venerdì 6 giugno 2014

Ich liebe Berlin (dopo il ritorno a Tamarrolandia)

Non ero affatto contenta di partire da Berlino, ovviamente, ma almeno una cosa del mio arrivo mi rallegrava un po': avrei finalmente provato il servizio di car-sharing che collega l'aeroporto di Malpensa con diverse località lombarde, fra cui il mio paesello. Avrei finalmente guidato un'auto elettrica! Zero inquinamento! Ah, finalmente un po' di civiltà anche da noi! 
Dopo qualche inciampo dovuto al fatto che il mio telefonino del 2001 non riusciva a gestire gli sms necessari per sbloccare la macchina, faccio un bel viaggio tranquillo con la macchinina silenziosa e il cambio automatico che appena ti ci abitui è proprio una pacchia. Arrivata verso le 22 al paesello di Laveno Mombello, scopro che i posti riservati al car-sharing (segnalati da cartelli con la riconoscibile scritta: DIVIETO DI SOSTA RIMOZIONE FORZATA, nonché dalle colonnine per la ricarica delle macchine elettriche) sono occupati abusivamente da macchine di tamarri in divieto di sosta. C'è rimasto solo un microspazio nel quale riesco a infilarmi chiudendo gli specchietti e strizzandomi poi come un'acciuga per scendere dalla macchina. L'addetto al call-center con cui parlo per farmi richiudere la macchina (v. sopra, telefonino del 2001 ecc. ecc.) mi spiega sconsolato che l'inconveniente del tamarro parcheggiatore abusivo si verifica due volte su tre, di giorno come di sera, in tutte le località dove è presente il car-sharing. E i vigili?!? Dove cazzo sono i vigili?!? Mentre sbraito al telefono arriva un gruppetto di tamarri che cerca di salire sull'auto parcheggiata di fianco alla mia. "Voi non dovete parcheggiare qui!!" gli urlo, e uno dei tamarri mi risponde: "Ehi, io non le ho mica detto niente, veda di non agitarsi." 
Io voglio tornare a Berlino immediatamente.
Eccola qui, guardate com'è bella. 

Una passeggiata a Treptower Park:


Street art:
 

Orti urbani:
Il bellissimo Prinzessinen-Garten
Mercatini dell'usato (questo è ad Arkonaplatz):
 



Serata con Wim Wenders (all'anteprima di Cathedrals of Culture):



Souvenir:

32 commenti:

  1. Ohi, Silvia, non mi devi raccontare queste cose! Se No mi viene voglia di sabotare il mio ritorno in Italia per le vacanze ( e lo farei tranquillamente, ma poi i parenti mi lincerebbero) :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, io non sono mai stata di quelli che sputano sull'Italia così per sport (soprattutto dopo essere stata curata dalla sanità italiana, quando per quella americana a quest'ora potrei anche essere schiattata), però ormai mi cascano veramente le braccia.

      Elimina
  2. I mercatini dell'usato sono una delle cose più belle di Berlino (ma in realtà poi è una lotta dura...)! Certo sì, l'accoglienza in Italia non è stata delle migliori, io a questa gente pagherei anche il biglietto aereo per mandarli a imparare come si sta al mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sei gentile. Io glielo insegnerei a calci nel culo :-)

      Elimina
  3. Ma i vigili sono da nazisti!
    Se vai a Roma ti prende una crisi cardiaca :-P

    RispondiElimina
  4. Oddio, in quel mercatino dell'usato mi ci starei delle ore!! **

    Moz-

    RispondiElimina
  5. il problema non è l'Italia, ma gli italiani :(

    RispondiElimina
  6. ma se mio padre invalido al 100% ha trovato l'auto strisciata su tutte e due le fiancate perché ha avuto l'ardire di chiamare la rimozione perché il figlio di un dio minore aveva posteggiato il SUV senza averne diritto sull'unico posto invalidi della nostra via

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi vengono in mente i frattali, sai, quegli oggetti che ripetono la stessa forma su scale diverse? Lo schifo che c'è ovunque nelle piccole cose si rispecchia nello schifo più grande, e poi più grande, e più grande, ed ecco che si arriva al Mose, all'Expo, alla TAV (il ponte sullo Stretto magari per adesso l'abbiamo scampato).

