giovedì 31 maggio 2012

Cosa mi sono persa

Questo post poteva intitolarsi "Porca vacca". O qualsiasi altra imprecazione a piacere.
Ero in Italia quando hanno eletto Obama. Ero a San Francisco quando a Milano hanno eletto Pisapia. Lo so che mi perdo tutte le feste, ho capito. La prendo bene, eh, non fa niente, pazienza, ci sono cose più importanti nella vita. Però stamattina guardavo in giro per la rete le celebrazioni per il compleanno del Ponte.
Ho trovato questa foto d'epoca, carina:

Headlines from The San Francisco News, May 28, 1937. From the San Francisco History Center Ephemera files: SF. Bridges. Golden Gate. Opening Day. Newspaper Clippings.

E poi ho visto che ci sono in giro parecchi video dello spettacolo pirotecnico. Così ne ho guardato uno. E per un istante ho perso tutto il mio aplomb. C'era persino una fantastica colonna sonora.
Però poi ieri sera abbiamo cenato sul balcone, come sempre in queste serate tiepide profumate di gelsomino, pitosforo e caprifoglio, e mi sono consolata. A San Francisco non possiamo mai cenare all'aperto, e quelli che hanno visto i fuochi d'artificio avevano addosso il piumino. Tiè.

30 commenti:

  1. Ricordo il vento a SF, veramente impossibile mangiare all'aperto! Un signore ci disse "Noi abbiamo l'aria condizionata tutto l'anno".
    Goditi il tesorino di una cena all'aperto, impagabile!
    ;-)
    PS Bello il pezzo musicale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poter cenare all'aperto è una delle cose che mi mancano di più! E infatti la chiamano The Naturally Air-Conditioned City!

      Elimina
    2. Era teporino, non tesorino! Butto l'iPad dalla finestra!!!!

      Elimina
    3. :-DDD! Be', dai, però aveva senso lo stesso! :-)

      Elimina
  2. se riesco a lasciare le due appendici minorenni ci vengo il 5, mi farebbe immensamente piacere! ora ti mando un'email così mi dici il posto e l'ora :)

    RispondiElimina
  3. I fuochi d'artificio m'hanno sempre messo addosso una certa tristezza, quella tipica delle feste quando finiscono.
    Molto meglio la cena all'aperto! E poi immersa nei soavi profumi dei 3 fiori che piu' mi piacciono e che fanno tanto giardino d'estate. Mi cospargo di unguenti al caprifoglio e quando m'imbatto in pitosforo o gelsomino mi piace mettermi un fiorellino tra i capelli. Il tiè secondo me lo puoi urlare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, per fortuna che per quando dovrò ripartire, in luglio, i fiori saranno tutti appassiti. Ora vado a fotografare il fiorellone di magnolia che ho nel vaso, prima che sfiorisca. Peccato non poterne conservare il profumo!

      Elimina
  4. ho visto il video (tutte le cose luccicose mi attirano, non resisto) e mi sono emozionata! mi ha ricordato i fuochi musicali della festa del redentore a venezia che si specchiavano in laguna, wow!
    ci credo che hai rosicato, l'unica è convincersi che l'uva in effetti era acerba :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, che belli, li ho visti anch'io! Tanti anni fa, al concerto dei Pink Floyd a Venezia, quando non riuscii a vedere niente del concerto da dove mi trovavo, ma poi cominciarono i fuochi e pensai "chissenefrega dei Pink Floyd, questo è molto meglio!" Un altro caso di uva meritatamente acerba. ;-)

      Elimina
    2. tu c'eri??? quello è stato L'EVENTO, con articolo determinativo, L maiuscola, E maiuscola, tutto maiuscolo. fa niente se non hai visto il concerto, tu c'eri!

      Elimina
    3. Ehm, sì, c'ero e mi sono anche molto divertita, però, ecco, non vorrei fare la guastafeste mettendomi a parlare dell'organizzazione abominevole di quel concerto...

