mercoledì 14 agosto 2013

Quanti tipi di pasta conoscete?



È un poster delizioso che potete ingrandire QUI
Scoprirete le gasse, la lorighitta, i grattoni, gli sbrofadej, la struncatura, i donderet, i riucciutelli, i quadrefiore, le trottole, i paternoster, le pestazzule, gli schiaffettoni, i sorcetti, i pezzetelli, le fainelle, le avemarie, i mandala...


29 commenti:

  1. c'è un poster così salentino anche per i tipi di fichi, abbiamo un patrimonio in cucina oltre che nei musei sapessimo sfruttare meglio gli uni e gli altri camperemmo una vita: altro che grandi opere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente, quanto a marketing 'sti italiani fanno cadere le braccia. Però restano sempre i più simpatici :-)

      Elimina
  2. e certo che i cecamariti! :D

    RispondiElimina
  3. Fantastico! In futuro proverò la fatidica domanda: "Che pasta preferisci... denti di cavallo, creste di galli o radiatori??? E se qualcuno mettesse in dubbio le mie abilità manuali nel fare la pasta fresca - ma quando mai la faccio? - potrò sempre dire: "Ma come, sono i cecatelli, non li conosci?" (be' il nome non aiuta l'autostima...) Certo che in quanto a fantasia non ci batte nessuno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! I radiatori li fa anche la Barilla. Me ne aveva parlato una volta un'amica e io "ma vaaaa! i radiatori?! che roba è?" E poi li ho visti al supermercato. Deliziosi.

      Elimina
  4. Bellissimo! ma... mancano i raviol del plin!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo, io credevo che il Plin fosse un signore.

      Elimina
    2. Un signore tipo... Carlin Petrin' detto il Plin? XD
      Il "Plin" dovrebbe essere il "pizzicotto" che si fa per chiuderli a mano... Se ricordo bene...

      Elimina
    3. Proprio lui, Carlin Petrin detto il Plin! :-D

      Elimina
  5. noo..le avemarie noo...gli schiaffettoni...le fainelle..oddio..devo reperire queste paste!!! Così poi magari faccio "avemarie piccanti al forno"..:-)Simpatico..devo leggerle tutte :-)Pensi che in giro si trovino facilmente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non tutte, però i radiatori sono sicura di sì!

      Elimina
  6. A certa gente servirei degli schiaffettoni o i sorretti....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, tu, cuoca sopraffina, potresti introdurre qualche schiaffettone per i clienti molesti.

      Elimina
  7. C'è tutto da imparare! Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ce ne sono tantissimi che non conosco.

      Elimina
  8. Che bellezza! Sai che bello ordinare al ristornare un bel piatto di schiaffettoni al sugo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai attento che non ti prendano a calcioni!

      Elimina
  9. Un bellissimo poster! Ma sai che sono rispettate anche le proporzioni? Naturalmente sono andata subito a vedere i tortellini, i ravioli e i cappelletti (tutta roba delle mie parti) ed è proprio così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo, sì. Se avessi un ristorante lo appenderei subito!

      Elimina
  10. La mia sezione preferita è la "extra-terrestrial" :D
    Adoro la sottile differenza tra trenette, linguine, tagliatelle ecc oppure tra spaghetti, spaghettini ed affini che nessuno oltre noi potrà mai capire. E poi il fatto che lo stesso formato possa avere più nomi (le mafaldine io le conosco come reginette), senza scordare i formati ridotti (mafalda corta, ad esempio).
    La bellezza comunque sta nel nome delle paste (ultra)locali; ad esempio a me tra queste sono familiarissime le chiancaredde (made in TA), e poi io sono molto affezionata alla famiglia di strascinati tipici della Lucania (mi sembra che manchino all'appello) che si distinguono per il numero di dita con cui vengono confezionati -da tre a otto, fino dunque a raggiungere il sottonome di "ottoiad-t", ottodita- .
    Che spasso 'sto poster, insomma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come, mancano anche gli strascinati? Ma allora altro che 250, secondo me a contarle tutte si sfiorerebbe il migliaio!

      Elimina
  11. Mamma, tra quelli e i commenti, ma quanti ne abbiamo??

    RispondiElimina
  12. Bello! Incredibile la varietà di nomi e forme, sconosciuti in alcune parti d'Italia e invece comunissimi altrove: pensa che proprio recentemente parlando con un ligure mi sono resa conto che non aveva idea di cosa fossero i garganelli che io invece credevo ormai diffusi ovunque. A questo punto sarei curiosa di sapere cosa sono i passatelli al di fuori della Romagna, perché nel poster appaiono tra i "curled or spiraled tubes" e sembrano una specie di bucatini, e anche dal colore non sembrano quelli romagnoli.
    I mostaccioli invece credo che esistano solo sul mercato americano e in Italia invece si chiamino sempre penne.
    Sarebbe anche interessante fare un elenco dei tipi di pasta che vengono chiamati "maccheroni" perché sono sicura che si avrebbero risposte diverse a seconda della provenienza geografica, dalle penne ai tortiglioni alla pasta lunga fatta sul ferretto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui ogni tanto si trovano paste strane, tipo la fregola sarda, che non conoscevo e che - oltre ad avere mangiato per la prima volta qui nel mio ristorante preferito di SF, un locale sardo favoloso - si vende nel supermercato vicino a casa.

      Elimina
  13. Ci sono tantissime paste regionali che non conosco...

    RispondiElimina
  14. Ecco alle varianti regionali, aggiungo la "laina riccia" (anche "laena riccia") che faceva la mia nonna salentina.
    W la pasta, qui in Romagna poi...

    RispondiElimina
  15. Silvia, mi sa che ho commentato con l'account di mio marito. Quella della laina riccia in realtà sono io :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altro che poster, ci vorrebbe un'enciclopedia in 12 volumi!

      Elimina
  16. Bellissimo, non ne conosco manco un tredicesimo!

    RispondiElimina