mercoledì 29 aprile 2015

I CIGNI NON MANGIANO PANE



Quest'anno ne sono nati cinque, come l'anno scorso. Ma l'anno scorso ne è sopravvissuto uno solo. Puntuali come la morte, nel fine settimana arrivano orde di turisti armati di sacchi di pane e avvelenano i cignetti. La volontaria che questa mattina attaccava i cartelli (che fra l'altro sono fuorvianti: i vegetariani mangiano anche il pane, no?) era molto preoccupata: l'anno scorso, dopo una domenica di bel tempo, ne ha raccolti due morti in un colpo solo. Che dire, speriamo che piova.





Carini, eh? Vi terrò aggiornati su quanti sopravvivranno all'assalto dei turisti armati di michette

33 commenti:

  1. piccini speriamo che la capiscano con i cartelli, anche se leggere i cartelli pare usanza barbara ormai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, sì, se poi il comune mettesse dei cartelli veri invece di queste fotocopie appiccicate lì, e magari mandasse anche dei vigili a fare multe...

      Elimina
  2. Eh, beh, devo ammettere che... non lo sapevo proprio.
    Quindi è possibile che io mi sia resa inconsapevolmente complice di una o più intossicazioni da cibo nei confronti di uno o più cigni.

    Cospàrgomi il capo di cenere.

    RispondiElimina
  3. I cigni e non solo i cigni, un sacco di uccelli muoiono per il pane dato loro per strada ... non è cibo per loro!!!!

    RispondiElimina
  4. Io lo so, il pane e altri prodotti lievitati causano dei blocchi e non vengono digeriti bene da cigni, papere, ma anche piccoli uccellini. Meglio i semi. Detto questo, non so come facciano a sopravvivere qui, dato che c'è gente che ogni giorno porta sacchi di pane secco per cigni e affini e la mamma cigno di St James Park porta i piccoli vicino alla riva ogni volta che vede dei turisti affinchè gli lancino qualcosa. :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, per gli uccellini vanno bene anche le briciole dolci. Io qui gli do biscotti, e in stagione anche il panettone.
      I cigni inglesi devono avere lo stomaco foderato di acciaio!

      Elimina
  5. Sì, speriamo che piova ma non basterà. Far correre la voce forse.
    Cartelli più incisivi e magari mooolto più grandi?
    Ciao Silvia, a volte ritorno a far blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, i cartelli non funzionano proprio. Bentornata! :-)

      Elimina
  6. ma perchè non viene ai piccioni l'accidente da pane??!!

    RispondiElimina
  7. Fai benissimo a dirlo, perché alla gente sembra proprio non entrare in testa...
    Ciao carissima!!

    RispondiElimina
  8. Non è che i turisti armati di pane fanno come il ragazzino "About a boy"?
    Scherzi a parte il cartello è super-fuorviante, facevano prima a scrivere solamente che il pane fa male (cosa che per altro non sapevo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così!
      Ma come faceva il ragazzino di "About a boy"?

      Elimina
    2. Non riuscendo a spezzare il pane, tirava una forma intera (tipo pane casareccio) alle papere del laghetto e ne faceva fuori una. È da morir dal ridere, ma povera papera!

      Elimina
  9. Sai che non lo sapevo? Per fortuna non do mai da mangiare agli animali, se non sono sicura.

    RispondiElimina
  10. cavoli non lo sapevo :((( per fortuna non l'ho mai fatto, ma starò attento in futuro :)

    RispondiElimina
  11. Ma speriamo davvero che piova!
    Ci vorrebbe un cartello che vieti proprio di dargli da mangiare il pane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, questo cartello è ridicolo. Comunque ieri i cignetti sono stati graziati da una bella giornata di pioggia. Oggi invece c'è il sole, speriamo bene.

      Elimina
  12. Non lo sapevo nemmeno io, ma possibile che bisogna aspettare che schiattino tutti per informare per bene i turisti?
    Andrebbero anche multati, ma aspetta e spera. A Torino è vietato dar da mangiare ai piccioni (in alcune zone come parchi e aree giochi per bambini ) ma se poi non si vigila. ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che oltretutto sarebbe anche un buon modo per fare cassa, visto che i comuni hanno sempre le tasche vuote.

      Elimina
  13. Neanch'io sapevo che le molliche fossero nocive ai cigni. Spero che i turisti imparino e si comportino di conseguenza. E che il sole splenda su visitatori attenti e consapevoli e cignetti vivi.

    RispondiElimina
  14. Forse dovevano scrivere " i cigni sono celiaci" :) (E consigliare i turisti di andare a sfamare un barbone anzichè un cigno!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, "I cigni sono celiaci" sarebbe stato il cartello perfetto! :-D

      Elimina
  15. Proprio due giorni fa ho visto un cigno (suicida) che ha fatto il nido sulla spiaggetta di Arolo. E una famigliola felice con cosa lo stava ingozzando? Ma con del pane, ovvio! Tra l'altro con una pagnotta che manco in Puglia ne fanno di così enormi! Qui scatta il cartello fai da te: accanto a quello "Ehilà, sono la spazzatura non è che mi butti nel bidone?", ce ne sarà uno con la dieta dei cigni. Anche perché sta covando due uova, il suicida.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, proprio non si capisce perché debbano essere così socievoli e andare sempre a fare il nido in zone frequentatissime da umani, dove oltre al rischio pane c'è anche il rischio cani (il rischio pantegane invece c'è dappertutto). Tantopiù che poi gli umani gli stanno giustamente antipatici (prova ad avvicinarti e vedi come ti soffiano). Dobbiamo concludere che se la cercano?

      Elimina
  16. Che carini! Anche nel mio lago ne abbiamo visti così, credo che Elle abbia fatto pure delle foto. Non ho visto cartelli così però.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per adesso pare che funzionino: fino a ieri i cignetti erano ancora cinque!

      Elimina
  17. Non ho mai dato da mangiare ai cigni, ma è possibile che non abbiano un istinto che faccia loro capire cosa possono mangiare? Purtroppo a condividere gli spazi con l'uomo è facile che trovino cibi non adatti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, ma non sempre è così. Quando ero piccola avevo un cane che morì perché aveva mangiato una spugna...

      Elimina