giovedì 8 settembre 2016

Una vacanza a Humboldt County/1

Come vi ho annunciato nel post precedente, la settimana scorsa siamo stati in vacanza a Humboldt County, nell'estremo nord della California. Non nascondo che uno dei motivi del viaggetto era raccogliere materiale per tre brevi storie che devo scrivere per Pordenonelegge, e credo di esserci riuscita. Così, anche se ora non ho tempo di dilungarmi nella descrizione della vacanza, dopo il festival potrò pubblicare qui i tre raccontini e darvi un'idea di com'è andata. Ovviamente nelle sue parti più fantozziane
Intanto vi faccio vedere un po' di foto di quei posti meravigliosi.

Tanto per cominciare, il mezzo di locomozione (una volta là abbiamo noleggiato una macchina). Prego di prestare particolare attenzione alla scritta "Professional drivers committed - to safety" (Autisti professionali impegnati - per la sicurezza. Ma "committed" potrebbe significare anche "internato, ricoverato" nel caso di paziente psichiatrico). Inoltre, se leggete che un viaggio in Greyhound dura otto ore, ricordatevi che in realtà sono almeno dieci.




Dormivamo in una cittadina che si chiama Arcata, e da lì abbiamo esplorato i dintorni, che consistono principalmente di foreste di sequoie e splendide spiagge californiane, ovviamente inaccessibili ai bagnanti.
Questa per esempio è la spiaggia di Trinidad


Nei dintorni ci sono diversi parchi dove si può camminare in mezzo alle sequoie, ma purtroppo le foto in mezzo alle sequoie vengono da schifo perché sono tutte sovra o sottoesposte. Comunque anche il parco cittadino di Arcata è un parco di sequoie, con un bel pratone all'inizio (notare Mr K in basso, con cappello)


da cui si dipartono alcuni facili sentieri. Le sequoie hanno forme bizzarre, spesso sono cave, oppure crescono una sopra l'altra, come questa


1/Continua

34 commenti:

  1. Le sequoie sono bellissime! Ma come fanno a crescere così??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella lì è un caso particolare, è arrivata e si è seduta sopra il ceppo di quella che l'ha preceduta :-D

      Elimina
  2. quest'estate ho visto una sequoia anch'io e non mi sono mossa dal Sudtirol, pensa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono le sequoie in Sudtirol? Comunque io più che le sequoie ero interessata a vedere la fauna locale ;-)

      Elimina
    2. Una, nel centro di Parcines :D
      per la fauna aspettiamo i racconti con ansia

      Elimina
    3. La fauna era veramente imperdibile.

      Elimina
  3. Paesaggi da cartolina. Sequoie comprese. Un viaggio sul Greyhound prima o poi nella vita... Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, però te lo consiglio non più lungo di questo, non come quello di 84 ore filate che racconto nel mio libro :-)

      Elimina
    2. My goodness!!! 84 sono un po' troppe... soprattutto per i miei problemi di lombosciatalgia ;)
      Ti confesso che devo ancora leggerlo: a luglio ci sono arrivata così stanca che non riuscivo a concentrarmi, agosto è volato. Ora mi sono nuovamente arenata con l'inizio delle scuole. Ma ce la posso fare! Devo solo ri-prendere il ritmo delle lezioni e poi caleranno le temperature per cui non si andrà più al mare, anche se confido in una estate indiana di letture in spiaggia ;)

      Elimina
    3. Ah, le letture in spiaggia, che nostalgia! Io sono in aeroporto, pronta a spararmi 11 scomodissime ore di lettura in aereo.

