venerdì 22 aprile 2016

Una gita sul mio bel laghetto

Siccome oggi sono particolarmente incazzata perché sono stata svegliata da un concerto di tosaerba, proverò a rilassarmi con le foto di una gita che ho fatto qualche giorno fa su un'isoletta del mio bel laghetto. Si chiama isola Madre ed è di proprietà della famiglia Borromeo, la quale l'ha adibita a giardino botanico e la tiene come quel gioiellino che effettivamente è. E bravi i riccastri Borromeo. Dell'isola avevo già parlato QUI, ma ora finalmente sono tornata a visitarla dopo un sacco di anni che non ci andavo più. E pensare che ce l'ho proprio davanti a casa.

La gita parte da Intra, dove c'è una bella libreria con un balcone affacciato sul lago, che i clienti sono invitati a godersi


Poi si prende il battello per le isole, si passa davanti ai bei giardini di Villa Taranto 


e si scende alla fermata dell'isola Madre




Il battello riparte ma noi restiamo


e visitiamo il giardino


con la sua fauna narcisista



e poi salutiamo il gigante salvato da morte certa (e per questo sia lode ai Borromeo) e ancora sorretto da tiranti (la storia la trovate nel post che vi ho segnalato sopra)


Poi visitiamo la villa


e ci prendiamo un caffè in riva al lago. Mi manca San Francisco? Non so, secondo voi?


31 commenti:

  1. Ahhaha secondo me no!
    Bellissimo quel pavone bianco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come, se ne parlo sempre così bene? :-D

      Elimina
  2. Che giornata magnifica avete trovato? Sono stupita dal cielo terso, senza neppure una nuvola. E i pavoni dell'Isola Madre sono un'istituzione! Me li ricordo da quando ero bambina. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto che roba? Una giornata davvero spettacolare!
      Sì, il pavone non manca mai nel classico giardino all'italiana. Credo che ci siano anche all'isola Bella, che però mi piace molto meno.

      Elimina
  3. Punto primo io tifo per l'isola dei pescatori.
    Punto secondo non osare parlare male di San Francisco che ti ha fatto scrivere il primo libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'isola dei pescatori è l'unica che non appartiene ai Borromeo. Lì ci porterò Mr K perché si mangia bene, e lui è più interessato al cibo che alle piante.
      Di San Francisco parlo male anche nel mio libro!

      Elimina
  4. Domanda retorica... risposta scontata ;-)
    Per te pare non ci sia pace: qui i tosaerba là i vicini *elefanti* e ...altri ospiti (dai, non li nomino!). Cosa è peggio? Però dopo aver letto Purity a me è venuta nostalgia delle foreste di giganti rossi, anche perché io non so se e quando ci tornerò... Intanto godiamoci la primavera europea. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, le foreste di giganti rossi sono la mia meta estiva, ho convinto Mr K a fare una vacanza nell'estremo nord della California, la terra delle sequoie.

      Elimina
  5. Non c'entra niente con il tuo meraviglioso lago ( ma io ho Como e Lecco vicini, quindi sono fortunella pure io), comunque ho appena comprato il regalo di compleanno per la mia mamma: Purity.

    Mi hanno parlato bene della traduttrice, chissà se ho fatto la scelta giusta...
    :))

    RispondiElimina
  6. Oddio, mai visto dei pavoni pavoneggiarsi tanto in altri Paesi, saranno più vanitosi quelli italiani che gli altri?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi si mettevano chiaramente in mostra e ci stavano finché non erano stati fotografati da tutti. Secondo me sono pagati dai Borromeo.

      Elimina
  7. che pace e poi mi ricorda una gita scolastica di tanto tempo fa con mia nonna al seguito :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pace perché era un giorno feriale. Non voglio vedere come diventa nei festivi!

      Elimina
  8. all'inizio avevo capito che quella fosse la vista da casa tua (con tanto di cartello "goditi il paesaggio") :-D
    Bellissima l'isola! (..e ci sono anche i viali di azalee e rododendri come a Isabella Plantation?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualche azalea, ma soprattutto tanti rododendri. Ricordo che all'incontro di cui parlavo nel post precedente, il giardiniere ci ha mostrato tante foto di splendidi giardini inglesi con enormi rododendri, e poi ci ha detto che le azalee non gli piacciono.

      Elimina
  9. Bellissimi il luogo, i colori, e le tue foto! Insomma mostri il meglio della nostra Italia; meno male che esistono ancora famiglie ricche ma colte come i Borromeo, che preservano i nostri tesori.

    RispondiElimina
  10. Stupenda ... in parte mi ricorda l'isola dell'ultimo orribile film di Tornatore. No, non mi sembra tu sia smaniosa di tornare negli States ;)

    RispondiElimina
  11. Hai proprio ragione, lode ai Borromeo, anche solo per il Cipresso.
    Mozzafiato e al contempo tristezza se mi guardo attorno qui dove vivo adesso.
    Le tue foto sono davvero una ventata di vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, di gente che rovina le cose belle ne abbiamo tanta anche qui, purtroppo :-(

      Elimina
  12. Le immagini giuste da guardare appena sveglie se ci si è svegliate di cattivo umore. Qui però niente tosaerba, ho fatto tutto da sola :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è passata, vedrai che passerà presto anche a te!

      Elimina
  13. Che meraviglia! Visitai le isole Borromee quando avevo diciotto anni, con i miei genitori. Tu me ne hai rinnovato l'incanto ... Ti voglio più in Italia che negli USA. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che mi ci voglio di più anch'io ;-)

      Elimina
  14. Ma dai, siamo vicine di casa! Io sono originaria di Arona.

    RispondiElimina
  15. Grazie Silvia per le belle foto. Approfitto per invitarti, sempre che tu sia ancora in zona, nella nostra libreria, magari si riesce ad organizzare una presentazione? Puoi seguirci su facebook come Libraccio Verbania e Gravellona T. oppure contattarci via mail all'indirizzo manuelamartinelli@libraccio.it o ancora chiamarci 0323-401027. A presto!

    RispondiElimina