lunedì 13 ottobre 2014

Postcards from New York/22. Piccole cose per cui vale la pena di vivere in (un paio di) città

E rieccomi nell'amata New York, tappa assai gradita sulla strada di casa.
Sabato sono andata a sentire Denis Johnson (di cui presto tradurrò il nuovo libro), poi sono andata a cena con la mia amica Noa e abbiamo concluso la serata scoprendo per caso un ottimo locale nel suo quartiere, Crown Heights. Il locale si chiama The Classon, fa grande musica dal vivo, ha un personale gentilissimo, serve un ottimo Primitivo ed è gestito da un bolognese (lo abbiamo scoperto dopo) che suona molto bene l'armonica. Avevamo parlato di quanto sarebbe bello trasferirsi in campagna, ma Noa, davanti al Primitivo e al concerto scoperto per caso, ha cambiato idea (io non ancora).


27 commenti:

  1. Un bolognese a N.Y. fa tanto sogno americano. Sono felice per le tue buone esperienze.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. annoso dilemma: campagna e pace, città e varietà offerta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sto parlando con tutti in questi giorni. Raccolgo idee, suggerimenti...

      Elimina
  3. Ma che gente spettacolare conosci? I quadri di Noa sono fantastici!
    Ps: cos'è il Primitivo? Carne umana?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, i quadri di Noa sono bellissimi. Lei è una delle tante belle persone che ho conosciuto in una residenza per artisti, e che rivedo con grande piacere quando passo da New York.
      Il Primitivo è un vino buonissimo! (Adesso un po' troppo di moda qui negli Usa, per cui ti possono anche rifilare ciofeche, ma questo era molto buono.)

      Elimina
  4. Wao, un tocco di vera Italia a NY! :)

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Il fascino delle città, i paesaggi urbani sono insostituibili ed allo stesso tempo la campagna ha l'identica intensità, la nemesi perfetta. Bisognerebbe avere il periodo in città e il periodo in campagna. Magari vicini quasi a toccarsi, ma lontani da non vedersi. Ho invidiato la tua serata, con tanto di lacrimuccia e bolla al naso. Aspetto il prossimo "poster"... preparo i fazzolettini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prossimo poster in arrivo! Stasera è la mia ultima sera, sono stata bidonata e sono rimasta in casa, quindi direi che sono pronta per partire.

      Elimina
  6. Città, città!!! Per me con la campagna non c'è gara. In campagna ci sono nata e cresciuta, ho avuto un'infanzia libera e bellissima, ma appena ho potuto ho scelto la città e ancora non me ne sono pentita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende anche da quanto ti piace la città in cui vivi. A me San Francisco piace sempre meno ogni giorno che passa :-(

      Elimina
  7. Detto da una che tendenzialmente vive in campagna, anche se vicino al mare, e ama la natura: finche' si e' giovani e forti, la citta' offre stimoli che in campagna mancano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, l'idea è stata stimolata dal mese in paradiso, ma là ero con una dozzina di persone interessanti. Il problema sorge quando le persone interessanti vivono tutte lontano da te...

      Elimina
    2. Esattamente! Anche se e' pur vero che da quando esiste Internet vivere isolati pesa di meno. Ma come si faceva prima?

      Elimina
  8. Dilemma anche mio.. due o tre anni in campagna e poi due o tre anni in città è l'unica cosa che mi viene in mente, ma non mi piace questa soluzione, per un sacco di motivi. Una campagna alla periferia della città? Mah..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in certi posti si può fare. Sembrerebbe la soluzione ideale.

      Elimina
  9. Ma quali dilemmi e dilemmi !?La soluzione è il teletrasporto!!
    Sob sob

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma comunque devo avere una casa in cui teletrasportarmi!

      Elimina
  10. Non so quanto oggi sia vera la distanza tra centro e perifieria... forse c'è ancora, ma inevitabilmente le distanze, fisiche e mentali, si sono accorciate.
    p.s.
    Denis Johnson mi piace, il suo Fiskadoro è stato uno dei miei primi libri letti consapevolmente da grande...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai letto anche Angeli? Il suo primo romanzo e forse ancora il migliore.

      Elimina
  11. Per me ho scelto una cittadina a ridosso del mare, abbandonando la cittá.
    Che se voglio non é distantissima, ma non é a due passi.
    La cittá stanca per alcuni motivi, i piccoli centri per altri.
    L'isolamento della campagna non credo lo reggerei per piú di qualche giorno al momento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, bisogna proprio trovare la soluzione "campagna non lontana dalla città".

      Elimina
  12. Dipende sicuramente dalla città, non tutte hanno lo stesso fascino e non tutti sono così interessanti come sembrano anche se sono bellissime.
    Quante belle persone e belle esperienze nella tua vita cara Silvia, stai accumulando tesori.
    Un grande saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu trovi un sacco di tesori, cara Carla :-)

      Elimina