lunedì 14 maggio 2018

Un saluto dall'eremo




Ve l'ho già segnalato il sito Cabin Porn? Io lo adoro, ogni sera lo apro, guardo una nuova meravigliosa immagine di una casetta sperduta in mezzo al nulla, sospiro e sogno.

Ecco, in questo periodo sto idealmente in una di queste casette. La Mamma sta molto meglio, grazie a tutti voi che le avete augurato una pronta guarigione. Io traduco, leggo, scrivo. Scrivere è sempre faticoso, chissà chi me lo fa fare con quella sindrome dell'impostore che mi perseguita sempre, il senso di inadeguatezza, ma anche la pigrizia che se ne approfitta. Ogni tanto scrivo qualche paragrafo che mi sembra buono, ma poi penso che la storia non va da nessuna parte, e poi mi stanco da sola delle mie lagne e allora mi metto a leggere, e tutti i libri che leggo mi sembrano più bello di quello che ho in mente di scrivere (e lo sono, naturalmente). Ma poi ogni tanto mi diverto anche. O forse è solo che trovo interessante fare qualcosa di nuovo, almeno con la mente.

Mi mancano gli amici del blog. Ciao, quando esco dall'eremo vengo a cercarvi.

24 commenti:

  1. Un saluto Silvia. Ah, dimenticavo, ho trovato in casa l'edizione di un romanzo scritto da Cormac McCarthy tradotta da te, cavoli ma che bello.

    RispondiElimina
  2. Ma a cercarci davvero! Non hai che l'imbarazzo della scelta: veneto o südtirol

    RispondiElimina
  3. Bella quella casetta, ci credo che non vuoi più uscire. Cosa ti manca? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto giusto cominciando ad annoiarmi un pochettino...

      Elimina
  4. Classica mattinata in cui ho pensato che bisognerebbe uscire di casa con un mitra. Oppure chiudersi in un eremo e ricominciare a respirare.
    Un abbraccio alla tua mamma e uno forteforte anche a te.

    RispondiElimina
  5. E tu non scrivere cercando inutilmente e frustrantemente (?!) a metterti nell'ottica di chi legge! Poi vedi che viene fuori e alla fine ci si pensa. Almeno hai fatto qualcosa che ti piace e non qualcosa che ti fa arrabbiare, deprimere o spazientire :) Ecco, ora puoi tornare dentro più saggia e rilassata. O no?! Noi ti aspettiamo fuori, e non è una minaccia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, ieri già quando ho scritto il post già covavo qualcosa. Poi stamattina ci ho riprovato invano, mi sono ridepressa e ho pensato "ma lo sai che c'è? Non me l'ha mica ordinato il dottore di scrivere!"

      Elimina
  6. Che bello risentirti! Ho pensato a te e alla tua mamma e sono contenta di leggere che si è ristabilita.
    Qui c'è ... saudade del tuo blog (ovvio), quindi mi auguro di leggere presto, qui, nuovi post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di avere presto nuove avventure da raccontare, che l'eremo è bello ma dopo un po' stufa!

      Elimina
  7. Mi chiedevo dove fossi finita. Speravo per te Mendocino? ;)
    Contenta di sapere che tu e tua mamma stiate bene. Quando vuoi uscire dal tuo eremo noi siamo qui ad aspettarti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il piano è ancora quello di fare la patente e andarmene un po' zonzo nei posti più assurdi della California... allora sì che avrò qualcosa da raccontare!

      Elimina
  8. Ma pensa te! Da oggi tutte le foto che ho scattato in montagna d' estate e d'inverno le raggruppo sotto la categoria porn e nessuno in famiglia potrà biasimarmi: "...Cabin infatti ha il significato letterale di capanna, baita, chalet mentre Porn richiama una rara accezione più anglosassone del sostantivo legata a un pensiero, un desiderio eccessivo e irresistibile da soddisfare, ma anche un senso più intimo di quiete."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti c'è anche il "ruin porn", il "food porn", ma il mio preferito sarà sempre il cabin porn (oltre ai buffi porn a cui accennavo nel mio libro).

      Elimina
  9. Cara Silvia, ti penso e ti capisco, molto ti capisco. Io scrivo per mantenermi in vita, in qualche modo, e per restare in un eremo tutto mio di acqua carta e nuvole. Scrivi, comunque, e resisti ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono di nuovo ferma! Il mio rapporto con la scrittura andrebbe psicanalizzato.

      Elimina
    2. Potresti scrivere un racconto sul tuo rapporto con la scrittura ;-)

      Elimina
    3. Ottima idea! Prima però devo trovare un analista ;-)

      Elimina
  10. Questo lo devi vedere. Trova qualcuno che te lo faccia aprire con Fb e ti sentirai felice a vita. Promesso! https://www.facebook.com/1556242517735342/videos/2358747730818146/UzpfSTEwMDAwMDMzOTI4OTQ5NjoxODIwMTkzNDU0NjY4NjEz/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Leo!! E' proprio lui, il decespugliatore, il mio nemico n°1!

      Elimina
  11. Luoghi d'incanto, anche solo per la mente, fino a quando serve. Sono felice che la tua mamma si sia ripresa, per il resto fai cose belle, non importa dove o con chi... Gli amici sanno capire e aspettare. Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Siam qui...

    Bene per la mamma.

    RispondiElimina
  13. Sono contenta che tua mamma stia di nuovo bene :) Quanto allo scrivere, il mio metodo più recente è il quaderno delle idee. Appena mi viene un'idea, che naturalmente è geniale, la butto giù in due righe sul quaderno, così metto in pace sia il sabotatore (non sto mica scrivendo un racconto e rubando il lavoro ai veri scrittori) sia la scrittrice (questa idea è troppo bella non me la posso lasciar sfuggire, ci lavorerò poi, con tutta la calma che si merita). Perché non c'è cosa peggiore che cercare di sconfiggere il sabotatore: meglio sabotarlo un po' ;)

    RispondiElimina