domenica 19 luglio 2015

Ridatemi la nebbia

Okay, lo so, mi lamento sempre. Non volevo partire da casa per venire nella nebbia di San Francisco, poi sono arrivata qui e ho cominciato a rallegrarmi di essere sfuggita alla caldazza. Ma adesso fa caldo anche qui. Non un caldo soffocante come in Italia, per carità, però un caldo assolutamente anomalo: oggi ci sono 29°, record assoluto per la stagione. Qui la stagione calda - quando c'è - è una quindicina di giorni verso l'inizio di ottobre. L'estate è sempre stata famosa per il freddo e la nebbia (la temperatura massima di luglio è in media di 18°). Ma adesso è da giorni che il cielo è limpido, e le temperature si stanno alzando. Perché cavolo ti lamenti, direte voi. Ecco, se prima mi lamentavo per motivi strettamente contingenti e personali - cioè il disappunto di dover passare un'estate di merda senza mai vedere il sole - ora mi lamento perché questo tempo mi fa paura. 
Lo so, questa foto scattata dal tetto del mio palazzo poco fa, all'una del pomeriggio (perché forse ricorderete che sono legata alla scrivania fino a mercoledì, quando partirò per la mia minivacanza) sembra bellissima 



ma se le mettiamo accanto questa ("Il marrone è il nuovo verde. Stiamo facendo la nostra parte per conservare l'acqua durante questa siccità": sono i cartelli sulle aiuole pubbliche in cui sono state piantate erbe del deserto):


comincia a diventare un po' più inquietante. Aggiungiamoci un grafico, così si capisce meglio di cosa sto parlando:


La siccità in California dura da quattro anni, e a quanto pare si tratta di un cambiamento irreversibile (si parla dell'arrivo del Niño il prossimo autunno, che dovrebbe portare acqua e molte devastazioni, ma si tratterebbe di un'interruzione momentanea di una tendenza ormai consolidata).
Venite a visitare la California, adesso che c'è il sole. Tra qualche anno non ci sarà più nessuna California da visitare.



25 commenti:

  1. Toccherà vendere casa prima che sia troppo tardi!

    Qui invece piove questo weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Marica, spero tanto di sbagliarmi (e con me un sacco di scienziati, sigh). Magari arriveranno le piogge, in stagione o meno (ecco, magari non la prossima settimana, grazie), e rimetteranno a posto tutto.
      Comunque io glielo dico sempre a Mr K che dovremmo comprare casa al nord, tipo in Vermont, ma lui non ne vuole sapere. Io sono sempre la Cassandra, pfff.

      Elimina
  2. Pomodori e altre verdure alle stelle, non più pomodori verdi fritti ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, bravo, hai toccato un altro tasto dolente. La frutta e la verdura ormai costano come l'oro!

      Elimina
  3. Inquietante. E non riguarda solo la California ma tutta la Terra. Solo che a tanti riesce difficile pensare che questi cambiamenti siano un effetto diretto dei propri comportamenti sbagliati. Il riscaldamento globale viene visto come qualcosa di eventuale e futuro, mentre è già presente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così. Credo che i media non ne parlino abbastanza, o non nel modo giusto. Bisognerebbe informare e prendere dei provvedimenti seri, ma i politici guardano solo all'immediato futuro delle loro elezioni, e nessuno vuole prendere provvedimenti impopolari come dire alla gente che deve consumare di meno.

      Elimina
  4. anche a me, caldo insopportabile di questi giorni a parte, spaventa il futuro, tanto, mi spaventa a tal punto che l'altra notte sognavo di partecipare ad un progetto di riforestazione, nel sogno ero lì con altri volontari a piantare alberi in giro per le strade del quartiere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello se progetti così ci fossero davvero! Invece le nostra amministrazioni imbecilli li tagliano, gli alberi. Hai visto il film di Wenders su Salgado? Lui e sua moglie hanno ripiantato una foresta praticamente da soli.

      Elimina
    2. no non l'ho visto, recupererò

      Elimina
  5. Ecco, la tua città (posso chiamarla la tua città?) l'ho visitata in una bolla spazio-temporale come questa che descrivi. E, lo ammetto, confrontata all'afa spaventosa della pianura padana e di New York (ma quanto si appiccica a New York d'estate?!) mi è sembrata un paradiso.
    Attendo però un certo libro che sta per essere scritto sì da demolire le mie certezze.... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, New York d'estate è tremenda, anche se l'anno scorso, con un altro momentaneo effetto gradevole dei cambiamenti climatici, pare che abbiano avuto un'estate deliziosa.
      Il libro è in lavorazione! :-)

      Elimina
  6. Sottoscrivo il pensiero di Luciano, aggiungo la mia profonda inquietudine... e cerco di metter via i soldi per venire quanto prima in California! P.s. Carino però il cartello nelle aiuole :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ciccini, loro ci provano. Ieri il mio vicino innaffiava il suo stupido giardino e io volevo tirargli un mattone in testa.

      Elimina
  7. Come disse Zanzotto: mi toccherà lasciare un biglietto a mio nipote, chiedendogli perdono per non avergli saputo lasciare un mondo migliore :(

    RispondiElimina
  8. Ho degli amici che abitano nei dintorni di Boston (lui da 15 anni, la moglie da sempre) e vogliono trasferirsi in Europa perché gli ultimi inverni sono stati pesanti per il freddo. Per cui non è che al nord se la passino meglio... almeno per certi versi. A me questi cambiamenti climatici creano non poca ansia. Non dovrebbero essere i governi a risolvere questi problemi? O quantomeno a trovare soluzioni temporanee. Scrivono che bisogna abituarsi al marrone oppure, come da noi, non scrivono niente (ovvero se ne infischiano). Sia chiaro! Non ho nulla contro il marrone! Anzi... mi dona più del verde! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, è impressionante che da noi se ne parli pochissimo, almeno sui media più diffusi. Leggevo di recente che gli italiani hanno molta più paura dell'isis che dei cambiamenti climatici. Ora, l'isis terrorizza anche me, però ignorare i cambiamenti climatici mi sembra una roba da folli.

      Elimina
  9. Silviaaaaa, allora due cose... 1) colgo il tuo consiglio e vengo a visitarla quest'anno ;) 2) forse tra qualche anno tuo marito si deciderà a cambiare città, e tu sarai contenta e potrai scegliere tra tutte quelle che più ti piacciono, Lisbona, Berlino, ecc. :)

    RispondiElimina
  10. :( mi as che pure qui ci avviamo verso la tropicalizaazione del mare, l'altro giorno ho visto un articolo in cui si diceva che la temperatura si era innalzata di molti gradi :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ci sono in giro un sacco di meduse, no?

      Elimina
    2. Si in certe spiagge tantissime :/

      Elimina