venerdì 27 dicembre 2013

Addicted!

No, non posso dire di che serie si tratta. Sono una snob mio malgrado con le serie, ci ho provato con alcune delle più famose, e sono arrivata a malapena alla fine del primo episodio. Una noia mortale. L'unica che è riuscita a catturarmi, l'anno scorso, è stata Twin Peaks, non proprio nuovissima ma per me una scoperta sconvolgente, non riuscivo a smettere di guardarla, finché Mr. K è ripartito prima di me, io sono rimasta da sola e non ho finito di vedere gli ultimi episodi perché altrimenti sarei vissuta nel terrore. Poi un anno di pace e di bei film classici. E adesso questa. Sono arrivata alla fine della seconda serie, ne ho un'altra e poi so che ce n'è ancora un'altra che non ho. Non riesco a staccarmi, posso guardare anche cinque episodi in un giorno. Naturalmente tutto questo deve finire, e presto. Il problema è che sono circondata da spoiler, ogni volta che cerco un nome o un piccolo dettaglio su google vengo aggredita da svolte tragiche nella vicenda che succederanno molto più avanti e che mi riempiono di angoscia e mi impediscono di dormire di notte per cercare di immaginare come ci si arriverà. Adesso ho appena visto una puntata a lieto fine e subito dopo ho scoperto una cosa orrenda in agguato nel futuro. Ma dovevano proprio far succedere una tale catastrofe, maledizione?
Vi prego, lasciatemi nel mio dolore, non cercate di indovinare di che serie si tratta. Non sopporterei un altro spoiler. Non c'è neanche Mr. K, lui è oltreoceano che ride della mia ossessione.
Ma io posso smettere quando voglio. Anzi, sapete cosa vi dico? Io smetto qui, con il lieto fine. Vediamo se ci riesco.

51 commenti:

  1. Binge-watching! E' una cosa in cui io spesso indulgo, soprattutto in inverno. Questo nuovo stile di guardare le TV series ha anche negli ultimi anni modificato il modo in cui le storie vengono raccontate. Come avrai immaginato io guardo tantissime serie ma quella che mi ha creato piu' dipendenza e' stata The Killing. In Danese. Ma con sottotitoli in Inglese. Tre episodi al giorno per due settimane. Quando e' finita la terza serie mi veniva da piangere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così, binge-watching! Molto interessante quello che dici, mi piacerebbe saperne di più su come questa modalità di consumo ha cambiato il modo di raccontare le storie.

      Elimina
    2. I primi a rendersene conto e a sperimentare sono stati ovviamente gli Scandinavi. In a month comincero' un corso (online) in Scandinavian Film and Television con l'Universita' di Copenhagen. A quel punto poi se vuoi potro' inondarti di link al riguardo!

      Elimina
    3. Intanto un'amica mi ha mandato questo da leggere.

      Elimina
  2. ma io voglio sapere che serie! non vale

    io solo ER e un medico tre gli orsi (Northern Exposure in originale) ho trovato irrinunciabili, quest'ultima era talmente "sgarrupata" che era delizioserrima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, Northern Exposure me l'avevano consigliata per guarirmi dal mio snobismo!
      No, non dirò che serie è, almeno finché non mi sarò disintossicata. Non potrei sopportare altri spoiler!

      Elimina
    2. Il problema di Northern Exposure è che non si trovano più le ultime puntate!

      Elimina
    3. Fiu, allora ho una scusa per non cominciare!

      Elimina
  3. La cosa interessante è che il compito di raccontare certe storie è passato dal cinema alla tv via cavo (dai, confessa... è Breaking Bad? ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Haha, vi ho incuriosite!
      Ma io preferisco il cinema, preferisco il cinema, preferisco il cinema...

      Elimina
    2. No, non puo' essere Breaking Bad perche' le series sono cinque... Pero' secondo me se tu guardassi Borgen cambieresti opinione...

      Elimina
    3. Cavolo, questo Borgen non sembra affatto male... ma voi mi volete rovinare!
      Ho la filmografia completa di Antonioni che mi aspetta!

