domenica 17 agosto 2014

Il mitico sing along del Mago di Oz/2


(Continua da QUI)

All'ingresso riceviamo in omaggio un delizioso kit del Mago di Oz, che comprende la bacchetta magica e la corona della Good Witch of the North, la medaglia del Cowardly Lion, il diploma in Thinkology dello Scarecrow, il cuore del Tin Man, un lecca-lecca, un vasetto di bolle di sapone e un light stick.

Il kit

Il mio light stick (s'intravede l'anellazzo da Wicked Witch of the West)

Dopo avere preso posto e indossato le nostre corone, assistiamo emozionati all'esibizione del "resident organist" David Hegarty che esegue, sul celeberrimo Wurlitzer del Castro Theater, il tema del mago di Oz.


Poi una "presentatrice" vestita da fata chiama sul palco gli spettatori che sono venuti in costume (diverse Dorothy, soprattutto) e ci informano su come interagire con il film. 


 I light stick vanno ondeggiati nei momenti in cui serve un arcobaleno, la bacchetta nei momenti di magia positiva, mentre ogni apparizione della Wicked Witch of the West verrà accompagnata da un sibilo da parte del pubblico. Ogni volta che Toto abbaia dovremo abbaiare anche noi, e quando la pellicola passerà dal bianco e nero al colore dovremo tutti fare "uuuh-aaaah". Oltre a produrre questi e molti altri effetti sonori, il pubblico naturalmente canterà, aiutato da provvidenziali sottotitoli. In realtà io sarò l'unica in tutta la sala ad avere bisogno dei sottotitoli, perché parecchi spettatori reciteranno addirittura tutte le battute a memoria.


Mi sono divertita così tanto che quando cantavo "Somewhere Over the Rainbow" mi sono pure commossa. Adesso però qualcuno deve togliermela dalla testa, perché non faccio altro che cantarla (insieme a questa).

47 commenti:

  1. Ti aspettavo. Mi piacerebbe così tanto che mi sono già allenata in casa. E chissà che prima o poi non mi possa esibire in qualche cinema, magari più vicino di San Francisco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che condividiamo questa passione. Però vacci piano con gli allenamenti: io ancora non riesco a togliermi dalla testa quelle due canzoni!

      Elimina
  2. "Weeee are off to see the wizard, the wonderful wizard of Oz..." Eccola là. E adesso andrò avanti tutto il giorno! [Che invidia per la bacchetta della strega!]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto, è contagioso! La bacchetta la userò presto per far evaporare i nuovi vicini, che sono appena arrivati e già danno fastidio quanto le cheerleader.

      Elimina
    2. urge post sui nuovi vicini

      Elimina
  3. Ma che bello!
    Il kit è troppo carino!
    Ho già dieci idee su kit che potrei ideare per feste varie...
    :)
    Ciao Chiara



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora quando torno facciamo una festa? ;-)

      Elimina
    2. Appena torno ;)
      Oppure vieni qui ;)

      Elimina
    3. Ma scusa, io torno a metà ottobre... non starai mica lì per tutto quel tempo?! O sì?

      Elimina
    4. Sinceramente Silvia penso di si...

      ;)

      Elimina
    5. Silvietta!!!!!!!

      ora ti scrivo in privato e te ne dico quattro ;)))))

      Ma daiiiiiii!!!

      Proprio tu una cosa del genere non me la puoi scrivere!!!!

      :)

      però devo dire che mi hai fatto ridere di brutto :)

      Elimina
    6. Ma no, scusa, volevo scrivere grifone :-D

      Elimina
    7. Oddio sto ridendo di brutto...

      Si grifone! quelli in abbondanza ;)

      Ciao cara ti scrivo in privato che è meglio ;)

      Per fortuna nessuno beccherà questa conversazione ... :)



      Elimina
  4. Io mi sarei divertita moltissimo ad uno spettacolo del genere!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, per questo il cinema è sempre pieno!

      Elimina
  5. Mi sono divertita così tanto (e ho riso!) solo a sentirti raccontare, quindi immagino l'emozione che hai avuto cantando l'ultima canzone.
    È successo anche a me di commuovermi mentre cantavo "dancing queen" alla fine di "Mamma mia! ", credo che tutti avessero i lucciconi, seppur cantando e ballando scatenati

    Però adesso sono troppo curiosa di vederlo anch'io il MagodiOz. Non è che, magari, si spostano da queste parti!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quindi dici che mi butto anche sugli Abba? Al Castro sono dei beniamini, ovviamente, però non mi hanno mai convinta fino in fondo... certo che più camp di così... vabbè, mi hai convinta, la prossima volta vado anche a vedere Mamma mia!

