mercoledì 3 aprile 2013

Le città di Jane Jacobs



(Le scene che illustrano questo libro sono tutto intorno a noi. Per le illustrazioni, si prega di guardare attentamente le città reali. E mentre guardate, già che ci siete potreste anche ascoltare, e soffermarvi a riflettere su quello che vedete.)


Foto da qui

21 commenti:

  1. Molto misteriosa, questa introduzione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un libro molto interessante, un classico dell'urbanistica. L'ho ripreso in mano perché mi sto interessando a Detroit (anche se il commesso di City Lights non mi ha voluto vendere quei libri).

      Elimina
    2. Scusa l'ignoranza,come mai Detroit?

      Elimina
    3. E' una città molto interessante, dove si può comprare un casa con $100 (però poi devi volerci abitare) e che sta diventando un po' "la Berlino d'America" (anche se per adesso non è ancora desiderabile).

      Elimina
    4. Meglio tenerla d'occhio però ;)

      Elimina
    5. Sì, è affascinante anche per me, il punto è che nessuno ci vuole abitare.
      Ho conosciuto un detroitiano che si è trasferito qua e che ne parla malissimo.
      Ma credo che tra un po' di anni potrebbe tornare su...speriamo non la comprino tutta i cinesi!

      Elimina
    6. Io gliel'ho detto a Mr. K che una casa a 100$ (anche a $1000) me la potrei anche permettere, ma lui dice che poi ti tocca abitarci tutto l'anno, altrimenti te la squattano oppure ti scoppiano le tubature col freddo che fa in inverno... sono sbalordita da questo scarso senso dell'avventura.

      Elimina
    7. Puoi pensarci per una gita fuori porta: "Sì, sono andata in vacanza ma non amo gli alberghi, perciò mi sono direttamente comprata una casa". Il tuo momento di fantastiliardarietà :D

      Elimina
    8. E poi potrei scrivere un memoir: "Una fantastiliardaria a Detroit".

      Elimina
    9. Che diventerà un best seller, ma di cui potrai vietare la vendita da City Lights per bizze artistiche.

      Elimina
  2. e annusate, anche se l'odore di polvere ed asfalto mischiato a quello di grassi fritti da panini industriali ha fatto gli stessi danni della globalizzazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti lascio immaginare gli odori di Chinatown!

      Elimina
  3. Mi piace questa introduzione, la vedo come un "open your eyes, you don't need to be looking at my city alone, it's happening everywhere. Love it or change it."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è molto bella. Le città sono piene di cose affascinanti da scoprire.

      Elimina
  4. Ci stavo pensando l'altro giorno: Alcune illustrazioni le gusti meglio se hai visto da cosa sono ispirate ;-)

    RispondiElimina
  5. suggestiva l'introduzione al libro! Potrei cominciare a guardare con nuovi occhi, annusare e ascoltare le strade di Bologna... e vediamo che cosa scoprirò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', in una città come Bologna c'è sempre tanto da scoprire!

      Elimina
  6. A me interessano molto le dinamiche delle città e certe volte sono attratta anche dalle questioni relative ai grandi sobborghi, a come nascono, si sviluppano, alla vita che scorre su binari poco consueti.
    Io in pratica amo la tranquillità e anche la natura ma credo che non potrei mai vivere in un bosco lontana da tutto, almeno per ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi conosci il classico di Jane Jacobs, immagino.
      Io nel bosco ci andrei, mi connetterei a internet con il satellite e vivrei felice e contenta (forse).

      Elimina
  7. Potremmo aprire una succursale del B&B a Detroit...

    RispondiElimina