domenica 18 ottobre 2015

Un'altra possibile copertina

Stavo riascoltando un po' di Bruce, perché nel mio libro ci sarà anche lui, e mi sono sorpresa a provare ancora le stesse emozioni, dopo tanti anni. Insomma, ho pianto come una fontana. Sono contenta di non essere cambiata. 
Allora, cosa ve ne pare di questa meravigliosa foto? Sono Bruce e Clarence "Big Man" Clemons, che oggi non c'è più, alla fine di Thunder Road, durante il mitico tour del 1985. 
Ah, e l'altra che mi fa sempre piangere naturalmente è questa
(E comunque, ripensandoci a occhi asciutti, questa foto non andrebbe bene come copertina, però è meravigliosa lo stesso.)


34 commenti:

  1. la foto è splendida: amore come condivisione di emozioni, fatica, passione e gioia ma forse non è la copertina adatta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, infatti, anche perché con il titolo che gli darò penserebbero tutti che è una biografia di Springsteen. Resto sull'astronauta :-)

      Elimina
    2. pensavo che lo scrittore non aveva voce in capitolo sulla foto della copertina e sul titolo, o comunque che l'avesse solo in parte, e fossero più una decisione della casa editrice, mi piace invece pensare che uno possa anche immaginare anche seppur parzialmente la veste grafica della propria creatura

      Elimina
    3. Il titolo è mio e nessuno me lo tocca perché è perfetto. Sulla copertina invece vedremo...

      Elimina
  2. Ecco, a me questa piacerebbe tantissimo, però va detto che io ho gusti particolarissimi (e giudicati strani da molti). A questo punto sono curiosissima di scoprire la scelta finale e se potrai dire la tua... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, il vero punto è proprio questo!

      Elimina
    2. però è divertente questo gioco che stai facendo con noi, che tale resta un po' perché tu probabilmente non avrai possibilità di proporre foto, ma tanto anche perché noi il tuo libro non l'abbiamo letto e quindi scegliamo le foto solo in base al gradimento personale e a quello che ci aspettiamo dal tuo libro. Ne escono anche tante riflessioni interessanti...

      Elimina
    3. Sì, a questo punto sarà interessante vedere che copertina uscirà fuori alla fine!

      Elimina
  3. Bella anche questa ... non come quella con il mitico Panda, ma può andare :)
    p.s. domanda tecnica: lo scrittore, ha voce in capitolo sulla copertina? Parlando con Paolo Zardi e Nicola Pezzoli in un'intervista sul mio blog, mi dicevano che titolo e copertina di un libro vengono scelti sempre dall'editore (99% è così). Comunque sia è un bel gioco (io ne avevo pensato per miei libri, ancora prima di finire di scriverli).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti, è un bel gioco. Per i libri tradotti funziona proprio così, l'autore non sceglie né titolo né copertina, anche se viene sempre chiesta la sua approvazione e se qualcosa non gli piace - soprattutto per il titolo, che viene scelto dall'editor e quindi lascia un buon margine di discussione, mentre la copertina viene scelta dai grafici che non hanno rapporti con l'autore e quindi sono più autonomi - può sempre opporsi.
      Sapendo questo, io sono abbastanza sicura sul titolo, perché piace anche all'agente e secondo me è perfetto, ma non lo sono affatto sulla copertina. Al massimo, se ne frattempo non avrò cambiato idea, potrò proporre quella dell'astronauta e poi stare a vedere come va...

      Elimina
  4. Sono indietrissimo !!! Non sapevo del libro .... Ma che bello ! Comunque se non sarà Qs sento che sarà rock comunque !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mimma! Certo, rock sempre e comunque (poi vedremo, eh, magari mi mettono una principessa sfigata tipo harmony).

      Elimina
  5. The River è una delle mie canzoni preferite in assoluto, e io nn sono una fan di Bruce, ma questo pezzo è pura meraviglia, da brivido. La copertina non funzionerebbe, pur essendo una foto bellissima. Fammi sapere quando escono i racconti, mi raccomando. E quando ho letto il post precedente su scrivere e tradurre, ho pensato che per me è esattamente il contrario: trovo più faticoso tradurre, mentre scrivere è come respirare. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Vedi, tu puoi già paragonare entrambe le esperienze, mentre io quella della scrittura come impegno (semi)quotidiano la sto scoprendo solo adesso. Le cose che saltano fuori da queste riflessioni sono comunque interessantissime.
      Sì, la copertina non funzionerebbe, ma quando l'ho scritto il post ero tutta emozione e non ci ho mica pensato!

