domenica 8 dicembre 2019

La menopausa fa schifo


“Niente può prepararvi a questo”, scrive Mary Ruefle nel suo bel saggio PauseGermaine Greer l'ha chiamata “The Change”, il cambiamento, e i libri sull’argomento cercano di sfruttare questo concetto per presentarvi la menopausa come un momento di cambiamento che può anche essere positivo, a seconda di come lo prendiamo. Non è vero. Chi potrebbe sostenere che ansia, depressione, insonnia possano anche essere positive, a seconda di come le prendiamo?

La prima volta mi colse impreparata. La mia ginecologa mi aveva sospeso la pillola, perché “alla sua età ormai non serve più”. Dopo circa un mese il mio sonno cominciò ad accorciarsi, a diventare sempre più affannoso e faticoso, finché non si fermò del tutto. Mi trovavo negli Stati Uniti, dove l’accesso a medici e medicine è complicato e costoso, e così all’inizio gli amici mi regalavano olio di cbd e sonniferi. L’olio non mi faceva neppure il solletico, i sonniferi mi provocavano un sonno fasullo che non mi riposava e mi lasciava la mente annebbiata. L’agopuntura forse aiutava un pelino, ma solo perché l’agopuntura mi è simpatica. L’anziano medico generico con cui quando stavo bene parlavo di letteratura russa mi prescrisse l’ascolto di un mp3 per insonni, che con voce suadente mi invitava a circondarmi di animali amici (che nella mia immaginazione diventarono subito serpenti e pantere feroci) e poi di tutte le persone che mi avevano voluto bene (una sfilata di morti). Finalmente un altro medico, una donna, mi disse: “ma è ovvio, le hanno sospeso la pillola e le è venuta l’insonnia. Si chiama menopausa. Riprenda la pillola”. E nel giro di due o tre giorni ricominciai a dormire.

Adesso, a cinquant’anni, me l’hanno sospesa di nuovo. Io ci ho provato, a festeggiare i cinquant’anni come se ci fosse qualcosa da festeggiare. Ho passato due settimane da sola su un’isola greca in maggio: un paradiso. Ma poi a fine settembre ho smesso di prendere la pillola. Alle donne che prendono la pillola la menopausa arriva addosso come un tram in corsa: i sintomi che fino a quel momento sono stati mascherati dall’assunzione forzata di ormoni ora cominciano a strisciarti addosso uno dopo l’altro, dapprima come leggeri fastidi che per le più fortunate – invidiatissime – rimangono tali, ma che per altre possono diventare devastanti. “La menopausa non è una malattia”, è un altro slogan speranzoso e spesso fastidiosamente fasullo. Forse non lo è, ma quando la notte non riesci a chiudere occhio non è che ti senti proprio sanissima.

Il cambiamento è in realtà una scadenza. Tutti abbiamo una scadenza finale, ma in quel caso il vantaggio è che non ne conosciamo la data. Nel caso della menopausa invece l’età è quella e da lì non si scappa. Non si scappa dalla fine della fertilità, dalla fine della bellezza, dalla fine dell’illusione che saremo sempre sane. È il momento in cui mi sono resa conto che certe scelte erano ormai irrevocabili, che il margine di cambiamento si era chiuso. E che sono anch’io prigioniera, come non credevo di essere, di un’idea di potenzialità legata al mio aspetto fisico. Un uomo che invecchia non si pone il problema della perdita di bellezza. Per una donna il fatto di diventare all’improvviso invisibile può essere un duro colpo. Un cliché culturale che ho sempre disprezzato, al quale mi sentivo superiore, e nel quale ho invece scoperto di rientrare in pieno. 

I sintomi della menopausa variano da donna a donna. Come dice Mary Ruefle nel suo saggio, spesso la medicina e le riviste femminili ci raccontano che il problema principale sono le vampate. Ma per carità. Chi se ne frega delle vampate. È vero che la notte mi sveglio in un bagno di sudore, ma dura poco, e se quando mi passa fossi in grado di riaddormentarmi sarei la persona più felice del mondo. Invece non dormo. La mancanza di ormoni mi impedisce di lasciare lo stato di veglia, crea una tensione costante che mi attraversa il corpo come una leggera corrente. Il giorno dopo la notte da incubo è un giorno da incubo, con pensieri nerissimi, ansia e incapacità di concentrarmi. Chi ha provato l’insonnia sa di cosa sto parlando. Le ore passate a rigirarsi nel letto con la disperazione crescente che riduce sempre di più le possibilità di addormentarsi, la decisione di alzarsi nel cuore della notte a scrivere un pezzo sulla menopausa perché tanto non si riesce a dormire, l’assurda, fugace illusione che in realtà così si guadagna tempo per fare cose, e la presa di coscienza che il tempo guadagnato non serve a niente perché quando non hai dormito sei inutile come le tue ovaie spente. È il classico gatto che si morde la coda. L’ansia e la depressione causate dal “cambiamento” alimentano l’insonnia, che a sua volta alimenta l’ansia e la depressione.

