giovedì 12 luglio 2012

Boycott Belfast

Questa è la dichiarazione ufficiale della famiglia:
"Lennox was murdered at 7am this morning, the family weren't allowed to say goodbye, his family were refused to be allowed to be by his side. 
Love you pup, you will forever be remembered for your bravery, the amazing people you brought together, and for those you helped. You are loved sweet boy, run free, we will meet again someday, you will always be alive in the hearts of many who fought for you. No longer at the hands of those that caused you pain."

E queste sono le parole di Carla Rocchi, presidente dell'ENPA: «La Municipalità di Belfast si copre di vergogna e sarà da questo momento additata al disprezzo internazionale per avere assassinato una creatura innocente e indifesa, e per aver condannato con lui la bambina disabile che tanto lo amava. Municipalità di Belfast uguale assassini spietati e ottusi. Cancelliamo Belfast dai nostri itinerari e dai nostri pensieri».

*Aggiornamento: si moltiplicano le voci secondo cui Lennox era morto già da mesi, nel canile dove era tenuto prigioniero, prima che il caso diventasse famoso in tutto il mondo. Le voci non sono confermate, ma questa versione dei fatti spiegherebbe i numerosi punti oscuri della vicenda.

19 commenti:

  1. E' allucinante Silvia.
    Davvero.
    Non ci sono parole per una crudeltà simile.
    Io ci sto e boicotto Belfast.

    RispondiElimina
  2. Ho seguito la cosa dai giornali e mi sono chiesta perché mai tanta inflessibilità, così poco buon senso e, soprattutto, tanta cattiveria. Come è possibile che le autorità possano entrare in casa di una persona e sequestrare un suo bene, anzi, un membro della famiglia? Questa storia è di una miseria inenarrabile, come si fa a togliere un compagno ad una persona disabile? Ho sempre avuto animali in casa e una cosa che ho capito è che l'animale si educa e si fa educare. Non ha comportamenti aprioristici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. In questa storia l'unica bestia è l'uomo.

      Elimina
  3. Questa storia non è stata davvero 'solo' la morte di un animale innocente (che già basterebbe a giustificare sdegno e tristezza) - è stata la morte della ragione, del buon senso, dell'umanità. Spero che non finisca qui. Certamente Lennox resterà nel cuore di tanta gente sensibile e generosa in giro per il mondo. Ma che il cuore e la ragione di milioni di persone non valgano nulla contro l'ottusità di pochi è davvero sconfortante.
    Carmen

    RispondiElimina
  4. Oltre a non avere un solo briciolo di DNA di pitbull, secondo me non ci assomiglia neppure ad un cane di quella razza. Non più di quanto ci assomiglino tutti gli altri cani, comunque.

    Ho letto della sua toccante intesa con la piccola Brooke, e mi sono commosso.

    E' incredibile che si possa ancora condannare a morte un essere vivente solo perché appartiene ad una "razza". Certe lezioni, purtroppo, non si imparano mai.

    RispondiElimina
  5. VERGOGNA!!!!!!!!!!!! Non ho altre parole!!!!!! VERGOGNA!!!!!!! VERGOGNA!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Ah, aggiungo che boicotterò la Ryanair, compagnia irlandese lowcost sulla quale ho appena viaggiato (Parigi) e che non ha accettato la mia Joy (una cagnolina di meno di 7 kg). Purtroppo il viaggio a Parigi era un regalo per il mio compleanno e il volo era già stato acquistato.
    D'ora in poi volerò solo con compagnie che accettano animali!!!!
    BELFAST, VERGOGNATI! Hai tutto il mio DISPREZZO!

