sabato 13 febbraio 2016

La cosa più schifosa del mondo

Abbiamo un topo in casa. Non è la prima volta. Ieri l'ho anche visto, in cucina, è filato via mentre entravo. Ogni tanto capita, Mr K è l'addetto alle trappole perché a me fanno un ribrezzo insuperabile. Mi dispiace un po' per il topo, ma insomma.
Stamattina mi sono alzata, sono andata in cucina a farmi il tè, poi mi sono messa alla scrivania, in camera da letto. Sulla destra della scrivania c'erano due Baci Perugina. Adesso ce n'è solo uno. L'altro è a sinistra, la carta strappata, l'interno mangiato. Sulla scrivania. Accanto al mio orologio. Accanto al letto. Accanto al bicchiere da dove bevo. Poco più in là c'è una cacchina di topo. Ce ne sono alcune anche in cucina, sul fornello e sui forchettoni di legno per l'insalata che ho lavato ieri sera.
Vaffanculo. Voglio tornare in Italia. Adesso.

64 commenti:

  1. Eh, anche io ho avuto topo in casa, in Italia.... Avrei voluto buttare tutto, brrrr!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Precisamente la mia reazione. Comunque a me è capitato spesso, nelle varie stamberghe in cui ho abitato. Ma in Italia adesso ho un derattizzatore di fiducia e due vicine gattomunite, quindi sono abbastanza tranquilla. Qui il derattizzatore è un incapace e i gatti dei vicini se ne stanno chiusi nei loro appartamenti.

      Elimina
  2. È arrivato il momento di prendere un gatto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, magari! Con tutti questi spostamenti non riesco a tenere neanche una pianta grassa :-(

      Elimina
  3. Ti presterei Miro, si divertirebbe molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà se esiste un servizio di noleggio gatti...

      Elimina
  4. A noi una volta è successo a mare. Gli abbiamo dato la caccia per una settimana (tra l'altro non era un topino ma uno di quei topoloni di campagna con la lunga coda. Brrrr), alla fine l'abbiamo intrappolato nel bagno e, siccome non si riusciva a stanarlo, gli abbiamo lasciato la finestra aperta con tanto di scivolo per agevolarne l'uscita. Nel frattempo si è mangiato la carta igienica e un pezzo di porta.
    Ah, e prima di rinchiuderlo, ha rosicchiato il cinturino dell'orologio di mio padre, posato sul comodino mentre dormiva...
    Dove viviamo adesso, in giardino girano parecchi topi, ma abbiamo una gatta provetta cacciatrice che se li va a stanare da sotto terra.

    RispondiElimina
  5. A me i topi piacciono un sacco ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se ti entrano in dispensa e ti rosicchiano il cibo?

      Elimina
  6. Purtroppo non mancano neppure qui. Anni fa, in appartamento, uno si fece la tana in una piccola cavità nelle piastrelle, dietro al lavandino del bagno... rivestito con cura con la nostra carta igienica e si mangiò una della due tartarughine di mio fratello. Il mattino dopo la macabra scoperta: il guscio vuoto!
    Qui in campagna, invece, ci pensano i gatti, ma mi fanno una pena! Non li portano in buone condizioni. Pensa che una volta hanno lasciato solo i denti e i baffi del topo e un'altra volta c'era rimasto il topo, ma mancava la testa.
    Pare ce ne sia uno anche in una delle scuole in cui lavoro, che non riescono a scovare.
    Non ti invidio :( ma sono certa che Mr K troverà una soluzione efficace :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per adesso ha comprato tipo cinquanta trappole diverse, vediamo se funziona. Certo che quella della tartarughina è una vera storia dell'orrore!

      Elimina
  7. Per calmarti puoi sempre pensare ai vari e simpatici Mickey Mouse, Tom o Jerry (?), Ratatouille, i topini di Cenerentola, Stuart Little, Geronimo Stilton e chi ne ha più ne metta ;)
    In fondo uno degli animali più schifidi è però anche il più amato dai disegnatori. Funny, isn't it?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma poveri, loro sarebbero pure carini, se non fosse che portano svariate malattie...

