martedì 13 agosto 2013

Insolito americano/1: il MOBA

Ne avevo già parlato QUI, ma per inaugurare questa nuova serie dedicata ai luoghi più bizzarri degli Stati Uniti ho deciso di riproporre il mitico MOBA, ovvero il Museum of Bad Art di Somerville, vicino a Boston.

Il pezzo forte della collezione, quello che il fondatore Scott Wilson trovò nella spazzatura nel 1993 e che gli diede l'idea di aprire il museo è l'indimenticabile Lucy in the Field with Flowers (di artista anonimo).

Artista Ignoto
24" x 30", Olio su tela
"Il movimento, la sedia, l'oscillazione dei seni, le sottili sfumature del cielo, l'espressione del viso: ogni dettaglio contribuisce a creare questo ritratto eccelso e irresistibile, ogni dettaglio grida 'capolavoro'".

Fra i numerosi capolavori del museo vorrei ricordare anche

Sunday on the Pot with George (Artista Ignoto)
37" x 22", Acrilico su tela

No Visible Means of Support, by Elizabeth Angelozzi
17" x 19", Acrilico su lino



21 commenti:

  1. Lucy in the fields with flowers è un capolavoro, a partire dal titolo!
    Per non parlare di Lucy.
    Ahahah che delirio.
    Ma soprattutto, che diamine ci fa una sedia nel campo?

    RispondiElimina
  2. Ah, grazie per aver indicato la sedia di Lucy, mi sarebbe sfuggito il particolare :D

    Sunday on the Pot lo trovo invece notevole, in altro modo però.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io questo dipinto l'ho visto molte volte (sono una fan di vecchia data del MOBA), ma la sedia non l'avevo mai notata neppure io. Solo ieri, traducendo la didascalia, ho capito che per anni mi era sfuggito un particolare fondamentale del quadro.

      Elimina
  3. Non avevo neppure visto la sedia dietro Lucy: pensavo stesse ballando e sono rimasta rapita dal suo leggiadro movimento.
    Però il cane dell'altro post sarà sempre il mio preferito: avresti dovuto proporglielo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, un'occasione mancata. Potevo diventare una benefattrice del MOBA, magari mi dedicavano anche una sala.

      Elimina
  4. secondo me il cagnetto del mercatino che avevi visitato ci starebbe a meraviglia

    RispondiElimina
  5. Ho trovato un posto dove poter esporre le mie opere, certa di non sfigurare!!!

    RispondiElimina
  6. Ho seguito il tuo link e sono finita subito qua
    http://www.museumofbadart.org/coll3/image06.php
    La cosa divertente e' che dopo mezz'ora circa avevo appuntamento con il parrucchiere. Risultato? Per oggi niente taglio ma solo colore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Mining the swirling currents between violence and personal hygiene, this piece captures the fear, the horror, and the hope intrinsic in that most mundane of human activities."
      Profondissimo.

      Elimina
  7. Yay, ho un futuro nel mondo dell'arte!

    RispondiElimina
  8. Finalmente sapremo dove piazzare certi avanzi di magazzino che non possiamo esporre in nessun "buon" museo!

    RispondiElimina
  9. Voto assolutamente Sunday on the pot with George. Quel puntinato da' un valore aggiunto all'opera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è un pezzo di grande pregio. Nella didascalia si legge: "This pointillist piece is curious for meticulous attention to fine detail, such as the stitching around the edge of the towel, in contrast to the almost careless disregard for the subject's feet."

      Elimina
    2. :DDD
      scusa, ma sono seri?

      Elimina
  10. Certo si capisce perché l'autore di "ucy in the fields with flowers" sia rimasto anonimo! :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'autrice del mazzo di fiori no. Speriamo che ne abbia dipinti altri.

      Elimina
  11. Ieri ho letto questa e ti ho pensata http://video.repubblica.it/mondo/torna-la-restauratrice-dell-ecce-homo-inaugurata-la-prima-personale/137517/136062?ref=HRESS-15

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, fa piacere vedere il talento riconosciuto. Sono sicura che il MOBA acquisirà qualche suo pezzo importante.

      Elimina