      Elimina
  4. Io adoravo Grey's Anatomy, poi ho deciso di fare a meno della tv, e ho dovuto rinunciarci. E no, dal computer non riesco a vederlo, mi viene subito mal di testa. Però è sempre lì che mi tormenta e lo spoiler mi uccide, perché poi vado su wikipedia e mi leggo tutto quello che mi sto perdendo... Ma a comprare la serie in dvd non ci penso, cosa troppo frivola... (sono fatta male, eh?). Non mi sembra una grande soluzione smettere sul lieto fine, o almeno, io non riuscirei MAI sapendo che posso guardare la puntata successiva... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho leggiucchiato qualcosa qua e là per alleviare la tensione dell'attesa, lo confesso, ma QUESTA notizia in particolare non avrei mai voluto scoprirla, è intollerabile!
      E comunque ci proverò, a smettere sul lieto fine. Se ho smesso di fumare da un giorno all'altro (vabbè, diciamo che la minaccia degli occhi da rana è stato un valido aiuto) posso anche smettere di guardare una serie Tv!

      Elimina
  5. Io con le serie non sono snob, sono Charlie.. Quello della Fabbrica del cioccolato che riceveva una tavoletta di cioccolato all'anno e ne mangiava una briciola per volta, senza fretta, gustandosela a fondo, così durava di più. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, come vorrei essere così anch'io! Proverò a imitarti. Ora mi disintossico e poi ricomincio piano piano. Tanto posso smettere quando voglio ;-)

      Elimina
  6. Già solo il fatto che hai citato la mia serie preferita, Twin Peaks, ti fa onore (ma alla fine hai visto gli episodi finali? E il film?)
    Io le serie non riesco a guardarle così, se non raramente.
    Amo invece sapere che, ad esempio, il lunedì in tv c'è questo e aspetto quel giorno per vedere l'episodio^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto tutto alla rinfusa, cioè, il film l'ho visto prima di vedere la serie, così poi sapevo già chi era il colpevole. E della serie ho saltato gli ultimissimi episodi, dopo che il militare scompare nel bosco, perché mi hanno detto che diventavano troppo paurosi e completamente senza senso.

      Elimina
  7. Confesso: fino all'inizio degli anni '80 agli Stati Uniti mi legava soltanto la musica e la letteratura, un legame come con tanti altri Paesi, senza una passione particolare. Anzi, con qualche punta di ostilità per la guerra del Vietnam, per il maccartismo ecc. Negli anni '80 mio figlio era piccolo e inappetente, io una madre ansiosa che non si arrendeva davanti ai resti del pranzo: il pasto andava consumato tutto. Significava incitare il bambino in cucina per ore e vivere in eterno conflitto con lui. Un giorno non ce la feci più, mi ritirai nel salotto e per evitare di tornare ogni cinque minuti a vedere cosa succedeva in cucina accesi la televisione. Vidi un episodio di General Hospital dell'ABC e rimasi folgorata. Non ne perdetti più una puntata finché la soap non fu tolta dal palinsesto un paio d'anni più tardi. Se non potevo seguirla in diretta chiedevo a cani e porci di registrarmela e andavo spudoratamente nelle case con il registratore per vedermela. A NY acquistai tutta la "letteratura" su GH e ancora oggi seguo la vita e la carriera dei due protagonisti di quelle puntate che mi avevano letteralmente stregata: Genie Francis e Tony Geary. Per la prima volta nella mia vita provai l'ebbrezza di una droga...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastico! Andrea con l'ossessione di General Hospital, non l'avrei mai detto! Questa sì che è una confessione!

      Elimina
  8. Ho consumato boardwallk empire serie 3 nelle prime due settimane di dicembre,ogni sera quando finalmente le creature dormivano ..e nn solo sono addicted a questa serie senza spiegarmene il motivo,ma poi qui il lieto fine non c'e' mai,muore sempre qualcuno e tutti I protagonisti e antagonisti sono cattivi, molto cattivi o cattivissimi, x cui nn e che puoi davvero fare il tifo per qualcuno..non ne esco e son qua che mi macero in attesa che esca in dvd la quarta serie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ummm... praticamente questo post in cui rivelo il mio piano di disintossicazione sta diventando una scusa per raccogliere nuovi titoli di droghe con cui intossicarmi. E poi qui se sono tutti cattivi non ho il problema di dover aspettare il lieto fine!

