martedì 1 marzo 2016

Una settimana a Los Angeles/2. Massaggi e smog

Per noi che odiamo guidare, LA è una delle possibili variazioni sul tema dell'inferno. Oggi ho esplorato un po' la via pedonale dove si trova la nostra casetta, e devo dire che è proprio una delizia

Quello è un ficus benjamina!

Gatto coraggioso che sfida i coyote

La nostra casetta è quella lì a sinistra

Poi però ho deciso di pulire il tavolo del giardino per mettermi a lavorare fuori, e subito dopo ho deciso che è meglio lavorare in casa. La cappa di smog c'è e si vede.



Stamattina sono andata a fare un massaggio perché ho la schiena e il collo così rigidi che mi danno il mal di testa, e ho trovato una massaggiatrice fenomenale. Tailandese, però le ho chiesto un massaggio svedese. Credo che mi abbia fatto un mix, perché a un certo punto mi ha tirato come un elastico e mi ha anche camminato sopra, ma niente a che vedere con il massaggio di fantozzi.
Ecco le testimonianze dei clienti grati appese alle pareti
 


Tornare a casa non è stato facilissimo, perché mi serviva un taxi e i massaggiatori tailandesi non sapevano dove trovarlo. Ma alla fine, grazie anche al mio burner (cellulare ricaricabile non-smartphone, così chiamato perchè ormai lo usiamo io e gli spacciatori) nuovo di zecca, sono riuscita a chiamare un taxi e tornare a casa. Smartphone e Uber manco se me li regalano, grazie tante.

30 commenti:

  1. Accidenti se è smog quello! Inquietante! Fa uno strano effetto, vista tutta quella rigogliosa vegetazione, sembra un paradiso tropicale :)

    RispondiElimina
  2. E io che vedendo il cielo e la buganville già ero pronta alla lacrimuccia sotto il bigio cielo berlinese. Ma con un clima così perché diavolo non vanno tutti in bici in California?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché qui le distanze sono spaventose, ma anche perché la cultura della macchina è radicatissima.

      Elimina
  3. A vedere il cielo blu della terza foto non ci si crede che ci sia tutto quello schifo nell'aria.
    E per chi come noi e' sommerso sotto la neve, quel ficus genera un moto di speranza: allora il verde esiste ancora! E tu me ne dai le prove!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coraggio, resisti! Non durerà ancora per molto!

      Elimina
  4. il mio gatto non sfida nemmeno i piccioni, sono troppi , figurati il coyote; voglio anch'io la massaggiatrice mix lascerei un ex voto bellissimo giuro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece gli ho lasciato il ricordo di una che incomprensibilmente si ostinava a volere un taxi :-D

      Elimina
  5. Vedessi cosa c'è sul mio balcone... L'altro giorno mi sono sentita in colpa per le mie piante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Argh. Mi sa che anche Torino non è il massimo come aria, eh?

      Elimina
  6. Ma infatti è dall'altro post che mi chiedevo se davvero i gatti non avessero escogitato un modo per uscire. E per i cani spero ci siano dei giardini recintati con le staccionate un po' più alte di quelle nella foto. Però che bello veder tutto fiorito, qui è ancora inverno e oggi è stato terribile tra pioggia, sole, vento,e di nuovo pioggia. Lo smog c'è ma non si ferma per via del vento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, come a San Francisco, dove l'aria rimane pulita perché c'è sempre vento. Dalla fine di questa settimana sono previst dieci giorni di pioggia (che vanno bene per la siccità, meno per la casa di legno che ammuffisce subito).

      Elimina
  7. Tanto per dare ragione ai poeti... la bellezza nasconde un inganno :)
    Ma le foto (almeno quelle) mi fanno comunque "respirare" il bello ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo la fortun di essere finiti proprio in un bel posticino, infatti non ho per niente voglia di uscire!

      Elimina
  8. Ripeterei un'osservazione comune se commentassi che con quel cielo lì è da non crederci allo smog, cosicché mi concentro sulla foto dello scottex: bellissima nella sua essenzialità. Quanto alla schiena ti auguro tutto il meglio, la schiena è da trattare coi...guanti, se poi sono thai e portano benefici ancora meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il massaggio ha fatto miracoli (insieme al Moment che ho preso la sera)!

      Elimina
  9. Goditi LA e aggiornaci sulle uscite: tue da casa, da sentierini invidiabili e dei tuoi libri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando avrò la copertina definitiva farò un post ufficiale :-)

      Elimina
  10. Commoventi i post-it di ringraziamento alla massaggitrice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo lasciargliene uno anch'io, ma ero troppo impegnata a cercare di chiamare un taxi.

      Elimina
  11. Anche io vorrei un massaggio tailandese! Una volta ho prenotato un massaggio per i tuoi stessi motivi, da un'italiana, mi ha tirato la pelle, afferrandola a piene mani, su tutto il corpo! Ho sofferto in silenzio, e avuto dolori per qualche giorno, ma mi ha davvero sciolto tutti i dolori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, che dolore quel massaggio lì! Ma occhio che il tailandese può essere molto fantozziano.

      Elimina
  12. Io mi regalerò un massaggio mercoledì sera. Temo non sarà neppure lontanamente paragonabile al tuo massaggio, ma se questo dolore alla cervicale mi si alleviasse (passare del tutto sarebbe chieder troppo), sarei già felice.
    Inutile dire che da queste parti si parla solo di Purity. Ma quando viene in Italia???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà, potrebbe anche essere migliore del mio... ho girato parecchie massaggiatrici prima di trovarne una così brava... ed è a Los Angeles :-(
      Purity? Arriva domani!

      Elimina
    2. Ma io intendevo Franzen in carne ed ossa! Non viene in Italia per promuovere il libro? Magari al salone di Torino...

      Elimina
    3. Ah, lui! Non lo so se stavolta verrà in Italia...

      Elimina
  13. prossimo libro: i racconti ambientati a Los Angeles?? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti mi hanno detto che attiro sempre gente e fatti strani... magari il posto dei massaggi finirà in qualche racconto ;-)

      Elimina