      Elimina
  4. "la fauna locale" è sempre un aspetto interessante quando si viaggia, però ecco... anch'io non posso fare a meno di commuovermi per questa sequoia. Davanti a un esemplare così non potrei resistere e comincerei a toccarla e a preoccuparmi se sia abbastanza comoda in quella posizione (e non rischi di cadere!) Insomma roba da committed people :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sequoie stimolano senz'altro pensieri del genere, visto che spesso si contorcono e si rigirano nei modi più imprevedibili. E poi naturalmente fanno venire voglia di abbracciarle, anche questa un po' roba da committed people ;-)

      Elimina
  5. Ogni volta che ti leggo mi sento Emily Dickinson, spero non si rivolti per il paragone, viaggio restando ferma. Stanotte esperienza sensoriale tra le sequoie ("committed" :D :D :D) :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che questa espressione è adatta per tutti, non solo per gli autisti di Greyhound!

      Elimina
  6. Autisti a parte o.O i luoghi sono meravigliosi *_* Un grande sogno visitare i grandi parchi americani (me ne basterebbe anche uno soltanto XD). Le sequoie hanno una forza attrattiva pazzesca... concordo sul committed citato nei commenti XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se posso darti un consiglio sui parchi americani, evita magari quelli più famosi e affollati, tipo Yellowstone e Yosemite, e cerca quelli un pochino meno frequentati, sono ugualmente belli e te li puoi godere con più calma.

      Elimina
    2. Graditissimo il consiglio! Anche se per il momento il mio rimane un sogno... ma un gran bel sogno! ^_^

      Elimina
  7. questa si che è una meraviglia!! bellissime le sequoie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio dell'isola radioattiva, eh?

      Elimina
    2. ahah si :)) stavo pensando proprio a quello! :))

      Elimina
  8. La tua scrittura è molto coinvolgente. E sono curiosa di leggere e/o ascoltare i racconti che stai preparando per Pordenonelegge.
    Ciao :-)
    Nou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nou! Sono microraccontini scritti per l'occasione, ma chissà, forse un giorno entreranno in qualcosa di più lungo...

      Elimina
  9. Bel viaggio! Visto che sei statunitense....e giri per la California, ti è mai capitato incontrare riserve dei nativi? sono un grande appassionato della loro storia.

    ....e poi il libro della jackson che stai traducendo quando pensi che uscirà?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea, sì, anche quando siamo stati nella Monument Valley eravamo in una riserva di nativi, il parco lo gestiscono loro. Ce ne sono molte nel South-West, ma in genere lì la gente non fa una bella vita :-/
      Putroppo non so dirti quando uscirà il libro di Shirley Jackson, sono decisioni che prende l'editore.

      Elimina
  10. Sono rimasta indietro di ben cinque post, ora li ho letti con gran piacere, foto comprese. Ieri ho visto una graziosa pila del tuo libro ben esposta alla libreria dell'Auditorium (Roma).Tuttavia ho ricacciato la tentazione, ora che c'è già una data romana per la presentazione ho deciso di comprarlo solo quel giorno e leggerlo dopo averti sentita, perché sarà una lettura sicuramente più gradevole, più consapevole. Buon PordenoneLegge, buona scrittura!

    RispondiElimina
  11. I viaggi Greyhound sono per me un incubo. Sai quando parti e non sai quando arrivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che hai colto perfettamente lo spirito ;-)

      Elimina
  12. Le sequoie che crescono una sull'altra stupiscono, poi pensando ai nostri condoni edilizi, neanche più di tanto...
    I'm joking, of course.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non me ne parlare, che domani sarò di nuovo al paesello e potrò vedere dal balcone l'ecomostro che cresce :-/

      Elimina
  13. Ma le spiagge sono inaccessibili inaccessibili e uno inoltrandosi tra i frattoni ci può arrivare? Io mi ritirerei a vivere in una sequoia cava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no, sono accessibilissime se vuoi fare una passeggiata, ma inaccessibili ai bagnanti perché l'acqua ha una temperatura polare (e anche sulla spiaggia non fai mai caldo, quando non c'è il nebbione c'è un ventazzo gelido che ti costringe a girare col piumino).

      Elimina
  14. Che meraviglia del creato le sequoie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui si possono vedere alcuni dei pochi tratti di foresta primaria rimasti, quelli sopravvissuti al disboscamento.

      Elimina