venerdì 31 luglio 2015

Il dottor Roth, medico di base

Volevo andare dal medico per controllare alcune cosucce. Mr K mi consiglia il dottor Roth, mi prende l'appuntamento e persino mi accompagna.
Arriva l'infermiera che fa le solite cose che si fanno ai nuovi pazienti, mi pesa, mi misura l'altezza ecc. Poi mi porta nello stanzino dove il dottore mi visiterà e mi chiede: "What brings you here?", che letteralmente significa "Cosa la porta qui?" ma che potremmo tradurre con "Qual è il motivo della sua visita?" "Ecco, io sto prendendo dei farmaci per l'ipertiroidismo, però ultimamente la mia gola..." L'infermiera fa una risatina imbarazzata e dice: "Hehe, probabilmente in Italia funziona diversamente, eh? Queste cose le dirà poi al dottore. Però grazie di aver pensato che sono il dottore, ho l'aria così intelligente? Hehe, grazie grazie."  E se ne va. Io penso che probabilmente alla domanda "What brings you here?" avrei dovuto rispondere: "Mio marito con la macchina". Mah.
L'attesa nello stanzino si fa lunga, per fortuna che Mr K mi ha ricordato di portare un libro. È passata quasi un'ora dall'orario dell'appuntamento quando finalmente entra il dottor Roth. Sembra un rabbino saggio e mi fa subito simpatia. Mi chiede, naturalmente, "What brings you here?", e io ricomincio da capo con la storia che avevo già in parte raccontato all'infermiera balorda. Lui mi rassicura e mi dà anche un consiglio che finora non mi ha mai dato nessuno. Poi mi chiede come mai faccio avanti e indietro con l'Italia, e quando gli spiego che sono una traduttrice freelance mi nomina Constance Garnett, la traduttrice detestata da Nabokov. In breve finiamo col parlare di letteratura russa, Tolstoj e Dostoevskij e di quale preferiamo e perché, e poi dell'Ulisse che lui conosce molto bene... ecco, quello qui sotto è il dottor Roth. Ditemi voi se non è una delizia.
(P.S. La settimana prossima tornano le foto della California bizzarra).




44 commenti:

  1. Nonno Roth. Pensavo fosse un paziente di geriatria con le sue dottoresse amorevoli ;)
    Bello incontrare medici che non solo fanno bene il loro lavoro, ma sono capaci anche di parlare di cose extra mediche..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, lo vedi com'è tutto contento in mezzo a tante signorine?

      Elimina
  2. Sì, sembra prorpio un bel medico da film (ma forse vedo troppi film) ... questa volta direi di Woody Allen, con il quale parla di letteratura, arte, malattie, laicismo e sesso. Sì, sì, sembra la locandina di un prossimo film di Allen (quelli belli).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! Il dottor Roth sarebbe perfetto in un film di Woody Allen, di quelli belli che ogni tanto riesce ancora a sfornare (quello ambientato a SF, Blue Jasmine, mi è piaciuto molto, per esempio).

      Elimina
  3. Ma io un rabbino che ride non l'ho mai visto! ;-)
    Comunque se fosse stato un filmdei fratelli Cohen, il premio di comparsa più divertente.. l'avrebbe vinto l'infermiera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, una vera stordita! Ho pensato che ci fosse qualche problema di comunicazione interculturale, ma anche Mr K ha detto che non avrebbe saputo come risponderle altrimenti.

      Elimina
  4. Meno male che il Dott. Roth è simpatico, le infermiere non capiscono mai perchè anche io gli spieghi le cose dopo che mi hanno chiesto cosa ho che non va. Forse bisogna rispondere solo con una parola chiave. Comunque questa del rispondere alle domande più di quello che loro ritengono necessario è una parte della loro cultura che a me stava, sta e starà sempre grandemente sul culo. Insieme a TMI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche questa è TMI, in effetti Ma allora perché chiedono? Sì, questa cacchio di riservatezza pruriginosa come se sapendo qualcosa di te si sporcassero le manine.

      Elimina
  5. L'infermiera assomiglia a quelli che rispondendo al telefono, ti fanno raccontare il motivo per cui chiami e poi immancabilmente ti passano qualcun altro al quale tu non hai più voglia di ri-raccontare il tutto e ti smontano pure l'incazzatura che avevi qualche minuto prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che te la smontano? A me di solito aumenta!

      Elimina
  6. Sarà forse un modo per... intrattenere il paziente?!? Io, comunque, avrei risposto alla lettera: "The car brought me here" ;)
    Evviva il dottor Roth, che ha un'aria rassicurante.
    A me ricorda l'agopunturista cinese in "Alice" di W. Allen :)
    Ti ha dato mica un'erba che rende invisibili? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, estremamente rassicurante! Uh, ma sai che "Alice" non l'ho visto? Devo rimediare.
      E la risposta della macchina la tengo per la prossima volta ;-)

      Elimina
  7. Sono contenta che anche negli Stati Uniti esistano medici di famiglia sereni e rassicuranti. Pensavo che ormai fossero solo nei telefilm!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la seconda volta che vado dal medico qui, ed entrambe le volte l'ho scelto su consiglio di persone fidate. Ed entrambe le volte era un medico anziano e "all'antica". Non voglio pensare a cosa troverei se andassi allo sbaraglio e ne beccassi uno a caso. Quelli giovani mi sembrano spesso freddi, senza il minimo interesse per il paziente. Ma forse mi sbaglio, chissà. Intanto, Doctor Roth forever!