      Elimina
    4. Beh, allora la faccio io :D
      Non si puó parlare di evento ben riuscito se poi succedono i disastri, e Venezia se ne uscì proprio con le ossa rotte. Un disastro.
      Mi chiedo se siano sopravvissuti a lungo quelli che stavano nelle prime file!

      Elimina
    5. Vabbè, allora visto che ha cominciato Elle posso rincarare la dose. Mancavano i gabinetti pubblici, e la gente pisciava dove capitava. Mancavano i cestini per i rifiuti, e quando andammo in centro dopo il concerto camminammo letteralmente con la spazzatura che ci arrivava ai polpacci. La colpa venne data al pubblico, ma la verità è che fu un evento organizzato malissimo, senza pensare alle conseguenze per una città delicata come Venezia, né al pericolo per la gente che, appunto, nelle prime file rischiava di cadere in acqua perché non c'erano protezioni. Si parlò di vandali, ma i veri vandali furono quei folli che pensarono di concentrare centinaia di migliaia di persone in un posto come Venezia, e poi trattarli anche come bestie.
      Ecco, non volevo parlare ma ho parlato!

      Elimina
    6. siete terribili! è vero che era assurdo fare quel concerto a Venezia, però visto che era un evento a cui, Silvia, sei riuscita a partecipare, ricordiamoci solo la parte bella!

      -.-'

      Elimina
    7. E' stata Elle! E' colpa sua! ;-)

      Elimina
    8. Ma uffa, sei tu che hai gettato l'amo!
      E poi sono sicura che ormai Silvia ricordi solo la parte bella, qui era solo dovere/amore di cronaca (o bastoni tra le ruote, chiamateli come volete!)

      Elimina
    9. Su, su, bando alle discussioni! ;-)
      Tanto io del concerto non ho visto niente, ma i fuochi erano bellissimi e la gita con gli amici davvero memorabile.

      Elimina
  5. I fuochi artificiali passano, sono solo una sfuriata. Una bella cena assieme nell'aria tiepida profumata, però, rimane nel cuore.
    E comunque per completezza di informazione, mia cugina a quel concerto dei Pink Floyd ci andò...e a me, be'... non mi ci portò, ecco, e a dirla tutta io ancora ce l'ho con lei!! Doh!>.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, la cuginastra! E comunque hai ragione, sarà meglio che mi goda le gioie dell'estate prima di tornare fra le nebbie della California! A proposito, a Roma fa caldone?

      Elimina
  6. Visti i precedenti fortunati, direi di non interrompere la catena positiva... Hai in programma un viaggio in Italia per i primi di novembre? :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-DDD Ci ho messo un po' a capirla, ma... ebbene sì! In novembre sarò in Italia!! Rinuncio volentieri a un'altra festa, se può servire :-)

      Elimina
    2. hahahahaha grande Gianluca :DD

      Elimina
    3. Brava Silvia, così si fa! :D Vedi che allora si stanno già creando tutte le condizioni per un secondo mandato? :)

      Elimina
    4. Mi sacrificherò per la causa!

      Elimina
  7. Come ti capisco! Vedrai che poi ti rifarai, ne sono certa :)

    RispondiElimina
  8. ahahahhah anche io sono una fan dell'autoconsolazione!
    deve essere stato uno spettacolo meraviglioso, ma la cena sul balcone non ha eguali
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, infatti, soprattutto se consideri che durante queste cene posso esercitare le mie capacità yogiche sedendo in posizioni improbabili per riuscire a incastrarmi nel microbalcone. Due piccioni con una fava. (Vincerò il campionato dell'uva acerba!)

      Elimina
  9. Quando hanno eletto Pisapia la gente in metrò piangeva, vestita d'arancione ed è stata una festa incredibile!
    Per il resto in quanto a autoconsolarmi anch'io sono bravissima, è un arte in continua crescita. baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ma allora mi rigiri il coltello nella proverbiale piaga! ;-)

      Elimina
  10. Mi hai messo una nostalgia, con quel profumo di gelsomino...

    RispondiElimina