      Elimina
  6. Che cara l'immagine di te che piangi ancora come una fontana dopo anni! :) E' bello ritrovarsi capaci di emozionarsi per cose che ci hanno smosso un tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, guarda, ho messo il cd per riascoltarlo e mai mi sarei aspettata di mettermi a piangere! E' stata proprio una sorpresa. Poi ci ho preso gusto e mi sono guardata un paio di video per completare l'effetto fontanella.

      Elimina
  7. Credo che forvierebbe questa, dipende sempre dal titolo, io penserei a biografie o musica o gender (che in questo periodo occupa le menti più elette) . Trattandosi di "racconti americani" mi piaci molto come astronauta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Haha, non avevo mica pensato al "gender"! Ci manca solo che quella banda di coglioni mi boicotti il libro!

      Elimina
  8. Ma guarda un po' te.
    Giusto sabato ho fatto i mestieri con Bruce in sottofondo. E ho fatto partire la riproduzione automatica di YouTube proprio da The River.

    E, per finire, Bruce è legato ai migliori viaggi di ritorno, quando andavo all'università: salivo sul treno la sera, soprattutto d'inverno, cercavo un posto vicino al finestrino, facevo partire un BruceSpringsteen&theEStreetBand live-non-mi-ricordo-più-quando-né-dove. Il treno lasciava la stazione Garibaldi passando per il tunnel: con un po' di fortuna, all'uscita, dalle parti di piazza Carbonari, partivano o The River o Atlantic City o Mansion on The Hill e io mi godevo quattro-cinque minuti di musica meravigliosa con le luci della periferia che mi scorrevano accanto. E lì, in quel preciso momento, mi sentivo benissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riesco a immedesimarmi perfettamente, mi sento già benissimo anch'io :-)

      Elimina
  9. bella anche questa.... effettivamente scegliere la copertina di un libro deve essere davvero difficile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo però non giustifica certe copertinacce che si vedono in giro ;-)

      Elimina
  10. Stupenda! Se la vedesse Fra e se fosse la copertina del libro, te ne comprerebbe almeno 10 copie a scatola chiusa :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi direbbe: "ma cosa cacchio c'entra?" :-D

      Elimina
  11. Ogni post che scrivi sul tuo libro, aumenta le mie aspettative. Quanta voglia di leggerlo 'sto libro!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, basta, allora devo smettere di parlarne! E se poi non ti piace? (Comunque, tra finirlo e pubblicarlo, ci vorrà ancora un bel po'.)

      Elimina
  12. Questa copertina sarebbe esilarante, come quella con il panda, ma sono dell'idea che una copertina è un po' come il titolo, deve creare delle aspettative quelle dell'autore che sa cosa vuol raccontare e quella del lettore che in un certo senso si è fatto un'idea di ciò che leggerà.
    Mai un titolo (un po' meno la copertina alla quale do il giusto peso) ha mai deluso le mie aspettative di lettrice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, allora in questo caso si salva solo l'astronauta. A meno che le mie aspettative non siano quelle di confondere completamente il lettore, cosa che al lettore non piacerebbe e quindi in definitiva non sarebbe una buona strategia di marketing :-D

      Elimina
  13. la musica ha quella forze che riesce a farti emergere emozioni che pensavi ormai dimenticate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, Andrea, soprattutto in un caso come questo, in cui è stata ascoltata a oltranza per un lungo periodo, poi lasciata in sospeso e infine ripresa dopo tanto tempo, E' come le emozioni che conteneva fossero rimaste ibernate, e con il nuovo ascolto si fossero risvegliate ancora intatte.

      Elimina
  14. Madonna mia, mi è venuta la pelle d'oca alla sola vista di questa foto; nulla e nessuno amo più al mondo di Springsteen (tolta ovviamente la stretta cerchia famiglia/amici), e un libro che ne parla, per giunta con la tua voce, non potrà che essere strepitoso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo che fossi una fan così devota! Be', nel mio libro se ne parlerà solo in un racconto. Però intanto ti segnalo "Badlands", il nuovo libro su Springsteen di Alessandro Portelli.

      Elimina
  15. AMO questa foto!
    Leggendo la risposta ad Alli ho imparato qualcosa di nuovo, grazie Silvia! :-)

    RispondiElimina