lunedì 17 febbraio 2014

Il Dipartimento Correzionale della California

Il manifesto attualmente in circolazione

Anche la street art si mobilita contro la San Francisco degli sfratti. Il California Department of Corrections è un "istituto correzionale privato che protegge il pubblico attraverso la reclusione, il disciplinamento e la riabilitazione delle pubblicità della California". Come il suo parente Billboard Liberation Front, fondato a San Francisco nel 1977 da Jack Napier, il CDC si occupa di modificare cartelloni pubblicitari per lanciare messaggi politici. È un'attività illegale e pericolosa (QUI trovate la sua storia, QUI i consigli per la sicurezza, QUI i consigli legali in caso di arresto) come quella del graffiti artist, ma i risultati sono spettacolari. Li trovate QUI. (E qui sotto una piccola carrellata storica)





 





23 commenti:

  1. Wow, tra l'altro sono fatti benissimo. Che organizzazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Efficienza americana, anche nella protesta!

      Elimina
  2. Sono geniali!
    Davvero, immagino che sia pericoloso andare a modificarli, ma insomma, ci vuole anche una certa preparazione (dall'idea alla grafica).
    Belli e geniali.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono preparati, organizzati e geniali!

      Elimina
    2. Ah, me l'aveva pubblicato^^

      Moz-

      Elimina
    3. Sì, c'erano tutti e due, ho tenuto il primo. Blogger è un po' una cacca.

      Elimina
  3. Memorabili, il quarto poi, con il chips con i baffetti, è da sottoscrivere...

    RispondiElimina
  4. Un'idea straordinaria con effetti dirompenti. Peccato che da noi nessuno ci abbia pensato ( o, almeno, non in questa forma)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma neanche da qualche altra parte in Europa?

      Elimina
    2. stavo per commentare allo stesso modo di Grazia: qui si dormono sonni profondissimi

      Elimina
    3. In Italia non so, ma nel resto d'Europa c'è molto. Guardate che carina questa. (E date un'occhiata a tutto il blog, chissà mai che si trovino anche cose italiane.)

      Elimina
  5. Belli e diretti!
    Non so dove (in che città, forse proprio qui a Londra) ho visto i cartelli della metro modificati ad arte, non per protesta però, per ridere.
    Cerco l'articolo, se lo trovo te lo mando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, infatti in Europa ci sono diverse iniziative del genere. Quella che citi tu è qui.

      Elimina
  6. Geniali! È un po' come ritorcergli contro le loro stesse armi. Geniali! Ah, l'ho già detto :)

    RispondiElimina
  7. Formidabili! Grazie, senza di te non potrei mai apprendere notizie del genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, perché tutti raccontano sono quanto è bella la San Francisco delle start-up. Che poi è anche quello che la gente vuole sentirsi raccontare.

      Elimina
  8. Grazie, Silvia! Sei un'ottima traduttrice, anche in senso lato: traduci/trasporti notizie dal Pacifico al Mediterraneo. Qualcosa si è fatto anche in Italia (sui post elettorali di Berlusca, ad esempio ...), me le correzioni sui manifesti U.S.A. sono grandiose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, adesso che ci penso, c'era anche la meravigliosa campagna di Sucate!

      Elimina
  9. Rubo l'ultimo e lo mando al ns. controllo qualità dell'ortofrutta. Come scherzo di carnevale è appropriato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'originale è perfetto perché Lucky è una catena di supermercati, che hanno come slogan "Fresh Comes First".

      Elimina
  10. Non che ti serva un mio riconoscimento ... ma mi fa piacere condividere il "versatilebloggler" ricevuto, lo trovi a casa dei topi se ti va di farlo girare a tua volta.
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  11. Che belli, mi piacciono tanto i risultati e tantissimo l'idea.

    RispondiElimina