mercoledì 4 giugno 2014

Jonathan Franzen e Amazon

"Amazon vuole un mondo in cui i libri siano autopubblicati oppure pubblicati dalla stessa Amazon, i lettori si affidino alle recensioni su Amazon per la scelta dei libri, e gli autori si occupino della propria promozione. Un mondo in cui avranno successo le opere di chiacchieroni twittatori e millantatori, e di chi si potrà permettere di pagare qualcuno per sfornare centinaia di recensioni a cinque stelle (…) Amazon è sulla buona strada per trasformare gli scrittori in operai senza prospettive come quelli che i suoi fornitori impiegano nei magazzini, facendoli lavorare sempre di più per salari sempre più bassi e senza nessuna sicurezza sul lavoro, perché i magazzini si trovano in posti dove nessun altro assume manodopera. E più aumenta la fetta di popolazione che vive come questi operai, e più cresce la pressione per abbassare i prezzi dei libri e si acuisce la crisi dei libri tradizionali, perché chi non guadagna molto vuole intrattenimento gratis, e chi ha una vita dura vuole gratificazioni istantanee ('Spedizione gratuita entro 24 ore!')."

Da Il progetto Kraus, di Jonathan Franzen, Einaudi. Traduzione della sottoscritta - per Franzen - e di Claudio Groff - per Kraus.

11 commenti:

  1. Avevo letto tempo fa, non ricordo dove, il punto di vista di Franzen su Amazon, e ricordo che c'erano anche state parecchie polemiche al riguardo. Personalmente, lo sottoscrivo in pieno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto dopo le ultime notizie preoccupanti su quello che sta facendo Amazon agli editori che non obbediscono ai suoi ordini.

      Elimina
    2. Penso che potrebbe essere davvero così... ma magari avrà anche i suoi vantaggi, tanto di merda ce n'è parecchia anche attraverso i sistemi tradizionali XD

      Moz-

      Elimina
  2. Per me la recensione migliore resta sempre il passaparola delle persone di cui conosco i gusti letterari: spacciatori fidati che non deludono mai o quasi e mi vanto di non aver MAI comprato nulla su Amazon specie dopo che ho saputo che trattava i dipendenti peggio di schiavi si f@@@a Amazon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato eletto "peggior datore di lavoro del mondo" alla 3rd International Trade Union Confederation World Congress (che si è tenuto dove? Ma a Berlino, naturalmente), che rappresenta 180 milioni di lavoratori.

      Elimina
  3. Personalmente, da quando sono in Canada, per i libri italiani io ho sostituito Amazon con Mia Mamma. Garantisce spedizioni in 24 ore o in alternativa - e questo e' un servizio che Amazon mi pare non offra - legge lei i libri prima di spedirmeli e me ne fa una recensione secondo le categorie "Leggilo subito, ti piacerà'" o "Aspetta un po', magari non sei dell'umore giusto". Lo raccomando a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahaha, stavo per andare a cercare il link!

      Elimina
  4. Non sono affatto d'accordo, sai Silvia? Sono una profana e magari sto dicendo una cavolata, ma ho visto il "successo" di una blogger-signora-nessuno autopromuoversi su amazon e vendere il proprio libro - per altro a prezzo ridicolo. L'ho comprato e la qualita' della sua scrittura non aveva niente da invidiare ad autori ben piu' noti ma solo iperpubblicizzati e decisamente sopravvalutati.
    Piuttosto io sono incacchiata con Amazon perche' avendo un account americano, comprare libri dal mercato italiano e' macchinosissimo.

    RispondiElimina
  5. E comunque, questa cosa della spedizione entro ventiquattrore... ma cos'è tutta sta fretta? Va bene anche se me li spedite in 3, 4 giorni.... :-)))

    RispondiElimina
  6. Io per fortuna non mi faccio comprare sempre dalle buone recensioni...

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  7. da un paio d'anno compro molti libri usati da "Il libraccio", spero non siano come quelli di Bezos.

    metto il tuo post sul mio blog, come privarsene?

    ciao f.

    RispondiElimina