      Elimina
    2. Hai ragione: è questo loro essere portatori di malattie che inquieta. Ma magari il topolino si innamora di una bella topolina e si trasferisce in casa di qualche tuo vicino :) Visualizzalo spesso, magari si avvera ;)

      Elimina
    3. Invasione di topastri di fogna dai vicini del piano di sopra! Yeeee!

      Elimina
    4. In effetti in questo modo otterresti almeno un risultato a te favorevole: fuga dei topi o dei vicini sopra, chi vorresti elimenare di più? ;-)

      La sensazione di essere invasi è terribile, purtroppo la conosco, tanta solidarietà.

      Non ho racconti dell'orrore sui topi, ne avrei però su altri animali, la volta peggiore però è stata con le formiche in una casa al mare, avevano deciso di camminarci in faccia ogni notte per motivi sconosciuti, dopo aver pulito in ogni modo vedevi riformarsi la processione in linea retta attraversare i cuscini, erano tantissime, brr...

      Dopo la rievocazione di questi ricordi penso passerò un po' di antiparassitario al teatree ed eucalipto, così, per placare l'ansia...

      Elimina
    5. Quella delle formiche che camminano sulla faccia ancora mi mancava! Brrr!

      Elimina
  8. gesummmmmaria un topo, molti anni fa un topino che viveva nella paglia di una damigiana dell'ex caffè del nonno, si infilò su per le scale trovò la porta di casa nostra aperta perché stavo salendo e si catapultò dietro la scrivania, da cui lo stanarono due trappole il giorno dopo: fu una notte de PAURA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacerebbe poterci convivere pacificamente, ma è più forte di me, non ce la faccio.

      Elimina
    2. Un mio amico ieri mi ha detto "macché pacificamente, pisciano e cacano dappertutto". Già.

      Elimina
  9. Però il rosicchiamento di uno dei due baci ha un che di romantico se pensi che oggi è san valentino :D No dai non ti arrabbiare, sdrammatizzavo, anche perché non riesco a immaginare: ti direi che non mi fanno particolarmente ribrezzo i topini, ma ammetto di non essermene mai trovata uno in casa. Confido nel genio di Mr K!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche a Bologna sopra l'acqua? Fortunata!

      Elimina
    2. Terzo piano;) Credo faccia la differenza...spero...

      Elimina
  10. ahha cavoli :) un gatto sarebbe l'ideale :)) a venezia da quando hanno messo la normativa contro i gatti che giravano liberi per la città si è riempita di topi, alcuni dalle dimensioni enormi :((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sono pazzi?! Hanno proibito i gatti a Venezia? Spero che un grosso ratto vada a mangiare le dita dei piedi a responsabile di questa stronzata!

      Elimina
  11. Una volta mentre scrivevo al pc m'è passato sul tavolo uno scarafaggio. Proprio vicino al mouse.
    Non so dire cosa fa più schifo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra qui e facebook, il racconto di questo episodio mi ha fruttato un sacco di racconti dell'orrore!

      Elimina
  12. Il topo innamorato! Magari si potrebbe scriverne un racconto, alla Stephen King, alla P G Wodehouse o, ancora meglio, alla Silvia Pareschi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, una nuova idea per un racconto :-)

      Elimina
  13. Bedda, so cosa vuol dire perchè li ho avuto come sgraditi ospiti in una casa di campagna. In sè, i topi non mi fanno schifo, ma mi fa schifo averli come coinquilini: sono davvero invadenti, rosicchiano e rovinano tutto. Mr. Keats troverà una soluzione.

    RispondiElimina
  14. La micia randagia che c'è sotto casa ha appena partorito...ti porto un micino??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuoi una scusa per venire a San Francisco? ;-)

      Elimina
  15. Odiano la menta e il suono del metallo contro il vetro. Io ce ne ho avuti in casa (colpa coinquiline luride) e ho scoperto che una volta entrati restano ovviamente se trovano cibo, ma soprattutto acqua! Occhio dunque al deposito d'acqua che è dietro al frigo, che magicamente li attrae. Menta ovunque e se trovi il buco di accesso dovresti appendercivicino una bottiglietta di vetro e un chiodo che sbattano fra loro e facciano rumore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto contenta che destino la menta, perché adesso abbiamo la casa profumatissima!