    RispondiElimina
  7. E perche' boicottare *solo* Belfast? Premesso che concordo con tutto quello che hai detto nel post precedente, non concordo con il tipo di affermazioni. Alla signora Rocchi ricorderei che la Municipalita' di Belfast ha dovuto obbedire ad un ordine (... assurdo!) della Corte e che la Corte ha applicato quanto si dice (... ancora piu' assurdo!) nel UK’s Dangerous Dogs Act. Dovremmo allora dire Cancelliamo la Gran Bretagna (Irlanda del Nord + Wales + Scotland + England) dai nostri itinerari e pensieri? Questo tipo di affermazioni non contribuisce a risolvere il problema...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella, speravo in particolare in un tuo commento, visto che non abiti molto lontano da lì. Quello che dici è vero, però in questa storia allucinante emergono distinte responsabilità: il Primo Ministro Robinson si è pronunciato contro l'uccisione del cane ("Destroying a dog that had no history of aggression is folly and shames society", dice su Twitter) ma non ha potuto far nulla (e già questo mi sembra assurdo).
      Lennox è stato soppresso su ordine della Corte dell'Irlanda del Nord.
      Il City Concil di Belfast, però, ha aggiunto tutta quella serie di crudeltà che hanno reso incredibilmente disumana questa vicenda, ed è questo il motivo del boicottaggio. E' stato un loro esperto a definire pericoloso il cane, sono stati loro a negare alla famiglia il permesso di vederlo per tutti i due anni di prigionia, o almeno di vederlo prima che morisse, sono stati loro a rifiutarsi di restituire il corpo. Tanto che cominciano a girare voci, secondo me fondate, che il cane fosse già morto da tempo a causa delle condizioni in cui era tenuto, e che fosse questo il vero motivo di tutte le cose assurde che sono accadute in questa vicenda.

      Elimina
    2. Ah, no, aspetta, e non solo (vedi anche l'articolo che ho linkato nel post precedente): la Corte dell'Irlanda del Nord ha dichiarato che il BCC aveva il potere di liberare Lennox; e il primo ministro aveva chiesto al BCC di accettare l'offerta di "rehoming" negli Usa fatta dalla celebrità Victoria Stilwell. Sembra proprio che la responsabilità della morte di Lennox sia tutta nelle mani del Belfast City Council.

      Elimina
  8. Una pessima prova di forza, ottusa e cieca.

    RispondiElimina
  9. Due anni in una specie di braccio della morte per cani? Mah... viene anche a me il dubbio che fosse già morto e nessuna autorità potesse più farci niente. :-(

    RispondiElimina
  10. questa storia diventa più terribile man mano che la leggo. Povero piccino, sono stati dei mostri.

    RispondiElimina
  11. Questa vicenda mi ha fatto pensare molto. Innanzitutto e' orribiel cio' che hanno fatto a Lennox e alla piccola Brooke. Ma poi e' anche un pessimo insegnamento dal punto di vista morale, della serie: c'e' un "problema"? Eliminiamolo! Che comportamento incivile. I problemi (quando tali, Lennox non era nemmeno un problema) vanno risolti, non eliminati.

    @Titti: non so se le compangia fanno male a non far viaggiare i cani, probabilmente non sono preparate. E le condizioni in cui viaggiano nella stiva sono terribili, le cabine spesso non sono pressurizzate bene, non hanno acqua e a volte nemmeno aria a sufficienza. Per non parlare della paura, poveri piccoli! Un amico ha perso due bellissimi bullmastiff proprio trasportndoli in aereo...

    RispondiElimina
  12. @Davìda: le compagnie non sono così sensibili come immagini e il divieto di far viaggiare i cani in aereo non è dettato da amore e tutela per gli animali (per evitare che soffrano nella stiva) ma per qualche regola di tipo commerciale.
    La mia cagnolina pesa 6,8 kg, è piccolina, e molte compagnie consentono di viaggiare in cabina ai cani che, compresa la gabbietta, non superano i 10 kg. Perché Ryanair non lo fa? Perché pagherei una cifra minima per il cane mentre l'umano paga di più. E, quindi, non è vantaggioso.
    Per un viaggio di 1 ora (Milano-Parigi) che preparazione ci voleva?
    Ora boicotto Ryanair, poco ma sicuro! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul boicottaggio di Ryanair sono d'accordo, ne ho sentito parlare malissimo da un sacco di gente. Io boicotto anche EasyJet, da cui ho avuto un trattamento ignobile una volta e che non mi vedrà mai più neppure dipinta.
      Una semi low-cost con cui invece mi sono trovata benissimo è Air Berlin.

      Elimina
    2. @Titt: infatti non credo che le compagnie non accettino animali per spirito animalista, dico solo che finche' le condizioni nelle stive (e a bordo, a volte non danno l'acqua) rimangono pessime, non e' un male che gli animali non possano viaggiare a bordo. Io, Bella non ce la faccio salire su un aereo!

      Elimina
    3. Sì, credo anch'io che sia meglio comunque lasciarli a casa, se possibile. Pensa che spavento dev'essere per loro, salire su un aereo.
      Ciò non toglie che boicottare Ryanair sia cosa buona e giusta.

      Elimina