      Elimina
  6. pensa che io la canto e la ricanto e non sono nemmeno stata allo sing-a long!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma la cantavi già oppure ho contagiato anche te?

      Elimina
    2. no io canto spesso over the rainbow, anche se naturalmente storpio le parole, e poi canto "le cose che piacciono a me" o "cancaminin" di Mary Poppins in italiano perché decisamente mi viene meglio

      Elimina
    3. Infatti, al sing along di Mary Poppins sarò l'unica a cantare tutto in italiano!

      Elimina
  7. Ma che bello! Forse avevo sentito parlare di questa cosa con il Rocky Horror, ma pensavo fosse più un raduno per appassionati che un vero spettacolo. Devo ancora capire se mi piacerebbe partecipare o mi vergognerei. Le faremo sapere ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Macché vergogna! Il cinema è buio e TUTTI partecipano (e tutti cantano più forte di te).

      Elimina
  8. Lungi da me rovinarti il divertimento ma mi è venuto in mente che forse il primo esempio di "sing along" è in una distopia di Bradbury, quella più celebre; c'è da dire, però che l'interazione avveniva attraverso battute di dialogo più che attraverso ritornelli di canzoni e che non era collettiva.
    ( in ogni caso, difficile resistere allo zucchero di Mary:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui però siamo in casa camp, che è tutto un mondo a sé, anche cinematografico e letterario. Una cosa che si ama o si odia, se mai ce n'è stata una.

      Elimina
  9. "Because, because, because, because... Because of the wonderful things he does..." Come si fa a non cantare???
    Puoi continuare con la febbre del Mago di Oz ascoltando il tormentone della versione R'n'B degli anni '70: Diana Ross nei panni di una Dorothy un po' stagionata e Michael Jackson come scarecrow... Ambientazione urbana che richiama NY: raggiungono il mago in metropolitana!
    Ease on down the road... (la canzone parte a 00:35)
    https://www.youtube.com/watch?v=qFwAqYBDr2A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, The Wiz! Me ne aveva parlato anche Mr K, ma non l'ho ancora visto. L'ha diretto Sidney Lumet!

      Elimina
  10. Bisogna che corri subito a quello di Mary Poppins, credo sia l'unico modo per tirarti fuori dalla testa Over the rainbow ;) Oppure prova con il manà manà dei Muppets: quello è un chiodo che a me, quando entra in testa, non lo tira via più nessuno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non me la ricordo e non me la voglio ricordare! :-D

      Elimina
  11. no ma chemeraviglia, esistera' anche il sing along degli aristogatti???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sembra, però pare che vada molto quello di Frozen.

      Elimina
  12. Bellissimo. Andrei di corsa a quello di Mamma mia. Perché non esiste in Italia? Ci vuole poco, noooo? Voglio andarci subitissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Milano è famoso il Rocky Horror del cinema Mexico, che dev'essere altrettanto divertente. Altrove non so dove lo facciano.

      Elimina
  13. Che figata pazzesca!
    W IL CASTRO THEATRE!!!

    RispondiElimina
  14. Ahahahah, ma è troppo bello, dev'essere un'esperienza divertentissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per adesso non c'è ancora niente in calendario, tieniti pronta per Mary Poppins!

      Elimina
  15. e se pensi che Over the Rainbow è stata scritta nel '39...!!

    RispondiElimina
  16. il kit e il modo in cui si doveva usare è troppp divertente.
    grazie al tuo post sono andata a leggere di nuovo la biografia della Garland.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che naturalmente è un idolo della comunità gay. Secondo alcuni, i moti di Stonewall (New York, 1969) che diedero inizio al movimento per i diritti dei gay, si scatenarono in seguito al suo funerale. (Secondo altri però è una balla, perché Judy era un'icona dei gay di mezza età e non dei giovani che avevano scatenato la ribellione.)

      Elimina
  17. Vedi quante cose positive in nine hours of separation ...dove organizzano cose simili qui nel Bel Paese?...non credo di convincerti :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Milano! C'è il Rocky Horror Picture Show da una vita al cinema Mexico :-)

      Elimina
    2. touché...niente queste nine hours sono indifendibili !

      Elimina
  18. Ma che bello! Io mi divertirei un sacco. Sono stonata forte, ma nel mucchio magari non si nota...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No che non si nota, il mucchio è molto grande!

      Elimina