martedì 11 novembre 2014

Sul tradurre/9. Daniele Del Giudice e la traduzione come atto dello scrivere

«La traduzione non è un servizio, né un trasferimento da una lingua all'altra. È un atto dello scrivere. La traduzione è una forma propria della scrittura. Nel caso della traduzione narrativa, si tratterà di scrivere un romanzo o un racconto. Che cos'ha di specifico questa scrittura: 1) il fatto che la storia esiste già; 2) il fatto che anche le parole esistono già; 3) il fatto che ogni traduzione è suscettibile di miglioramento, di adeguamento, di ulteriore traduzione, mentre il testo originale, salvo scoperte filologiche di varianti o versioni o parti mancanti o aggiunte, e di conseguenza di edizioni critiche, resta bloccato e definito nella sua forma ultima all'epoca in cui è stato scritto e come tale per sempre. Ma non basta: le prime due condizioni di fatto potrebbero appartenere a un'altra forma ancora, quella della "riscrittura". (...) Si tratta invece, nella forma della traduzione - e questo è veramente un compito difficile - di riscrivere un romanzo o un racconto come sono stati già scritti, parola dopo parola, evento dopo evento. Da un certo punto di vista è davvero una forma estrema la traduzione: anzi è l'estremo ed esatto contrario della "pagina bianca", la pagina vuota, incipit per ogni scrittore dell'originale; ma per lo scrittore della forma traduttiva il punto di partenza è invece la pagina nera, la "pagina piena" di caratteri, già stampata in ogni suo segno, in ogni suo rigo, e questo è l'incipit, il passo iniziale di ogni traduttore. Laddove, per lo scrittore dell'originale, l'incipit è appunto la pagina vuota.»

Daniele Del Giudice, da In questa luce
 © 2013 Einaudi Editore, Torino

11 commenti:

  1. Credo che in questo saggio Del Giudice dica tutto. E chi più di te può comprenderlo appieno. L'incipit della pagina nera... pensare alla traduzione parola per parola è non cogliere la straordinaria capacità di scrittore di un traduttore. Ma la risposta c'è nei pessimi testi tradotti e in quelli che si leggono avidamente. Tradurre è "rinnovare" la scrittura in un'altra lingua e questo richiede uno scrittore, non un mero "trascrittore" di parole. Grande Silvia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Rinnovare" la scrittura in un'altra lingua mi piace molto!

      Elimina
  2. Dal pezzo di Del Giudice su capisce bene la grande fatica, ma anche la grande capacità che deve avere un traduttore. Brava, Silvia, fare un mestiere difficile e farlo bene non è da tutti!

    RispondiElimina
  3. la pagina bianca e la pagina nera .... e c'è un mondo che si apre
    Ciao Silvia

    RispondiElimina
  4. Sì, credo di capire, tradurre, come scrivere, è un giocare con le parole (il più bel giochetto dei nostri pc è infatti il programma di scrittura...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, ora vado a usarlo un po', che c'è un puma che mi aspetta... ;-)

      Elimina
  5. Non deve esser affatto facile, trasmettere le stesse cose in una lingua diversa! Complimenti!

    RispondiElimina
  6. Bellissimo articolo.

    Mi chiedo sempre se il traduttore possa cambiare un pochino il senso della storia, qui e la'... aggiungendo una frasetta o togliendo un gioco di parole.
    Io sarei terribile e cambierei pure i finali dei libri. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ammettere che è una tentazione molto forte ;-)

      Elimina
  7. All'università un professore d'Inglese (ho seguito qualche lezione prima di optare per filosofia) affermava che dentro ogni lingua c'è un'anima. Chi padroneggia più lingue, è come se avesse più anime ... Un traduttore è capace di unire due universi paralleli e fare da ponte tra queste due dimensioni e il lettore. Fai un lavoro stupendo, Silvia. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo tuo commento mi fa venire in mente una cosa che noto spesso quando parlo in inglese, e cioè come cambia la mia personalità in un'altra lingua. Succede a tutti, credo, ed è una cosa piuttosto affascinante.

      Elimina