mercoledì 31 maggio 2017

Una gita a Vienna/1. Sacher e giardini

Io veramente volevo tornare a Siviglia e Granada. Purtroppo però, per quanto io adori la Spagna - e l'Andalusia in particolare - alla fine di maggio da quelle parti fa già troppo caldo per me. Così è partita la ricerca di un altro posto per il nostro fine settimana europeo. Prima candidata: Amsterdam. Viaggio accessibile, soggiorno caro. Scartata. Da lì abbiamo cominciato a studiare altre possibili destinazioni, tutte scartate perché il viaggio era troppo complicato o il soggiorno troppo caro. Cracovia. Budapest. Riga. Edimburgo. Dublino. Alla fine Mr K propone Vienna. Non è che mi ispiri tantissimo, però non ci sono mai stata. E poi penso: Sacher Torte. Ok, aggiudicato.

Vienna è una delizia. Il clima era perfetto, luminoso e ventilato, con serate tiepide che permettevano di approfittare dei magnifici ristoranti all'aperto (scorta di cene all'aperto prima di tornare nell'orrida terra nebbiosa dove l'estate non esiste e le cene all'aperto te le scordi). 
E comunque, prima di tutto, lei:


Mr K mi prende in giro perché faccio addirittura la coda per entrare nel Café Sacher (dove i camerieri, fedeli al luogo comune sui camerieri dei caffè viennesi, sono antipaticissimi), ma io ribatto che un conto sono quei poveretti di californiani che fanno la coda per mangiare una pizza, e un conto è fare la coda per mangiare il dolce più buono del mondo nel luogo che tuttora ne detiene il brevetto segreto. Lui, allora, per dimostrare che non cede al fascino della Sacher, ordina uno strudel. Mah.

Poi, i giardini. Vienna è verdissima, più verde persino di Berlino. Mentre nel mio paesello si mutilano centinaia di piante con potature scellerate (ultimamente va di moda la potatura di tipo "napalm", che consente di risparmiare sulle future potature per almeno dieci anni, sempre che l'albero, completamente privo di rami, non schiatti prima), io mi godo la verzura dei parchi viennesi, nella quale ogni tanto spunta un'inquetante ma fotogenica torre della contraerea


La prima giornata viennese si conclude con un'ottima cena - ovviamente in giardino - e poi con il bicchiere della staffa in uno scrausissimo bar di quartiere (noi stavamo nel distretto 2, Leopoldstadt, dalle parti del Prater che non mancherò di visitare) con la più grande collezione di giochi da tavolo che io abbia mai visto. Gli avventori dei tavoli accanto a noi giocavano rispettivamente a scacchi e a dadi (ciascuno lanciava i dadi sopra un libro per non fare rumore. I libri vengono lasciati sui davanzali esterni delle finestre - non solo di questo bar, ma di molte case e locali - così chi vuole se li prende. Dio, come sono civilizzati. Pensate che la metropolitana non ha tornelli: si fidano del fatto che abbiate il biglietto).

I giochi erano molti, molti di più. Peccato non avere un grandangolo

Qui finisce la prima parte del racconto della gita. Ultimamente sono un po' pigra con il blog, ma presto vi racconterò anche la seconda, che avrà come protagonisti la ruota sbagliata del Prater, le Eier im Glas, il jazz e un paio di piedi.

24 commenti:

  1. una bellissima città!! buonissima la Sacher :)) attendo proseguo!! ciaoo

    RispondiElimina
  2. Ciao Silvia! Bentornata :-) decisamente un altro mondo mi sembra di capire :)

    RispondiElimina
  3. eh Wien val bene anche senza Sacher, che a me, allergica alle albicocche, è vietatissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se vuoi fartela tu ci sono un sacco di varianti, con marmellata di fragole, ribes, ciliegie, arance...

      Elimina
  4. Ho un ottimo ricordo di Vienna e delle suoi dolci

    RispondiElimina
  5. Ci sono solo transitata, ma è una città che vorrei visitare (niente Sacher però, a me i dolci non piacciono!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanch'io sono un'appassionata di dolci, ma il cioccolato (fondente) lo adoro.
      E comunque Vienna è anche un ottimo posto per carnivori ;-)

      Elimina
  6. Ma che bello, sono due anni che io e mia moglie parliamo di visitare Vienna. Ora le faccio leggere il tuo articolo, chissà...

    Ben ritrovata.

    RispondiElimina
  7. Ok lo ammetto: anch'io al café sacher ho ordinato lo strudel. Però ho assaggiato la sacher di mio marito

    RispondiElimina
  8. Come sempre interessantissima e blog spot non mi fa commentare :(

    RispondiElimina
  9. Non ci sono mai stata, tra verde e bellezze architettoniche, la Sacher Torte e le atmosfere - che al momento sono ad appannaggio del mio immaginario XD e poco più* - vien voglia di partire subito! *__*

    *qualche tempo fa ho letto un libro molto bello, 1913. L'anno prima della tempesta di Florian Illies, una sorta di saggio godibilissimo sulla storia della cultura europea > Vienna fa da perno, così te lo suggerisco!

    Ciao e buona Sacher! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo consiglio, grazie! L'ho aggiunto al mio carrello IBS (visto che siamo in tema europeista, faccio un po' di pubblicità all'ottima libreria online italiana - se proprio uno non può andare in una libreria fisica. Io non uso amazon neanche sotto minaccia).

      Elimina
  10. Bentornata Silvia! Che bello rileggerti! Vienna è una delle capitali europee che ho avuto la fortuna di visitare e sono d'accordo con te su tutto. Sei andata a vedere dal vivo "Il Bacio" di Klimt?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maruzza, grazie! No, non sono andata, c'erano troppe cose da fare. La prossima volta!

      Elimina
  11. Posso dire che Budapest è più bella? Meno ricca di storia universale (quella ungherese a volte è troppo peculiare), ma come paesaggio... Comunque anche Vienna val bene una visita, altroché.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, mi piacerebbe tanto andare a Budapest, ma stavolta con i voli non era fattibile. Quando ci andrò ti chiederò consigli :-)

      Elimina
  12. Ovviamente sono un patito della Sacher, a Vienna non ci siamo mai stati, ma le suggestioni di questa città sono molte ... e tu me ne ricordi alcune. Chissà che un giorno anche noi ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto con la lingua non avreste problemi!

      Elimina
  13. sempre un piacere leggerti! (Vienna anche nella mia lista dei viaggi possibili)

    RispondiElimina