giovedì 27 novembre 2014

Mostre milanesi: Klein & Fontana, Giacometti e il Design italiano oltre le crisi

Allora, ve lo dico subito: la mostra di Giacometti al GAM sarà anche bella (ci sono anche alcuni dei suoi bei quadri proto-baconiani) ma sono in tutto tre sale (piccole). Quando siamo arrivati in fondo siamo andati a cercare la seconda parte della mostra, ma non c'era. Infatti l'articolo di Mr. K parla non tanto della mostra, quanto di Giacometti in generale.


 
Poi c'è la mostra di Klein-Fontana al Museo del Novecento, con le opere un po' sparpagliate qua e là per il museo, una scelta curatoriale secondo me discutibile finché non si arriva alla parte finale, con molti bellissimi pezzi di Klein (e anche di Fontana) che sicuramente valgono una visita.





 

 


La più bella delle tre è però senz'altro Il design italiano oltre le crisi, la mostra attualmente in corso alla Triennale, ricchissima e ben concepita, arricchita da un eccellente catalogo. QUI l'articolo di Mr. K.






E poi mi sono fatta anche un paio di autoscatti:

Autoscatto International Klein Blue

Autoscatto Design

21 commenti:

  1. Stai facendo incetta di arte e design!! Alla grande!! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando c'è Mr.K è più facile, perché entriamo gratis e ci regalano pure il catalogo :-)

      Elimina
  2. sei la seconda che resta delusa dalla mostra di Giacometti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pezzi sono belli (d'altronde trovami un Giacometti brutto) ma proprio pochini.

      Elimina
  3. Già dalla foto che hai messo, la terza sembra la più bella e immagino anche che a Mr. K sia piaciuta molto, con tutti quegli oggetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella è solo la parte finale, organizzata così, ma è grandissima, c'è un sacco di roba.

      Elimina
  4. Ihih.. mi sono appena fatta tradurre da google l'articolo sul design italiano: mi sono dovuta coniugare i verbi da sola e ho dovuto fare dei cambi di posto alle parole, ma mi pare di averlo capito ;)

    RispondiElimina
  5. Ecco, lo sapevo! quando vado a Milano mi indirizzò solo a Palazzo Reale e pigra come sono non vado mai alla Triennale. Da tenere presente. Comunque la mostra di Chagall è stata molto bella, e il luogo certo di più respiro della GAM di Torino, dove La mostra di Chagall era stata allestita nello spazio (angusto) del seminterrato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ne ho sentito parlare molto bene. La Triennale secondo me vale comunque una visita. E poi ovviamente, ora che ci arriva la metro, c'è sempre l'Hangar Bicocca.

      Elimina
  6. Molto bello l'articolo di Mr. K. Fa pensare. Io ho l'impressione che il problema attuale del design italiano sia che si orienti, purtroppo, verso il lusso e che di fronte all'austerity anziché rivolgersi a tutti si diriga soprattutto verso un'élite. Se fosse davvero cosi', sarebbe un vero peccato.
    Mi sarebbe piaciuto veder la mostra, ma torno a Milano solo il 18 dicembre e me la perdo, sigh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, quando riparti? Se non sei troppo presa dalla girandola delle feste, magari riusciamo a dirci ciao di persona (io resto in Italia fino a dopo l'Epifania)?

      Elimina
  7. la mostra Klein-Fontana ho avuto modo di ammirarla in un servizio dedicato. Sicuramente seguirla con la telecamera è diverso (più "mirata"), per cui mi è piaciuta molto, soprattutto l'accento posto sulle avanguardie. E poi qui in anteprima assoluta la summa con il "selfie in blue" :)

    RispondiElimina
  8. Adoro Klein e il selfie in blue. Milano merita una visita!

    RispondiElimina
  9. La mostra sul design è interessante e alla crisi si deve sempre reagire in qualche modo.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Tutto molto interessante, e che bello leggere la parola "autoscatto" invece della stupida "selfie"...

    RispondiElimina
  11. ... detto da una che le parole le conosce, e pure il loro significato, sia in italiano sia in inglese :)

    RispondiElimina
  12. Non è arte moderna, ma forse può interessare ugualmente: a Palazzo Marino da domani, e fino all'11 gennaio, sarà esposta gratuitamente la Madonna Esterházy di Raffaello, proveniente da Budapest.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea, che meraviglia! Ci andrò senz'altro.

      Elimina