giovedì 20 giugno 2013

Just for Pun

Mr. Keats odia i pun, i giochi di parole che sono l'incubo del traduttore ma che gli anglofoni, a partire dal Bardo, amano tanto. Io li trovo divertenti, quando non li devo tradurre.
Un post di Clyo, che cita il negozio di timbri londinese Blade Rubber, mi ha ricordato che la mia fonte preferita di pun per far inorridire Mr. Keats sono i nomi dei negozi. Eccone alcuni. Voi ne conoscete altri?


Les Cent Culottes ("Lingerie Française")
The Grateful Head (parrucchieri)
Citizen Chain (biciclette)
Citizen Cake (ristorante)
Lettuce Eat (ristorante)
Juan in a Million (ristorante)
Lord of the Fries (ristorante)
Thai Tanic (ristorante)
Pane in the Glass (lavaggio finestre, giardinaggio ecc.)

44 commenti:

  1. A Dublino abbiamo Abrakebabra, kebab takeaway. Hai mai ascoltato Fry's English Delight, la parte relativa ai puns?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abrakebabra! Meraviglioso! Non vedo l'ora di dirlo a Mr K. Gli ho appena letto gli altri via skype e si è arrabbiato tantissimo, soprattutto per Lord of the Fries.
      Adesso recupero tutto il Fry perduto!

      Elimina
  2. Ahahah! Ma perché non gli piacciono? Potrei capire se tu li odiassi... Però quelli di Shakespeare sono sempre geniali, quando li scopro ( raramente purtroppo) li adoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dice che non hanno senso, che ottengono l'effetto opposto, che lui in un posto che si chiama Lord of the Fries non ci andrebbe mai perché gli verrebbero subito in mente le mosche fritte. Gli anglofoni si dividono fra chi adora i pun e chi li odia, e lui è irrimediabilmente nel secondo campo.

      Elimina
    2. Avvistato vicino a Trafalgar Square un pullman tutto nero con la scritta : ghost bus tour!
      ...ci ho messo un attimo a capirlo, lo ammetto.

      Elimina
    3. Ah, ma questa è sottilissima! :-D

      Elimina
  3. secondo me Abrakebabra li batte tutti :)

    RispondiElimina
  4. Thai Tanic è bellissima! A volte trovo dei giochi di parole nei libri che leggo che mi fanno venire i brividi. Se da una parte sogno un giorno di misurarmi con la traduzione di narrativa, in quei momenti tiro invece un sospiro di sollievo :P
    Ora non mi vengono in mente nomi di negozi, ma ricordo un personaggio che chiedeva a un altro qual era l'iniziale del suo nome.

    - W, why?

    Da lì partiva tutta una scenetta divertente piena di equivoci. Ci ho pensato per giorni.

    RispondiElimina
  5. tra i vari animali che hanno allietato la mia esistenza posso annoverare un "Rufus and Chaka CAN" , un cane meticcio molto agitato e un "Larry BIRD", un corvo nero leggendario come il mitico cestista dei Boston Celtics. Valgono ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D Ma certo! Intanto da feisbuc mi arrivano Gugliel Motel e il barbiere londinese Ryan Hair...

      Elimina
    2. il gugliel motel è all'uscita dell'autostrada dopo Bergamo

      Elimina
  6. :-D

    Tienilo alla larga da So much pun (“visual puns and jokes”), ogni tanto ce ne sono di divertenti, anche con i nomi dei negozi, ad es. quello che sembra un post per pranzi veloci, life of pie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magnifici! Se un giorno decidessi di torturarlo potrei legarlo alla sedia e farglieli vedere tutti. Sometimes I feel so irrelephant...

      Elimina
    2. Come in una famosa scena di 'Arancia meccanica' con le palpebre alzate ;)

      Elimina
    3. Cavolo, dovrei essere proprio arrabbiata! :-D

      Elimina
  7. Buongiorno Silvia, non ho mai commentato ma seguo il tuo blog da un po'.
    Qui a Montreal c'e' il ristorante "les cons servent". E' gestito da un gruppo di amici alquanto autoironici... In piu', per restare fedeli al gioco di parole, oltre a mangiare molto bene, si possono comprare vasetti di conserve fatte in casa che stanno in bella vista sul bancone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, che belli i pun francesi, questo lo mettiamo subito insieme a Les Cent Culottes! Grazie e benvenuta!

