giovedì 5 febbraio 2015

A spasso per Chinatown

Qualche giorno fa sono andata a spasso per Chinatown insieme alla mia vicina di casa, Holga My Dear. Ecco alcune immagini della nostra passeggiata.



Il Grande Calamaro Arancione (con parchimetro)

"Guarda, una libreria! Non ho mai visto una libreria a Chinatown, andiamo a vedere la vetrina!"


La torta Grande Muraglia


Ancora pesci stesi

L'ultimo esemplare (Kiss My Ass)

La mia preferita

35 commenti:

  1. Chinatown riserva sempre delle grandi sorprese!! L'ultima foto è eccezionale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ci passo quasi tutti i giorni e ancora mi stupisco!

      Elimina
  2. La prima è davvero impressionante... Brrr... Comunque quello è il mio quartiere preferito di SF, ha un fascino tutto suo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e per adesso rimane immune dai cambiamenti che stravolgono altre parti della città. Speriamo che resista!

      Elimina
  3. I pesci stesi sono notevoli, almeno sappiamo che non usano l'asciugatrice :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è consolante, almeno non usano l'asciugatrice della lavanderia a gettoni che frequento io!

      Elimina
  4. Ahahahah, era molto bella quella libreria.
    L'ultima è davvero una chicca. Dobbiamo riflarlo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho in mente qualche altro posticino dove potrei portarti... Basta Chinatown, però!

      Elimina
  5. Ho riso tanto, soprattutto per l'ultima foto!!! Comunque, i pesci appesi e soprattutto la vetrina della libreria mi hanno ricordato la chinatown di Tokyo: chincaglierie appese ovunque, videogiochi a non finire, pacchianaggine estrema, e però..anche il ramen più buono che io abbia mai mangiato! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui il ramen buono lo trovi a Japantown. Per carità, se vieni a SF non mangiare mai a Chinatown!

      Elimina
  6. Adoro le Chinatown. Hanno un che di misterioso ed eclettico allo stesso tempo. Woody Allen insegna :)
    L'ultima è bellissima: è un mix incredibile di idee politiche e religiose.. e sono certa che in quella vetrina c'è anche del balsamo di tigre ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sììì! E se guardi bene anche delle ciabatte con i sassi sul plantare :-D

      Elimina
    2. Non avevo capito che fossero sassi, ma sono geniali, dài!
      Con quelle è come camminare sulla spiaggia tutto il giorno, se non hai a portata di mano una spiaggia... :)
      E comunque anche la torta grande muraglia è "cool"! E' da boss delle torte :D Ma come si farà a tagliarla senza massacrarla? In questo, forse, noi italiani siamo più pragmatici.

      Elimina
    3. Secondo me è in quella vetrina da alcuni anni, forse è meglio che non la taglino!

      Elimina
  7. Mi unisco al coro: l'ultima e' fa-vo-lo-sa. La voglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seriamente, ci stavo pensando per la stanza del Cinese (per ora lo chiamo cosi'), se davvero dovesse andare in porto l'adozione... Che dici? E' troppo? ;)

      Elimina
    2. Così si fa subito le sue idee politiche! :-D

      Elimina
  8. Tutte incredibili ! Ma i pesci stesi... Troppo forti !!! Pure a Milano non scherzano !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me però quella di Milano sembra molto più pulita!

      Elimina
  9. La libreria sembra un'accozzaglia di roba, tipo gli scaffali delle sottomarche degli Autogrill XD
    Il Partito Comunista Cinese è Satana?? E io che credevo che Satana fossi... io!! Oo

    Moz-

    RispondiElimina
  10. sì l'ultima è un manifesto!

    RispondiElimina
  11. Fantastici i pesci stesi (e che Silvia&Holga vadano a spasso insieme!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vieni a trovarci e fondiamo il club delle Berlinesi! Io ho già la mia maglietta "I ❤ Berlin" che indosso qui con grande orgoglio.

      Elimina
  12. Ma si seccano davvero i pesci appesi così? Ma lì non c'è un clima umido con la nebbia? O li seccherà lo smog? E i gabbiani non arrivano a mangiarseli? Misteri cinesi... come il colore del calamaro... sarà colpa di Satana ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, hai fatto un racconto! Comunque in questo periodo la nebbia non c'è (a parte i primi giorni che ero qui, tanto per darmi il benvenuto. E oggi piove, alleluia), ma lo smog sì. L'altra sera ho provato uno studio yoga che purtroppo aveva le finestre affacciate su una strada trafficata, e sono andata via con l'asfalto in gola.

      Elimina
  13. Buona e bella passeggiata cara Silvia.
    Inevitabile per me accostare chinatown a CAPAREZZA, altro luogo, altra passeggiata...
    Ciao

    China Town.
    Il luogo non è molto distante,
    l'inchiostro scorre al posto del sangue,
    basta una penna e rido come fa un clown,
    avvolte la felicità costa meno di un pound.

    RispondiElimina
  14. Per deformazione vegana ho letto seitan!

    RispondiElimina
  15. ahahh divertente. e rospi gracchianti in vendita nei secchi niente? a nyc è pieno, pare che secondo la tradizione buddista liberare rospi in cattività porti bene. secondo me molti vengono liberati... in pentola: prosaicismo zen, lo chiamano ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, adesso ti spiego. Per anni per andare al lavoro ho camminato lungo Jackson, passando davanti a una rivoltante pescheria che aveva non solo rospi nei secchi, ma anche tartarughe squartate vive esposte sul marciapiede. Da quest'anno ho scoperto che posso scendere lungo la parallela (non chiedermi perché non ci ho pensato prima, forse pensavo che una valesse l'altra), Pacific, che in effetti è molto più pacifica e meno disgustosa. Ora Jackson non mi vede più neanche dipinta, e dai rospi e dalle tartarughe mi tengo ben alla larga!

      Elimina
  16. Mi delizi, con i tuoi reportage. Solo grazie a te posso immaginare di gironzolare a san Francisco, tra pesci essiccati, vetrine colorate e un'attivista fondamentalista!

    RispondiElimina
  17. Concordo, l'ultima foto coglie in tutto e per tutto il multiculturalismo. Spero ci sarà un secondo post fra poco: il 19 febbraio è il CNY, Chinese New Year e di sicuro li' se ne vedranno delle belle...

    RispondiElimina
  18. Hai raccontato piu' con queste foto che con mille parole!
    Meraviglia (Oddio, i pesci appesi anche no)!

    RispondiElimina