      Elimina
    2. Io avevo comprato un prodotto per lavare i pavimenti alla menta, un olio essenziale alla menta e facevo infusi alla menta e li spalmavo sul davanzale della cucina. A me entravano da un buco nel muro della cucina e si ficcavano dietro i pensili, per poi andare ad abbeverarsi dietro il frigo (E morire bruciati). Quindi cerca il buco di accesso per prima cosa e chiudilo (io ho usato un contenitore di vetro, perché riescono a rosicchiare tutto il resto). Non lasciare cibo fuori per almeno un paio di mesi. Altra strategia acchiappa topo (scoperta senza volerlo): prendi un secchio piccolo e mettici dentro una busta sottile, che si regga appena appena ai bordi. Buttaci dentro qualcosa di odoroso (tipo banana), lasciarlo aperto. Il topino ci si ficcherà dentro, farà cadere la busta che si chiuderà su di lui, e anche se la bucasse rimarrebbe intrappolato fra l'esterno della busta e il secchio. Io così mi sono ritrovata un topo intrappolato in stanza e nottetempo mi sono fatta 2km a piedi per andare ad abbandonarlo lontano da casa mia (perché sennò tornano).

      Elimina
    3. Ma sei piena di risorse! Il problema dell'abbandono "umanitario" è che mi sa che una volta allontanati dal loro territorio muoiono comunque...

      Elimina
  16. orrore...un golosone, comunque!
    esistono anche quegli aggeggi che emettono infrasuoni assolutamente insopportabili per loro. ne aveva uno la mater mia in cantina, lei che ha la fobia dei topastri...e non ne ha mai più visto uno.
    però almeno con tutta sta menta poi ti ci puoi fare un mojito per dimenticare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mojito è sempre un'ottima idea. Quanto aalla macchinetta a ultrasuoni, me l'hanno consigliata in tanti. La prenderò senz'altro.

      Elimina
  17. noi li avevamo presi con le trappole, mettendo come esca pane e nutella. presi. tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, a quanto pare adorano il cioccolato. Soprattutto quello con le nocciole :-/

      Elimina
  18. perché in italia non ci sono i topi? consiglio un bel gattino... intanto buona caccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Italia l'unica casa in cui non ho avuto topi è stata quella in cui ho vissuto con i miei genitori fino all'università. Da allora in poi ho sempre abitato in catapecchie e quindi li ho sempre avuti. L'unica differenza è che la mia attuale casa italiana è ben protetta dai gatti degli appartamenti vicini. E poi ogni scusa è buona per tornare in Italia!

      Elimina
    2. ecco sì... capisco la scusa! Evvai con un gattino!

      Elimina
  19. Io ogni tanto qui ci convivo e ti dirò che sono molto intelligenti, anche se sn tremendi. Il mio si era fissato con le banane, che parevano intatte da fuori. Poi con la pasta integrale che apriva, spargeva per terra. E infine col colino del té in foglia. Cacchette a go-go. Quindi pulisci, metti via tutto, butta tutto quel che può essere contaminato. Trova vari metodi naturali e non violenti per eliminarlo e nn farlo entrare (menta, ecc). E infine, la natura ha fatto il suo corso. L'altra notte tra il balcone della camera e la cucina un fracasso, come di vetri rotti, e stavo morendo di paura ma sono andata a vedere... non so se sia stato un barbagianni o una civetta, comunque un rapace notturno con le ali bianche, che l'aveva incastrato in un angolo della finestra. A quel punto, l'ho lasciato fare... e da qualche giorno la cucina è intatta e ho ripreso a comprare le banane!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, adorabili rapaci! Altro che un banale gatto!