      Elimina
  8. Sembra davvero rassicurante e simpatico! FB in questi giorni mi tira brutti scherzi, ho visto questo articolo in bacheca ma poi non l'ho più trovato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono io che fuggo da fb! Ci sto per qualche ora quando ho un nuovo post, per farlo vedere un po' in giro, e poi torno a sospendere l'account.

      Elimina
    2. Ecco, pensavo di essere svampita io ahahhah

      Elimina
    3. Ecco! Finalmente ho capito anche io. Stars sono la tua compagna di stordimento ;-)

      Sul topic: Paese che vai, cultura e stranezze che trovi. Io spesso sorrido solo, davanti a domande che non sono domande realmente prendo tempo. Mio marito è fantastico: lui si diverte a spiazzarli, loro ridono e gli chiedono dell'Italia... Lui si gira e mi dice che, anche se per certi versi sarebbe fantastico, noi a vivere qui stabilmente saremmo pesci fuor d'acqua.
      Mi fa piacere che tu abbia incontrato questo medico, pare rassicurante, in ascolto del paziente e probabilmente sarà anche preparato.
      Forse l'infermiera si aspettava una risposta tipo "la fama della simpatia dello staff" / "l'ottima reputazione del dottore".
      La risposta della macchina è piu divertente ;-)

      Elimina
    4. Peccato che come al solito mi è venuta in mente dopo!

      Elimina
  9. Uh che bellino! Un dottore così ti ispira fiducia per forza, poi se addirittura ci si chiacchiera di letteratura russa potrei finire per diventare ipocondriaca pur di andare a trovarlo :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, se fosse gratis ci andrei una volta al mese!

      Elimina
  10. Tolstoj e Dostoevskij, è difficile esprimere preferenze, deve essere stato molto interessante, trovarne di persone così!
    In UK funziona al contrario: prima dici tutto all'infermiera, che se proprio lo riterrà opportuno ti visiterà, il medico credo entri in azione solo in casi estremi o per confermare l'ora del decesso (però parlo della sanità pubblica inglese, se paghi magari un medico lo incontri pure)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, quindi mi sembra di capire che la sanità pubblica inglese è un po' una farsa.
      Qui naturalmente paghi tutto, eccome se paghi!

      Elimina
  11. Si ma come stai?? Rassicuraci!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto bene, grazie! Immaginavo già di non avere niente, ero più che altro curiosa di provare l'esperienza del medico di base americano.

      Elimina
  12. Un medico di base con cui si parla bene anche di letteratura è tranquillizzante!
    PS spero tutto OK per il resto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, basta che ti ricordi di portare un libro, perché l'attesa può farsi lunga!
      Sì, tutto bene, grazie :-)

      Elimina
  13. Se chiacchiera così tanto un'ora di attesa è persino poco!
    Tutto ok comunque?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, sì, cosucce erano e cosucce sono rimaste :-)

      Elimina
  14. almeno è stata una visita dal dottore interessante :) fossero tutti così :)) buona domenica!

    RispondiElimina
  15. Bravo Mr.Keats che ti ha trovato il medico giusto: umano, colto e professionale q.b. ... Ma non sono tutti così, ahimè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, anzi, quelli così sono proprio pochi.

      Elimina
  16. come esser visitati da Babbo Natale e Calvino messi insieme, fantastico :)

    RispondiElimina
  17. Ricordo quando con una mia paziente adolescente appassionata di poesia mi misi a parlare di Mariangela Gualtieri che non conosceva, quando tornò mi disse che era stata un'ottima lettura

    RispondiElimina
  18. Non conoscevo Constance Garnett, grazie per la scoperta! Che bella persona che dev'essere il Dr Roth, sembra essere uscito da una favola a lieto fine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Infatti mi ha proprio rasserenata.

      Elimina
  19. Risposte
    1. Oh, dice di provare a farmi delle analisi quando torno in Italia perché potrei avere un po' d'asma.

      Elimina
  20. hai pagato la visita a un medico di base perchè non sei assicurata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, sono assicurata, ma ho un'assicurazione scrausa e pago un copay alto. Anche con le assicurazioni più care si paga il copay, però più basso. Immagino che esistano anche assicurazioni in cui non si paga il copay (io non me ne intendo, con l'Obamacara sono potuta rientrare in quella di mio marito anche se siamo freelance, ma non ho idea di come funzioni. Sono procedure superburocratiche complicatissime), ma per noi freelance sono inarrivabili.

      Elimina
  21. Speciale! Da trasferirsi per averne uno così!
    robert
    PS: anche se io sono contento della mia dottoressa....

    RispondiElimina