato, ma essendo sprovvista di smartcoso il twitter non mi prende (ci mancherebbe solo quello).

      Elimina
  7. Interessante e divertente! Meno male che ci sono i tuoi post a illuminarmi una giornata smorta. Guardo fb con nuovi occhi, ma in chiave italo- belga!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. I belgii su fb? Ah saperlo! Per ora indago...

      Elimina
  8. sintesi sociologica perfetta.
    uno dei migliori post del 2012 :)
    valescrive

    RispondiElimina
  9. Interessante questo confronto antropologico. Americani business oriented e italiani fantasiosi/lievi/simpatici/fatui.
    Grande Silvia!!
    PS OT Torna presto!!

    RispondiElimina
  10. A me degli status Italiani fanno ridere le imprecazioni colorite, specialmente in fatto di clima come hai gia' scritto.
    Degli status Americani mi piacciono quelli della serie "fish fry at my parents on Saturday, bring a dish and/or drinks!"
    Sbavo ogni volta sulla tastiera di quanti ne vedo in bacheca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, vedi, perché tu hai amici in età da college che ancora si divertono. I miei sono quasi tutti adulti in carriera che vogliono solo farsi pubblicità.

      Elimina
    2. Visto che hai amici Americani adulti, ma si mettono a scrivere pure 'ste cose loro?
      http://img542.imageshack.us/img542/819/amazonf.png

      Ma 'nzomma, chi t'ha detto niente :-D E' solo una pubblicita' del materiale scolasticooo

      Elimina
    3. :-DDD La gente è suscettibile, di questi tempi...

      Elimina
  11. Noi italiani siamo filosofici, il che porta depressione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, tutta colpa della filosofia, insomma...

      Elimina
  12. Stessi argomenti li senti nella sala d'attesa dal medico....
    Ma è davvero fantasia come dicono alcuni?

    RispondiElimina