mercoledì 13 novembre 2013

Bohemian Life Sucks: my interview on Zyzzyva

 
That's not the real title of the interview, it's the last line. But I've been wanting to use it for a long time. Ilaria Varriale interviewed me for the literary magazine Zyzzyva, and it's one of the best interviews I've ever had. I talk about Jonathan Franzen, Junot Díaz, Boris Pasternak and much more. Enjoy!

Balancing Being Herself and Being True to the Author: Q&A with Silvia Pareschi

16 commenti:

  1. Splendida intervista Silvia, complimenti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice, anche a me è piaciuta :-)

      Elimina
  2. Bella intervista, racchiude un po' tutti i concetti di questo blog riguardo al tuo lavoro e ne approfondisce alcuni aspetti. Però non ci hai detto com'era il risotto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto il concetto che "Bohemian life sucks!"
      Il risotto era con le lenticchie, in onore dell'intervistatrice vegan.

      Elimina
  3. Hai tradotto persino la citazione di Bufalino…
    Intervista perfetta, anche grazie alle domande ben calibrate, ed è di grande utilità per chi vorrà intraprendere la "carriera" di traduttore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Ilaria è stata bravissima, mi ha fatto delle ottime domande.

      Elimina
  4. La summa del Pareschipensiero sulla traduzione, grazie!
    Ma come sucks? Non ti piace la casina...ehm...retrò? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace la mia in Italia perché l'ho...ehm... sistemata io (dopo che è crollato per l'ennesima volta l'attaccapanni a muro è venuto un amico trapanomunito e si è meravigliato di quanto tenessero i chiodi rinforzati con l'attak).

      Elimina
  5. Che bello leggere l intervista dopo piu di due anni che ti leggo sul blog..ti immaginavo dare le risposte, nn come quando leggo interviste di gente che nn conosco per niente
    Sono d accordo con te, da noi sembra che I soldi puzzino e bisogna far finta che nn ti interessino x nn sembrare greedy,quando si tratta semicemente di esser pagati x I'll proprio lavoro..siamo una nazione di stagisti ad libitum :-(

    RispondiElimina
  6. Mi è piaciuta molto questa intervista, per le tue risposte ma anche per le domande che ti sono state fatte, ben argomentate e molto interessanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche Ilaria è traduttrice (e non solo), perciò sapeva bene cosa chiedere!

      Elimina
  7. Ma sono io imbranato, o c'è solo la versione in inglese? ... voglio dire, c'è la traduzione in italiano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, no, volevo tradurlo per NI ma non sarebbe corretto, scrivo articoli per loro e poi compaio anche come loro intervistata... magari me l'autotraduco e me la pubblico qui :-)

      Elimina
  8. Finalmente ce l'ho fatta a leggerla tutta! Domande interessanti, si vede che Ilaria sa di cosa parla. e risposte altrettanto interessanti, e divertenti :)

    RispondiElimina