      Elimina
    2. No qui anzicjhe il lieto fine ti angosci sperando che nn muoia prima uno di un altro

      Elimina
  9. Ultimamente sono snob con la tv, quindi sono immune dalle serie ...i film, salvo rari casi, li vedo solo al cinema. L'ultima serie (che poi non ho vista tutta, e non so se sia ancora in programmazione), è stata L-Word...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono snobbissima con la Tv, non ce l'ho più da tanti anni. Eppure...

      Elimina
  10. Forse ho capito, ma non rivelerò a nessuno la serie di cui sei drogata....Tra compagne di passione ci si intende...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di conoscerti abbastanza bene per poter dire che si tratta sicuramente della stessa serie ;-)

      Elimina
  11. In questo angolo di confessioni per "addicted" apro il mio cuore e ammetto di essere presissimo dai Sopranos.
    Li ho scoperti solo recentemente ma sono ormai alla sesta (ed ultima serie).
    Dopo averlo ammesso mi sento già meglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un altro che mi consigliano tutti. In particolare mia suocera, chissà perché!

      Elimina
  12. Lo ammetto, anche io soffro del vizio del binge-watching. La scusa ufficiale è che le serie TV mi aiutano a mantenere vivo il mio inglese :D
    Tra l'altro, in realtà sfrutto gli episodi soprattutto come pausa tra una tranche di studio e quella successiva - un paio d'ore sui libri, una puntata, un altro paio d'ore, un'altra puntata... Quindi finisce che, paradossalmente, vedo più serie TV durante le sessioni d'esami che nel resto dell'anno!

    Detto questo, capisco la tua reticenza a dire il titolo della serie che stai guardando: io sono campionessa di fuga dallo spoiler. Odio quando mi si rivelano dettagli e svolte della trama, mi fa davvero innervosire.

    Buona visione, qualunque sia la serie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Camilla, il tuo mi sembra proprio un ottimo metodo: tutti consigliano di fare molte pause mentre si studia. E poi il tuo inglese non potrà che trarne giovamento ;-)

      Elimina
  13. Eh no, non vale, cosi' ci tieni sulle spine!!! Prometto di non spoilerare, ma se e' davvero una bella serie, consigliacela!
    P.S. Anch'io sono un consumatore bulimico di serie TV, ed il periodo natalizio e' perfetto per fare una scorpacciata di episodi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è bisogno che te la consigli, la conoscerai senz'altro ;-)

      Elimina
  14. Capisco, comprendo e vivo la tua dipendenza...Ti sono vicina! Un bacio :P

    RispondiElimina
  15. ah! io so qual è! ed è una delle poche che non vedo…e comunque tu addicted? I veri addicted (non io, io non lo sono..) possono vedere, senza accorgersene, tranquillamente 13/15 puntate al giorno da 45 minuti l'uno…(no no mica io!). :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se facessi una cosa del genere perderei completamente il contatto con la realtà, passerei le giornate a parlare con i personaggi e nel giro di una settimana mi ricovererebbero in una clinica.

      Elimina
  16. Ecco... per me è iniziato tutto con LOST, qui negli States! Io prima non ero drogata!
    E se vuoi saperlo, ora sono alle prese con Twin Peaks, eh sì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ADORO Twin Peaks! Ma mi è bastato rivedere le foto di certe scene, l'altro giorno, per risentire un brivido di terrore lungo la schiena...

      Elimina
  17. Per dire come sono messa io, continuavo a chiedermi leggendo i commenti perche' fosse sfuggito quello di Antonella, il primo, in cui rivelava il titolo. "Binge-watching", no?
    Ho capito solo alla fine...

