lunedì 27 giugno 2016

Il paradiso vicino a casa

Io non è che sia una gran camminatrice, anzi. Però ogni anno sogno di tornare all'alpe Devero per il mio compleanno. L'ultima volta ci sono riuscita quattro anni fa, che per un sogno così modesto sono decisamente troppi. Però questa volta sono stata compensata da una rara botta di fortuna. Nessuna fantozzata, anzi, abbiamo beccato proprio i tre giorni perfetti, con un tempo splendido mentre giù in pianura imperversava l'orrida caldazza che mi gonfia i piedi e mi dona una verve da bradipo narcotizzato. Avevo quasi rischiato di non partire, spaventata da una farmacista che la sera prima, alla vista del mio piedone elefantiaco  - dovuto non solo alle prime avvisaglie del caldo, ma soprattutto ai postumi della rovinosa caduta di un paio di settimane fa - mi aveva esortata a farmi vedere dalla guardia medica perché forse non era il caso che andassi a camminare. Sì, ciao. Perdermi il paradiso terrestre fresco per un paio di bozzi sulla gamba? Ma fossi matta.
Al mio ritorno ho trovato ad attendermi il tradizionale racconto di compleanno di Amanda, che ogni anno scrive cose sempre più meravigliose.
Eccovi qualche foto del mio paradiso vicino a casa.

La piana del Devero. In fondo a destra la stradina che porta al sopraffino ristorante Casa Fontana, dove andavamo ad abbuffarci la sera
Mr K con originale cappello e bussola per orientarsi fra i monti

Il laghetto delle streghe, dove abbiamo passato un paio d'ore a leggere in santa pace

Si scioglievano le nevi e i torrenti erano in piena. Un paio di volte ho avventurosamente guardato un ruscello mettendo i piedi nell'acqua
Foglie ingioiellate

Ciao Devero bella, ci vediamo l'anno prossimo

38 commenti:

  1. Idilliaco, dalla punta della montagna fino a quelle foglie ingioiellate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, guarda, non so come farò a non andarci per un anno. In realtà è bellissimo anche in inverno, ma la mia macchina d'antiquariato ce la fa a malapena ad arrivarci in estate...

      Elimina
  2. Che verde vivo e che cielo limpido, mi pare di poter respirare quell'aria pura guardando queste foto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La brezza è così fresca che sembra l'acqua di una piscina :-)

      Elimina
  3. Meraviglia! fa venire voglia pure a me, che sono un patito del mare... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io al mare non posso più andare, la carnagione di Mr K non lo consente. Tanto vale fare di necessità virtù...

      Elimina
    2. Ah, già'... Mr K! :) Allora diciamo che ti e' andata bene abitando vicino a queste bellissime montagne!

      Elimina
  4. Che meraviglia il cappellino da esploratore di Mr K.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà sarebbe mio, ma lui si è dimenticato il suo di cuoio da cowboy, e senza cappello con quella carnagione da vampiro non può andare da nessuna parte.

      Elimina
  5. Mi sa che cambio amicizie, con voi del Nord a pochi passi dal Paradiso non voglio più niente a che fare. Mica mi posso rodere il fegato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma mi sembra che i paradisi non manchino neppure dalle tue parti, o sbaglio?

      Elimina
  6. Che meraviglia! Ero stata in un posto simile a Chianale sul colle dell'agnello, stupendo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andata a guardarlo, sembra proprio bellissimo!

      Elimina
  7. Wow ... la chiamerei Davvero, il paradiso in terra (e dove dovrebbe mai essere?). Complimenti ... per non aver ascoltato il farmacista :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era da quattro anni che sognavo di tornarci, avevo prenotato ed erano gli unici giorni che avevamo... non potevo proprio cancellare. E comunque camminare mi ha fatto bene alla gamba (oltre che all'appetito!).

      Elimina
  8. Davvero un Paradiso Devero! Complimenti ad Amanda per il suo racconto/omaggio di compleanno!

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia davvero! Hai fatto benissimo a non ascoltare la farmacista, sicuramente è stato più salutare per spirito e membra acciaccate (soprattutto le acque del ruscello) fare questa gita che passare ore in PS o peggio avere il dubbio di aver trovato o meno qualcuno competente in Guardia Medica!

    Bello davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi quando una cosa fa bene allo spirito fa bene anche alla salute, no?

      Elimina
  10. Che bei posti! La gamba è tornata a posto ormai, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ho sempre un bozzo sul polpaccio. Il medico dice che è un ematoma che si è formato sotto il muscolo e ci vorrà un po' prima che vada a posto.

      Elimina
  11. Successo inaudito per il cappellino di Mr. K!
    Non potevi scegliere regalo migliore per il tuo compleanno: che posto meraviglioso. Mi sa che io voglio trasferirmi al nord.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al nord sulle montagne, però. Il resto secondo me non è poi granché...

      Elimina
  12. Anche noi ieri abbiamo scoperto un paradiso vicino a casa: siamo partiti per fare 5, massimo 10 km in bici e abbiamo finito per farne 50 (cinquanta!), perché non volevamo lasciare a metà quella pista ciclabile in mezzo alla natura. Io mi sono innamorata del paesaggio Trentino, 'fanculo il Lombardo-Veneto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, sono d'accordissimo! Il lombardo-veneto va bene solo quando è montano. Certo che 50 km... e come stavano le gambe il giorno dopo?

      Elimina
  13. Oh ma è davvero un paradiso! Proprio quello che mi ci vorrebbe adesso per diradare, dalla mente, la nebbia di questi giorni...
    E perché si chiama Lago delle streghe? È un posto meraviglioso, ci passerei anch'io un pomeriggio intero. Un compleanno perfetto, quindi. A proposito... AUGURI :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché si chiami così, non ho indagato... certe volte preferisco il mistero :-)

      Elimina
  14. che splendidi posti!
    ma il libro di mister k non viene tradotto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, la saggistica non va proprio fortissimo in Italia...

      Elimina
  15. Anche a me ha incuriosito il nome del laghetto, mi immagino cerchi intorno al fuoco nelle notti di luna piena...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se poi pensi che la notte fra il 23 e il 24 giugno (cioè il mio compleanno) è la notte delle streghe...

      Elimina
  16. Ci sono stata l'anno scorso a settembre per l'anniversario di matrimonio e abbiamo cenato e dormito a casa Fontana. .. mi piacque moltissimo quella Valle ma anche un'altra lì vicino, meno turistica, di cui mi sfugge il nome.

    RispondiElimina
  17. Come si chiama il paesino che c'è dopo il Lago delle streghe? Feci delle belle foto alle deliziose casette!

    RispondiElimina
  18. Ecco, proprio quello!
    Ci vive stabilmente della gente in quel bel posticino?

    RispondiElimina
  19. Si alpe veglia ... lungo il sentiero abbiamo incontrato una simpatica ambulante con un figlioletto che vendeva del formaggio ...

    RispondiElimina