      Elimina
  7. La madre dei tamarri è sempre incinta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Campagna di sterilizzazione subito!

      Elimina
    2. sottoscrivo e me ne frego di apparire polticamente scorretta ecco

      Elimina
  8. Il titolo e' fantastico, complimenti! Quanto all'Italia (e agli italiani), saro' pessimista ma secondo me c'e' poca speranza di recupero, ormai. Non e' bello sparare sul paese che ci ha dato i natali, ma dobbiamo essere oggettivi. Comportamenti di questo tipo si correggono con una abbondante dose di cultura ed educazione civica: chi le trasmette oggi in Italia?

    RispondiElimina
  9. Io ormai con i vigili ho una specie di linea diretta. Ormai li chiamo anche se non è la mia macchina ad avere problemi (specialmente quando vedo il solito suv parcheggiato nel posto disabili). E' una guerra, ma lamentandosi che tanto in Italia va così non si va da nessuna parte.
    (Io quelli col suv li odio, nessuno escluso).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima, d'ora in poi ti imiterò! (A dire il vero sono andata dai vigili l'altro giorno per segnalare il problema, ma l'ufficio dei vigili per qualche misteriosa ragione il mercoledì rimane chiuso.)

      Elimina
  10. Ah ma era un post sull'Italia, monella!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tamarrolandia è inequivocabile, no? :-)

      Elimina
  11. Dai... l'Italia ha anche delle note positive, vedi il clima, il cibo, il mare! Il problema è l'educazione dei cittadini! Pensa che quando sono stato a Londra, quando c'era un problema di ordine ( scatti fotografici al National Gallery, panino e bibita davanti ai gioielli della corona...) erano sempre italiani....Ma le cose possono cambiare! Se vanno via tutti i migliori come potranno mai civilizzarsi tutti gli altri?? Lasciamo andare tutto in malora perchè ci siamo stancati di loro? :)
    Un saluto, a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bello trovare un modo per mandare via solo i peggiori, magari trasportandoli su un asteroide in una galassia lontana.

      Elimina
  12. pero' una discreta gigantografia di dr Spock farebbe la sua figura all' ingresso ( di un'ipotetica casa grande)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche piccola! Il problema è trasportarla in aereo.

      Elimina
  13. Immagina un po' cosa abrebbe pensato Spock arrivando al paesello. Con gli italiani tamarri nemmeno un Vulcaniano riuscirebbe a vivere! Live long and prosper, cara Silvia.

    RispondiElimina
  14. Come ti capisco... e io ci "devo" fare solo le vacanze, sì e no due settimane all'anno.

    RispondiElimina
  15. Io ogni volta che esco col passeggino ci trovo L'AUTO DELLA POLIZIA parcheggiata SULLE STRISCE, SULL'ANGOLO e DAVANTI ALLO SCIVOLO DI DISCESA. I tutori dell'ordine sono a far colazione al bar, sapete com'è.... Dico, non le rispettano loro le regole, perché le dovrebbero rispettare i tamarri?

    RispondiElimina
  16. Ti capisco: pensi ai "miei" tamarri palermitani che mi bloccano l'auto posteggiando abusivamente in seconda fila... Voglio andare a Berlino.

    RispondiElimina
  17. ci sono stato un paio di volte, una cosa mi aveva stupito, non si sentono clacson, l'ho capito solo tornando a casa.
    spero non abbiano peggiorato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una città silenziosissima, ci sono poche macchine, milioni di biciclette e trasporti pubblici superefficienti.

      Elimina
  18. Domani devo andare a Roma. E so già che nonostante i problemi quassù e la bellezza di Roma non farò che dirmi che ho fatto bene ad andare via...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La bellezza, quando è gestita così male, dopo un po' non basta più.

      Elimina