lunedì 21 maggio 2012

Not enough room to swing a cat

Su World Wide Words ho trovato la spiegazione di un'espressione inglese, "No room to swing a cat", alla quale sono particolarmente affezionata perché compare in uno dei miei dieci film preferiti, Daunbailò (Down by Law in inglese).

Source
In genere si ritiene che questa espressione si riferisca al terribile gatto a nove code, con il quale venivano puniti soprattutto i marinai sulle navi. Secondo il Penguin Dictionary of English Idioms del 2001: "The original phrase was probably ‘not room to swing a cat-o’nine-tails’, and dates from the time when sailors were flogged on board ship. The floggings took place on the deck because the cabins were too small to swing a cat in".

Michael Quinion, l'autore di World Wide Words, sostiene che si tratti di un'etimologia errata (o paretimologia), in quanto le punizioni dei marinai venivano effettuate sul ponte, e non certo nelle cabine, e perché non si trovano in letteratura esempi di gatti roteati in contesti punitivi (!). E da qui passa a domandarsi perché mai qualcuno dovrebbe decidere di roteare un gatto. Forse un crudele gioco di bambini?
Chissà. Forse non lo sapremo mai. Consoliamoci allora con Benigni che cita la frase in questione ai perplessi compagni di cella, dopo aver esibito la sua padronanza dell'inglese con altre due perle: "And why don't you take a flying fuck" e "If looks can kill I am dead now".

20 commenti:

  1. Non l'avevo mai sentita questa frase, però, a me, la spiegazione delle navi convince. Il film, devo ammettere, di averlo affittato e iniziato a guardare, ma poi mi sono addormentata e non l'ho mai finito, infatti mi sono persa queste perle di Benigni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addormentata! Sacrilegio!! Be', in effetti la prima parte è un po' lenta (se non sei innamorata di Tow Waits come me, e magari sei pure indifferente alla notevole carica erotica di John Lurie), fino all'arrivo di Benigni che trasforma completamente il film. Devi esserti adddormentata prima del suo arrivo, perché la scena qui sopra è proprio quella in cui lui compare nel film (c'è un momento anche prima, ma breve).

      Elimina
    2. Secondo me non è stata colpa del film, ma della situazione: ero andata a SLC per thanksgiving e lo sbalzo climatico Cali-Utah m'ha ammazzata, e sono crollata sul divano di fianco a sto camino ipertecnologico strafigo. Un giorno, quando avrò di nuovo una tv e un lettore dvd, riproverò
      P.S. Tom Waits lo lovvo anche io

      Elimina
  2. Mumble mumble... pensa che subito ho pensato a Dario Argento :D
    Ho cercato in rete e in effetti ovunque c'è questa spiegazione. Preferisco non pensare al roteamento di un gatto in pelliccia e ossa :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. He he! Io invece preferisco pensare a un gatto da fumetto (solo nei fumetti succederebbe una cosa del genere: te lo immagini un gatto che si lascia roteare senza reagire?) piuttosto che a un vero gatto a nove code! E a proposito di Dario Argento, non l'ho postata perché detesto i film horror, ma la locandina del film in versione inglese è un capolavoro del trash!

      Elimina
  3. "...e perché non si trovano in letteratura esempi di gatti roteati in contesti punitivi" Ahaha! Ottima argomentazione!
    Su Jarmusch mi sono già espressa altre volte, ma perché non fa più film?!?
    Adoro come fotografa gli States lui.
    La carica erotica di Lurie io non la vedo tanto, il fijo mi pareva un po' gracilino per i miei gusti, però sull'icona non discuto. E manco su Tom.

    Una fautrice del movimento "Jim-Tom-Jonh back in action".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tu lo avessi visto in concerto all'epoca con i Lounge Lizards non parleresti così. Ricordo scene di fanatismo inimmaginabili, ragazzine perbene che si facevano firmare l'avambraccio con scene isteriche e giuravano che non si sarebbero mai più lavate, altre che passavano le ore a fissare nel vuoto e a ripetere ipnotizzate "John... John...". Io nel frattempo mi limitavo a proiettare scene irripetibili sullo schermo della mia immaginazione.

      Elimina
    2. Ahah, no, ma sui miti personali di cinema e musica non ho nulla da dire -se sono miti di persone con gusti di cui mi fido! Sì, lo so, sono democratica!
      Gusti fini comunque: io, anche se non ero una ragazzina perbene, non mi sarei lavata se mi avesse toccata Piero Pelu'! :D

      Elimina
    3. Be', anche Piero Pelù a carica erotica non stava messo male ;-)

      Elimina
  4. Pensa che anch'io ho pensato a Dario Argento e che, a mio avviso, con "Il gatto a nove code" e "Profondo Rosso" ha dato il meglio di sé. Poi ha iniziato a degenerare con le cose nauseanti e inguadabili.
    Diciamo che più che horror , quei due film lì, erano dei gialli, interessanti.
    Anzi, specialmente "Il gatto a nove code" l'ho trovato pregevole. Te lo consiglio.
    Miao
    PS A domani. Visto che tempo?! :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, io non li posso proprio guardare, mi basta sentire la musica di Profondo rosso e non dormo per un mese!
      A domani, e meno male che non avevamo in programma una passeggiata nel parco!

      Elimina
  5. World Wide Word e' utilissimo, e io adoto il british english! Questa cosa non la sapevo, grazie di avermi erudita! :)

    RispondiElimina
  6. Post straordinario, inaspettato. Sepolta sotto brutte notizie, ho sfoggiato il primo sorriso della settimana. Grazie!

    RispondiElimina
  7. Trovata l'espressione per la prima volta giusto sabato, tra il libri di preparazione al CPE inondati dalle mie lacrime di inadeguatezza...adesso di sicuro non la dimentico più!

    RispondiElimina
  8. A proposito di traduzioni, ho trovato quest'espressione in un racconto di J. Gardner.
    C'è questo dottore personale di Giulio Cesare che per anni si è occupato di certe sue patologie senza mai venirne a capo, e che alla fine dice: "All to no avail, but pride's for people with good digestion".
    Ecco, io su quel mi ci sto scervellando. E non perché non ne abbia capito il senso, ma perché non riesco a trovarne la migliore traduzione in italiano.
    Accetto suggerimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Solo chi ben digerisce può permettersi l'orgoglio"?

      Elimina
  9. questa clip l'ho guardata col mio fidanzato, che mi ha chiesto se Benigni ha dei trascorsi da mimo. Io non amo molto le frasi fatte in italiano ma forse in inglese posso introdurle! cose tipo piove cani e gatti ad esempio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non l'avete visto, però, vi consiglio vivamente di guardarvelo tutto, Daunbailò. Certo, io sono di parte, lo so a memoria!

      Elimina
  10. Voto "gatti roteati in contesti punitivi" frase dell'anno e chiedo il permesso all'autrice di una citazione sul mio blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-DD Certo! Anche se la mia è solo una traduzione/reinterpretazione di una frase dell'articolo di Quinion: "Secondly, I can’t find a case in the English literature databases that I’ve searched that mentions swinging cats in the context of flogging, or even ships."

      Elimina