martedì 27 gennaio 2015

Un pomeriggio con le otarie

Ho fatto un giretto fino all'oceano...


... per fotografare le otarie e sono tornata a casa con circa quindicimila foto. Ne ho scelte faticosamente quattordici e ora ve le propongo. Prima di tutto la mia preferita


E poi le altre, in ordine sparso













36 commenti:

  1. Bravissima Silvia, anche se alcune mi hanno fatto pensare allo show di un famoso comico irlandese che parlava di "small Irish towns late on a Friday or Saturday night when clubs are throwing people out on the street". Hahaha!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonella, sono contenta che ti piacciano. Eh sì, le otarie sono delle dormitrici formidabili. D'ora in poi anziché dire "ho dormito come un ghiro" dirò "ho dormito come un'otaria"!

      Elimina
  2. Quando vivevo a San Rafael andavo a San Francisco tutte le mattine e la prima fermata era proprio ad ammirare questi rotoloni di grasso! Belleeeee

    RispondiElimina
  3. Che belle pisolone! Poi...Hanno una gamma di colori fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quelle nere lucide ovviamente sono bagnate, però ci sono le marroni più o meno chiare e anche una semibianchiccia...

      Elimina
    2. Ecco, io più che l'odore vorrei sapere come sono al tatto! Da bagnate sembrano liscissime, da asciutte sembrano di velluto... poi magari dal vero sono ruvide.
      Conosci qualcuno che lo sa? Tipo "L'uomo che accarezzava le foche?" :-D

      Elimina
    3. Mah, l'uomo che accarezzava le foche dovrebbe chiamarsi anche "l'uomo senza olfatto", visto quanto puzzano :-D

      Elimina
  4. Come riposano ben rilassate vicine vicine! La prima si mostra ben fiera di se stessa.. con ragione!
    Belle foto, complimenti.

    RispondiElimina
  5. la prima è ironico/imperiale, della serie: sono bella dicono, sono così di natura senza sforzo alcuno ma non ne sono consapevole :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sembra anche una simpatica canaglia.

      Elimina
  6. Ma guardale lì come si riposano, con quell'aria beata... che invidia! Comunque 'sto zoom è uno spasso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dall'invidia deduco che sei molto impegnata... bene!
      Sì, lo zoom mi piace da matti :-)

      Elimina
  7. Bellissime. Oltre alla tua preferita, anche quella dell'otaria che si stiracchia la pinna e' notevole.
    Mi chiedo solo come facciano a dormire tutte insieme a quel modo...

    RispondiElimina
  8. Grazie di questa condivisione. E' bello vedere le otarie serenamente spaparanzate e immaginare te che le fotografavi ...

    RispondiElimina
  9. cavoli quante!! che bellezza, complimenti per le foto! buona serata, ciao Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non erano neanche tutte. A volte ce ne sono molte di più!

      Elimina
  10. Splendide foto. La baia ha qualcosa di mediterraneo. Le foche di familiare. Sei bravissima :) :)

    RispondiElimina
  11. posso dire che sei tenera a tornare a casa con quindicimila foto? haha conosco bene lo "scatto compulsivo", ma sto cercando di disintossicarmi :-)
    Le mie foto preferite sono la5 e l'8 del post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché disintossicarti? E' una dipendenza che non fa male!

      Elimina
  12. Ma che simpatiche! A me piace la settima :)

    RispondiElimina
  13. Quindicimila foto per sceglierne quattordici? UHmmm... Mi,diventerai come Sebastiao Salagado!

    RispondiElimina
  14. Che belle foto! Merito tuo, ma anche un opo' delle modelle! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto è che io vorrei fotografare tanti uccelletti, ma quelli non stanno mai fermi. Invece le otarie dormono sempre, e così ho pensato che sarebbero state un ottimo soggetto per le mie foto.

      Elimina
  15. No, ma sono fantastiche!!! E anche tu e il tuo nuovo zoom mi piacete un sacco!

    RispondiElimina
  16. E dopo Bud Spencer in "Io sto con gli ippopotami", Silvia Pareschi in "Io sto con le otarie" (musichetta di sottofondo...)

    RispondiElimina
  17. Fantastica, ora capisco perché sei meno sul blog: ti stai preparando a fare documentari fotografici alla Folco Qulici ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sigh, magari! In realtà in questo periodo sto lottando contro l'insonnia, ho fatto già tre notti in bianco in dieci giorni, e devo usare il poco tempo non rincoglionito che mi resta per lavorare :-(

      Elimina
  18. La forza della natura! Io passerei ore e ore a guardare gli animali. Hanno un effetto calmante (almeno su di me).
    x l'insonnia: (se hai tempo) ti consiglio (banali ma spesso efficaci) camminate e qualcosa di omeopatico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ho comprato delle bombette a base di erbe che sembrano funzionare :-)

      Elimina
  19. Che meraviglia, Silvia, grazie! ma sai che foche e otarie sono il mio animale preferito!? E comunque non sono (solo) pigre, eh, hanno bisogno di vitamina D - o almeno questa scusa si sono inventate per poltrire (diventando il mio animale feticcio!) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahaha, questa è la scusa più ridicola che abbia mai sentito! Con tutta la nebbia che c'è a San Francisco, sai quanta vitamina D che assorbono! :-D

      Elimina