Io ve lo dico: le cure alternative non funzionano. Nessuna è mai guarita dalla menopausa con le pasticche di erbe. Nessuna è mai guarita dalla menopausa punto. E siccome non sanno guarirti ti dicono che non è una malattia. Però ti danno medicine per l’umore e medicine per il sonno. Oppure ti danno gli ormoni e ti terrorizzano con i possibili effetti collaterali. Io li sto prendendo da tre giorni e sto ancora aspettando che facciano l’effetto primario. Tra un paio d’ore sorgerà il sole.

15 commenti:

  1. Benvenuta nel club, a me le vampe però danno davvero fastidio specie di notte e non sai se è nato prima l'uovo (sempre loro) o la gallina, se cioè è la vampa che ti sveglia o sei sveglia e quindi subisci la vampa, comunque si sta da schifo

    RispondiElimina
  2. Oh, come ti capisco... Però porta pazienza: poi passa.

    RispondiElimina
  3. Non oso immaginare.
    Ma quando vi prescrivono la pillola, non ve lo dicono che poi -sospendendola- si arriva a questi effetti?
    Insomma, il non dormire sicuramente non è bello.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è la pillola, è che la sospensione è coincisa con l'entrata in menopausa

      Elimina
  4. Che ansia, io non ci sono ancora ma solo a pensarci mi spavento. Ma davvero arriva già a cinquant'anni? Non è presto?
    Soffro di insonnia spesso e volentieri, e quando mi capita di giorno sono uno straccio, mi perdo persino alcune lettere, insomma parlo male. Non posso prendere sonniferi, una volta ci ho provato e ho avuto una pessima reazione.

    RispondiElimina
  5. Non riesco proprio a immaginare ... pensa, che ho sempre creduto che l'insonnia fosse una buona occasione per fare più cose, e invece, mi hai fatto capire che non lo è per nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, no, perché per fare più cose devi anche avere un cervello che funziona.

      Elimina
  6. Forse m'inserisco a torto in questa discussione poiché uomo (non piu giovane) ma conosco tantissime donne in menopausa. mentre posso capire (almeno sul piano intellettuale) gli sconvolgimenti corporei (un'amica ha delle vampe devastanti e si copre di sudore in 2 minuti, per poi andare a cambiarsi la camicia). Ebbene, non trovo meno affascinanti, meno seduecenti, meno attraenti queste donne mature all'apice della loro consapevolezza, la loro intelligenza, e finalmente non piu "schiave" (per causa della cultura patriarcale) del loro aspetto fisico (comunque sempre piu curato e mantenuto di quello dei maschi). Al netto dei disagi fisici, viva le donne mature, straordinarie compagne di vita nostra.

    RispondiElimina
  7. Perdonami per il fuoritema, ma... complimenti per il tuo meritato premio, cara amica! Almeno nel ramo traduzioni il Talento viene rispettato e riconosciuto persino in Italia!!!!

    RispondiElimina
  8. Io ho smesso la pillola seguita da una ginecologa omeopata che mi ha dato tinture madri e gemmo derivati e sono rinata. Mi sono stupita solo di una cosa: che fossero indicati per la menopausa. Ora ho capito perché.
    (naturalmente l'omeopata deve essere serio, non un ciarlatano come purtroppo ce ne sono, tanto per fare un esempio: un otorino che era tutto chiacchiere, così tante chiacchiere, che non mi ero fidata a prendere le goccine che mi aveva prescritto)
    Spero che nel frattempo gli effetti desiderati siano comparsi!

    RispondiElimina
  9. Ma possibile che nessuno ti abbia parlato degli isoflavoni di soia?

    RispondiElimina