sabato 21 novembre 2015

Addio Ebola: un video felice

Dalla Sierra Leone finalmente libera da Ebola, sulle note del brano Afrobeat Azonto suonato dai rapper Block Jones e Freetown Uncut, guardate la felicità di questa gente che è uscita da un incubo. A me ha rallegrato la giornata. 


22 commenti:

  1. Bellissimo! Queste sì che sono (o dovrebbero essere) le notizie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un omaggio a te, per portare un po' di leggerezza :-)

      Elimina
  2. Ehehe, un video che esprime davvero gioia! :)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Bello, bello ... le case farmaceutiche forse balleranno e rideranno di meno (meglio, questo mi rende ancora più allegro).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, be', a quelle non mancano certo altri modi per continuare ad arricchirsi :-/

      Elimina
  4. Esistono le belle notizie. Esistono persone che hanno rischiato la vita contro un vero nemico. Esistono persone che una volta guarite e avendo sviluppato l'immunità sono tornate ad occuparsi di chi si è ammalato dopo di loro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, per fortuna che esistono anche queste belle notizie!

      Elimina
  5. Concordo con Alli, e sorrido sorrido sorrido, sono così felice per loro!
    Bellissimo post, bellissimo pensiero, Silvia!

    RispondiElimina
  6. Anche nei telegiornali non c'è più alcuna traccia del virus..
    L'averlo sconfitto non diffonde paura, dunque non è materia per loro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti capisco che le brutte notizie facciano più notizia, ma non sarebbe bello se tutti i tg aprissero con questo video? Pensa che sorpresa, per la gente abituata a vedere solo atrocità.

      Elimina
    2. Su Raitre, Diego Bianchi con il suo Gazebo riesce a fare del giornalismo di questo tipo. Ieri sera ad esempio ha raccontato la sua visita in un ospedale di Medici Senza Frontiere (in piena Siria, se non sbaglio troppo): tra piccole storie di feriti gravissimi (bambini con il viso praticamente cancellato) inserisce la partita a biliardino tra gli stessi degenti. È piuttosto bravo nel presentare sia la tragedia dei corpi vittima di guerra, che i volti, le parole, i sorrisi di queste stesse persone. I tg, seguiti dalla quasi totalità delle persone, questi aspetti non hanno la possibilità di mostrarli... e alla fine ci troviamo sempre con le stesse immagini di guerra, gli stessi bollettini di quello che accade. Alla fine noi (o solo io) che ne sappiamo? Poi è chiaro che colpiscono un aereo con 200 persone dalle parti del Sinai poco prima dei fatti di Parigi, e di quelle 200 chi vuoi che se ne importi?

      Elimina
    3. Correggo: era in Giordania.

      Elimina
    4. Infatti, il problema delle notizie è che le persone ne escono del tutto disumanizzate, senza un volto e soprattutto senza una storia, quindi facili da dimenticare.

      Elimina
  7. Un raggio di luce e di allegria. Sentire questa canzone ( e vederne il video) tra tante notizie brutte di questi giorni fa sperare!

    RispondiElimina
  8. in effetti non si è saputo più nulla :(( d'accordo con jeff

    RispondiElimina
  9. Un bel video davvero, ballavo anche io con loro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anch'io! E mi è venuta anche la lacrimuccia!

      Elimina
  10. E pensare che questo è solo il secondo sito dove leggo della notizia: è vero, la felicità fa decisamente meno share delle disgrazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché la gente impaurita si domina meglio.

      Elimina
  11. Una bella notizia, a cui si spera ne seguiranno altre. La dimostrazione che quando c'è volontà e collaborazione tra nazioni e associazioni si possono fare grandi cose...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tipo il contrario di quello che c'è di solito?

      Elimina