      Elimina
  20. Se c'è una cosa che mi terrorizza, mi rende isterica, incapace di lucidità beh questa cosa è personificata nel topo. Mi terrorizzano anche disegnati, al solo parlarne e poco importa la loro dimensione... Mi è capitato, visto che vivo in campagna, che una volta d'estate uno si sia intrufolato in casa, nonostante le mie porte siano sempre chiuse, anzi serrate, e le finestre munite di zanzariere, non per le zanzare ma per i topi. Bene, ho traslocato finchè lui non è stato messo alla porta. O io o lui!!
    Nel frattempo...mi auguro che tu abbia risolto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, vedo che mi capisci :-)
      Sì, ho risolto, per ora. Cioè, ha risolto Mr K, io non ne voglio sapere niente. Adesso scatta l'operazione prevenzione: menta e ultrasuoni!

      Elimina
  21. A una mia amica ha mangiato il panino che aveva in borsa.
    E' successo in un albergo di Roma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che dopo gli abbia mandato l'ufficio d'igiene!

      Elimina
  22. Eeh ti capisco e hai tutta la mia solidarietà. Un vero incubo. Ma quindi non l'avete ancora beccato? A me andavano e venivano indisturbati. Per mesi li sentivo correre,di notte, dietro la testiera del letto. Correvano dentro le intercapedini del muro. Solo dopo un anno si è scoperto che ci fosse un buco esterno al palazzo. Da quando è chiuso non è piu accaduto niente ma io sono ancora "terrorizzata".
    Se non fosse successo questo
    http://aliceblossom.blogspot.co.uk/2014/01/e-se.html?m=0

    ..forse adesso riuscirei a non pensarci :-/

    Insomma mi rendo conto di non esserti per niente d'aiuto, ma anzi di buttarti ancora piú ansia addosso... Ma ecco può succedere che salgano perfino lí :-O

    PS occhio alle bottiglie diplastica d'acqua. Controlla se hanno i tappi rosicchiati...
    Ok basta la smetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa come storia dell'orrore le batte tutte!

      Elimina
  23. Oh si', come ti capisco. Anche qui sono arrivati, a casa nostra, l'inverno 2014. Vidi una codina scappare nella dispensa e io, da donna mediterranea e ingenua, pensai: "Toh guarda, una lucertola?!" per poi capire che a Montreal, a -20, le lucertole non esistono! I derattizzatori ci spiegarono che le intrusioni domestiche capitano soprattutto negli inverni in cui il freddo arriva inaspettato e i topi cercano rifugio nelle case.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti i topi vivono dappertutto. Dobbiamo ammetterlo, sono una razza superiore.

      Elimina
  24. Come già detto da molti, la soluzione migliore é avere dei gatti in casa. Mai avuto topi in palude, basta solo sentano l 'odore di goodygoody ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo so, ma goodygoody non ammazza solo i topi...

      Elimina
  25. concordo sul micio... quando stavo in argentina e c'erano delle blatte enormi non riuscivo a dormire: il nostro gatto le cacciava :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah,sono efficaci anche contro le blatte!

      Elimina
  26. Ma Silvia i topi ci sono anche in Italia!!! E poi un topo che mangia i Baci Perugina magari è anche italiano, chissà, sentirà la nostalgia di casa... Comunque è sicuramente un topo educato (insomma, un bacio perugina l'ha lasciato anche a te no?). Noi ne avevamo uno nella casa di Auckland e quando trovava da mangiare se lo faceva fuori tutto, mica ci lasciava qualcosina anche a noi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zitto, che ho appena trovato un chocolate chip cookie mezzo mangiato nella dispensa ermeticamente sigillata, e devo aspettare che Mr Ksi svegli per chiedergli se lo ha mangiato lui...

      Elimina
  27. Dopo aver vissuto un anno con le blatte maltesi ho sviluppato un certo pelo sullo stomaco, ma...oddioddioddioddio il topo no!!! Io al posto tuo sarei già impazzita, quindi ti ammiro davvero!

    RispondiElimina