    Elle senza manco internet

    RispondiElimina
  18. Ehi ma non hai nessuna fiducia in noi! Come puoi pensare che faremmo spoiler?! Comunque tutta la mia comprensione per l'addiction :) e dire che le ho sempre odiate, che ho cercato sempre di starne alla larga, che non ho visto nemmeno mezza puntata di lost (nemmeno twin peaks, troppa paura, da quando lessi il diario di laura palmer da ragazzina..)! Nè tanto meno er, grace anatomy e compagnia bella, perchè odio aspettare, odio che si lascino le cose in sospeso fino alla prossima puntata o peggio ancora la prossima stagione. Fra invece ci sta abbastanza sotto, e alla fine, con la scusa che erano solo due stagioni, solo tre stagioni, che la storia era bella, mi ha presa nella rete :) Però le guardo solo se so che ho tempo per due o tre puntate, se ne abbiamo scaricate abbastanza, se la stagione è finita, e ovviamente tutte rigorosamente in lingua, che io le guardo per allenare l'inglese mica perchè sono addicted!
    comunque secondo me è breaking bed...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, mi devi perdonare se ho dimostrato una mancanza di fiducia, ma sai, certe cose possono capitare involontariamente, qualcuno trascinato dall'entusiasmo che non ha capito bene a che punto sono arrivata e vuole condividere un momento di gioia o di tristezza e... la frittata è fatta!
      Cavolo, chissà che paura leggere il diario di Laura Palmer!

      Elimina
  19. Che voglia di rivedere Twin Peaks! Mi ricordo che avevo il diario di Laura Palmer (usciva insieme a Tv sorrisi e canzoni se non sbaglio) ^_^
    Io snobbo un sacco di programmi, ma non potrei più vivere senza Sky...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me Twin Peaks è insuperabile. Stiamo parlando di Lynch, eh, mica cotiche (cit.)!

      Elimina
  20. Ecco, io niente tv ma serie televisive a go-go. Non ti dico né titoli né altro, ma se ce la fai con il tuo intento avrai la mia imperitura ammirazione. Io non ci provo neanche ;)

    RispondiElimina
  21. No vabbè, devi dire qual è!!!
    Io storicamente mi affeziono a poche serie, che però mi mandano al manicomio per l'addiction.
    Six Feet Under anni fa (rivista in loop circa 4-5 volte), Breaking Bad e Mad Men di recente.
    Però io amo la serialità. Sono paziente. Come con i manga. Ne escono due l'anno della serie che mi piace? Pazienza, aspetto. In realtà vorrei che niente finisse MAI, quindi riesco a centellinare.
    Ah, quest'anno la new entry in fatto di addiction è stata House of Cards, che Netflix mette online tutta insieme in un giorno solo. È una vera rivoluzione per quanto riguarda la fruizione e cambia anche il modo di raccontare, perché se ho già tutte le puntate da subito, i cliffhanger a fine episodio, ad esempio, che senso hanno?
    La seconda stagione sarà TUTTA online il giorno di San Valentino, ma io comunque vedrò un episodio al giorno, a pranzo. #cantwait :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero affascinante questo viaggio nelle modalità di fruizione delle serie Tv! Quindi tu riesci a centellinare gli episodi guardandone uno al giorno... volevo fare così anch'io, ma non mi riesce. E interessante anche l'idea di Netflix... perché non credo che le serie possano sopravvivere senza cliffhanger.

      Elimina
  22. Io non bevo, non fumo e non faccio cose strane...ma lo ammetto, le serie televisive sono la mia droga (seconde solo alla coca-cola). Farei probabilmente prima a listare quelle che non seguo, piuttosto che quelle che seguo. A volte nascondo questo mio vizio nella scusa "mi serve per mantenere vivo l'inglese"...ma dentro di me conosco bene la verità...
    Se la serie che stai guardando è Downton Abbey, arriva tranquillamente all'ultima puntata della terza serie, piangi tutte le lacrime televisive che puoi dare e poi, please, fermati lì. La quarta non merita il tempo perso davanti allo schermo.
    E sì, gli spoiler sono brutti, soprattutto quelli che cambiano irrimediabilmente il corso della serie...mannaggia a youtube!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessia, ebbene sì, ora lo posso confessare, era Downton Abbey. Ma dopo aver scritto questo post mi sono fermata, alla fine della seconda serie, con il lieto fine che volevo. La tragica notizia che ho scoperto attendermi nella terza serie non la voglio proprio vedere, per me DA è finito con la proposta di Matthew sotto la neve. Sono definitivamente disintossicata e felice.

      Elimina