      Elimina
    2. Si', son scema, non mi sono neppure firmata... Dovrei starci anch'io tra i cons servent ;)
      Roberta

      Elimina
  8. Hai ragione, i pun sono un incubo per i traduttori, ma simpaticissimi. In ungherese ce ne sono tanti, purtroppo non godibili per i non madrelingua:-(

    RispondiElimina
  9. Io ne ho capiti la metà...come ogni volta in cui mi fanno delle battute con giochi di parole in americano!! Ce ne saranno di sicuro anche qui, ma probabilmente non li ho mai capiti! :-D

    RispondiElimina
  10. Purtroppo parlo troppo male l'inglese per capire i giochi di parole.
    Mi ricordo la storia di un "pun" involontario,raccontata alla Tv da Beppe Servegnini su un negozio di Genova (mi pare)chiamato all'inglese "Top one", che ebbe successo solo quando comincio' ad essere letto all'italiana: "Topone".
    "Andiamo a fare acquisti dal Topone" divento'un invito irresistibile. Potenza dell'ignoranza!

    RispondiElimina
  11. Qui ce ne sono tantissimi,in particolare i parrucchieri. Il mio favourite: curl up and die :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accuratamente evitato dai superstiziosi! :-D

      Elimina
  12. Io conosco un Bar Bone, ma non so se e' la stessa cosa: "bone" non significa nulla.. Gugliel Motel lo conosco anche io..

    RispondiElimina
  13. Io invece li adoro, certo, non sono nè scrittrice nè traduttrice... :D
    Mi spremo le meningi e te ne trovo qualcuno nella scatola mentale dei ricordi. Perchè ci sto attenta quando giro eh, a notarne.
    P.S. ma gli allocchi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli allocchi hanno felicemente lasciato il nido poco dopo il mio post!
      Adesso sto seguendo due piccoli cicognini neri (per ora bianchi), qui.

      Elimina
    2. Visti... ma che meraviglia!!! :D

      Elimina
    3. Hai visto? Sono come dei piccoli Paperoga, così goffi! Sto scattando mille foto, poi naturalmente ci farò un post.

      Elimina
  14. I saloni dei parrucchieri meritano una pagina tutta per loro, pero' ho notato che anche i giardinieri hanno dei nomi carini, abbiamo Lawn & Order e Weed Man giusto per citarne alcuni.
    Hai mai visto la catena di ristoranti cinesi Wok'n' Roll?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, i parrucchieri sono tra i più fantasiosi, dopo i ristoranti, direi. ma Lawn & Order è una perla!

      Elimina
  15. a me viene in mente il Bar Lume di Malvaldi mentre fuori Padova c'è il Bar a Onda e c'è una pizzeria osteria che si chiama TiroVino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'italiano gioca moltissimo con i nomi dei bar. TiroVino è molto carino!

      Elimina
  16. beh nn posso esimermi dal citare la catena inglese di intimo LASENZA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Orpo, lo sai che questo non l'ho mica capito?

      Elimina
    2. hai presente i nostri Intimissimi? ecco loro hanno Lasenza

      Elimina
  17. C'è anche il famigerato Gugliel Motel che si vede dall'autostrada Milano-Venezia, se non ricordo male vicino a Capriate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo, questo Gugliel Motel rimane veramente impresso, è stato citato più volte!

      Elimina
  18. Se non sbaglio a Roma c'è una tipografia dalle parti dell'università che si chiama HARRY PLOTTER...

    :DDD (ho una venerazione per i pun)

    RispondiElimina
  19. Io li adoro ma in questo momento mi viene in mente solo le "Spätzle alitäten" di un ristorante svevo a Berlino, "Kreuz Burger", e il "Bar One" vicino all’Università a Milano.

    RispondiElimina