mercoledì 19 settembre 2012

Un viaggio, un libro

Il viaggio è stato lungo, come sempre, ma avevo una storia meravigliosa a tenermi compagnia. La storia di Patti e Robert.

"It was the summer Coltrane died. The summer of Crystal Ship. Flower children raised their empty arms and China exploded the H-bomb. Jimmy Hendrix set his guitar in flames in Monterey. AM radio played Old Billy Joe. There were riots in Newark, Milwaukee, and Detroit. It was the summer of Elvira Madigan, the summer of love. And in this shifting, inhospitable atmosphere, a chance encounter changed the course of my life. 
It was the summer I met Robert Mapplethorpe."



"There are many stories I could yet write about Robert, about us. But this is the story I have told. It is the one he wished me to tell and I have kept my promise. We were as Hansel and Gretel and we ventured out into the black forest of the world. There were temptations and witches and demons we never dreamed of and there was splendour we only partially imagined. No one could speak for these two young people nor tell with any truth of their days and nights together. Only Robert and I could tell it. Our story, as he called it. And, having gone, he left the task to me to tell it to you."


E poi, le Alpi. Casa.







29 commenti:

  1. Lo sai che per un attimo, aprendo la pagina, avevo pensato che la ragazza nella prima foto fossi tu? :)

    Adoro lo stile di Patti: sensibile, intimo, ma allo stesso tempo reale e concreto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, magari!! Non è neanche la prima volta che me lo dicono: una volta un amico, vedendo questa foto che avevo messo su fb, mi ha scritto: "per un attimo ho pensato che fossi tu con Burroughs." Sigh!

      Elimina
  2. Bellezza! Praticamente gli anni in cui successe tutto, quelli in cui avrei tanto voluto vivere.
    E la loro amicizia/sodalizio è davvero straordinaria! Ma insomma, Patti li ha conosciuti proprio tutti tutti, eh?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, tutti tutti. Jimi Hendrix, Janis Joplin, Bourroghs, Gregory Corso, una storia con Sam Shepard... come ho scritto su fb, non capisco perché non sono nata Patti Smith.

      Elimina
  3. Non mi crederai ma ieri ho letto una recensione ungherese del libro (appena uscito in ungherese), e fresca di voglia di leggerlo ho postato una delle foto che li ritrae insieme come immagine di copertina di Fb. L'ho tolta due ore dopo perché non è piaciuta a nessuno e ho pensato di aver comunicato un'idea sbagliata con quella foto. L'ho sostituita con una bellissima immagine di un uccello (non mi chiedere la razza perché l'ornitologia non fa parte dei miei punti di forza), proprio in tuo onore:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come, non è piaciuta a nessuno? Sono foto bellissime!
      E comunque è bellissimo anche l'uccello: è un martin pescatore. :-)

      Elimina
    2. Magari, Andrea, l'avevi postata semplicemente in un orario di poco traffico:)
      Lo sai, Silvia, che questo libro è nella mia wish list da tanto?

      Elimina
    3. Giusi, DEVI leggerlo! Ti piacerà tantissimo!

      Elimina
  4. è da un po' che vorrei leggere questo libro, e ora non può che scalare rapidamente la lista d'attesa... Anch'io ho spesso la sensazione di essere nata nel decennio sbagliato :-( Così mi consolo con le letture e la musica, che sono diventate una sorta di viaggio nel tempo. Anyway, ma qui parte il concorso separated at birth...
    Smaltito il jet lag, fatti viva!!!

    RispondiElimina
  5. Bello attraversare oceani e paesi con un libro che ti porta in un altro tempo, in un altro mondo. Chissà se esiste in traduzione italiana e chissà se c'è una traduttrice disposta a tradurlo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esiste, sono andata a vedere. Stesso titolo, Feltrinelli, traduzione di Alessandro Mari. Troppo tardi per me! :-)

      Elimina
  6. Quanta dolcezza. Al momento non credo avrei la forza di leggerlo, finirei per piangere a fiumi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, io sono riuscita a piangere persino all'aeroporto di Londra durante un'attesa di quattro ore dopo un volo di undici!

      Elimina
  7. Hai tutta la mia ammirazione!

    RispondiElimina
  8. Un giorno a Berlino tornavo in bicicletta e ho visto questo museo alla mia sinistra, c'era una mostra di Mapplethorpe e ho deciso di fermarmi, è stata una visita improvvisata e molto bella, in una vecchia scuola, mi ricordo che questo libro era appena uscito, o almeno così mi sembra. Mapplethorpe lo avevo visto anche a Torino, in un posto sul Valentino.E' l'unico artista che ho visto due volte ora che ci penso. Sono una sua fan!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io lo avevo visto a Torino, credo... era quella mostra con la stanza vietata ai minori?

      Elimina
  9. First of all, Bentornata, Silvia! Che magnifica storia che non conoscevo. Voglio prendere il libro, subito!!!!
    A presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro ti piacerà tantissimo, Titti, ne sono sicura.
      A presto!

      Elimina
  10. Lo prendero' su Kindle.. (dovresti ricevere un "taglio" per l'incremento vendite del libro...;)
    La lettera e' davvero incredibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, lo so, dovrei prenderne tanti, di "tagli"... :-)

      Elimina
  11. Oooh. Quanto amore. Quante emozioni in questo post. E bentornata a casa!

    RispondiElimina
  12. ciao Silvia, non so bene se casa tua sia Milano, lo presumevo solo, dato che avevi apprezzato un commento in favore della città. vorrei mandarti questo link a un video che la ritrae in maniera molto poetica. su twitter credo tu non ci sia, allora ti "spammo" qui: http://vimeo.com/33976434, ne ho parlato anche sul blog perché è troppo bello!

    al di là di ciò, ora che lavoro meno e ho più tempo per leggere e curiosare sui blog di chi mi viene a trovare, mi sono andata a vedere quello sul tuo lavoro. ma tu.. ma tu... ma tu sei una donna ganzissima! ma traduci tutta gente scandalosamente PHIGA, tipo Nathan Englander e Zadie Smith sulla quale io perbacco ho scritto la mia tesi! riprendo fiato, e mi inchino ai tuoi piedi: complimenti, donna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti ho scritto anche sul blog, questo video su Milano è davvero molto carino, grazie! (Meno mano che non mi hai linkato l'altro!)
      Grazie dei complimenti, e perbacco, come si intitolava la tua tesi sulla Zadie?

      Elimina
    2. La tesi sulla Zadie era sul concetto di identita' ibride che sviluppava nei personaggi di Denti Bianchi. E' soprattutto lavoro di analisi del personaggio. E ora, sette anni dopo, mi trovo a essere io "l'emigrata" e a pensare che dovrei pure io adottare un'identita' fluida, per evitare lo sfaldamento in tanti pezzettini. secondo me e' una donna saggia, lei.

      com'e' il libro nuovo? e cosa hai pensato di On Beauty? io all'epoca ero rimasta delusa, ma magari dovrei dargli un'altra chance (sono una rilettrice accanita.)

      Elimina
    3. Uhm, identità fluida... la mia mi sembrava più fluida prima di emigrare, adesso mi si sta pietrificando!
      On Beauty, come dicono tutti, è meglio di The Autograph Man. Il nuovo libro è diverso da tutti gli altri. Sono curiosa di sapere cosa ne penserai!

      Elimina
  13. L'avevo letto appena uscito in Italia, libro bellissimo, per i contenuti, per l'indicibile bellezza dei protagonisti e per la scrittura. Patti Smith l'ho rivista in concerto quest'estate e continuo a pensare che sia una donna speciale e straordinaria.

    RispondiElimina