lunedì 10 agosto 2015

Verso nord: oceano e panini

(Continua da QUI)

Da Petaluma torniamo lungo la costa e ci rimettiamo sulla Highway 1, splendida e tortuosa lungo l'oceano.

Mi butto? Non mi butto?

Ci fermiamo a mangiare un panino nell'emporio di Stewarts Point (abitanti: 27), che come dice la scritta in alto è stato costruito nel 1868 e apparentemente mai più modificato





Qui ci facciamo preparare tre panini dalle commesse più lente del mondo, che impiegano tipo mezz'ora per panino tranne quando arriva una vecchiarda a bordo di una macchina sportiva di lusso e ci passa bellamente davanti. Le due commesse, che chiaramente conoscono la vecchiarda, le preparano ossequiose un panino in dieci secondi e poi tornano a lavorare ai nostri con grande flemma. Vecchiarde e commesse a parte, ci tengo a mostrarvi il mio panino perché qualche mese fa sono stata infamata per via di un sobrio panino con cetriolini e formaggio. Ora mi auguro che non abbiate più niente da ridire:


Naturalmente non posso andarmene prima di aver fotografato un uccelletto locale


Proseguiamo lungo la costa


Dopo una sosta veloce per un caffè a Point Arena (abitanti: 449), ci rimettiamo subito in macchina, perché gli abitanti non hanno l'aria molto accogliente (questi paeselli sono abitati in maggioranza da gente che è andata a stare nel paesello proprio perché non vuole altra gente tra i piedi).




Ormai la meta è vicina!


3/Continua.

31 commenti:

  1. Signor panino! Commesse a parte , bello fare la spesa da un "casolin" così sembra di entrare ai due catini d'oro; ma l'uccelleto è cugino dei nostri merli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è un Brewer's Blackbird, un merlo di Brewer.

      Elimina
  2. Chge belo ! Sai che, vecchiarde a parte, mi ricorda la California di Steinbeck!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa *è* la California di Steinbeck! Salinas d'altronde, è solo un po' più a sud...

      Elimina
  3. grazie per averci fatto conoscere questi angoli nascosti della california! il panino sembra una bomba!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, era squisito! E la gita non è ancora finita...

      Elimina
  4. Mi piace il tuo modo di raccontare, ironico e coinvolgente.
    Grazie
    d

    RispondiElimina
  5. Il numero degli abitanti pero' mi sconvolge :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, vero? Praticamente a Stewarts Point ci sono solo tre famiglie: quelle delle due commesse e quella della vecchiarda.

      Elimina
  6. Meno male che mi fai riempire gli occhi con le tue foto meravigliose! Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maruzza, sì, questi posti sono di una bellezza mozzafiato!

      Elimina
  7. Che c'era esattamente nel panino? Io sti giorni vado avanti a panini all'hummus, da quelle parti è così di moda?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è stato molto di moda, ora lo trovi comunque dappertutto ma non è più nel suo massimo momento di gloria. Lo trovi in vari gusti, fatto con ingredienti che naturalmente non c'entrano un tubo con la ricetta originale, ma sai che qui è così.
      E sì, nel panino c'era proprio l'hummus, e poi olive pomodori cetriolini germogli insalata e naturalmente un sacco di cipolla cruda, che qui te la schiaffano dappertutto perché tu possa avere costantemente una terribile fiatella.

      Elimina
  8. Be' dài... per calibrare gli strati di un panino così super-imbottito mezz'ora di tempo mi sembra proprio il minimo ;)
    I luoghi sono spettacolari e l'emporio ha un sapore d'altri tempi con quelle bottigliette perfettamente allineate e si intravvede anche un pacco di farfalle barilla.
    Mi togli una curiosità? Il bagno si può fare? L'acqua dà l'idea di essere freddina...
    Qui l'acqua è sempre calda perché continua la caldazza, ma ieri c'è stata tregua con un bel temporale estivo... durato poco però.
    Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'acqua è gelida, e in più ci sono correnti e squali. Il bagno non lo fa quasi nessuno tranne i surfer che però indossano la muta. Però a SF c'è un gruppo di pazzerelloni che si riuniscono nel Dolphin Club e ogni giorno si fanno una nuotatina fino ad Alcatraz. E pochi giorni fa una neozelandese ha nuotato di notte dalle Farallon Islands al Golden Gate Bridge, 50 km in 17 ore in acque a 15° infestate dagli squali bianchi. E non portava neanche la muta.

      Elimina
    2. Come temevo! :)
      Sarebbe l'ideale per mio fratello che è un surfer convinto.
      Qui in Liguria il caldo è diminuito, complice un bel venticello fresco (maestrale).
      Oggi su un molo si stava divinamente, con le nuvole che andavano e venivano e poca gente intorno. L'acqua è ancora tiepida. Il problema, se c'è il vento, è quando esci dall'acqua, ma il segreto sta nello sdraiarsi su uno scoglio riparato e caldo. E' persino meglio della fisioterapia!
      Barbara
      PS non so perché, ma non riesco più a firmarmi con l'altro account e allora uso quello della 2B :)

      Elimina
    3. Ah, blogger è sempre peggio!
      Qui invece è arrivata un'orrenda ondata di caldo, fa un effetto stranissimo, è come se nevicasse in agosto :-/

      Elimina
    4. Quest'anno (e c'è da sperare che sia solo quest'anno) il tempo è impazzito un po' ovunque da quel poco che ho visto e sentito. Speriamo bene!

      Elimina
    5. Blogger risente del caldo: ora mi ha preso il commento con il precedente account. Mah...

      Elimina
    6. Purtroppo temo che non sia solo quest'anno...

      Elimina
    7. E' quello che temo anche io... vedere i girasoli (innaffiati ogni santo giorno) seccare irrimediabilmente a causa del caldo torrido, a parte l'edera e gli arbusti, mi ha dato da pensare!

      Elimina
  9. Ma ora io voglio la storia del panino infamante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ma cacchio, non avevo messo il link! Era una finta! Adesso l'ho aggiunto: se guardi il post che ho linkato, vedrai che ho fotografato il paninazzo laido di Mr K e il mio sobrio a confronto. Credevo di fare un figurone, e invece nei commenti hanno lodato tutti il panino laido e infamato quello sobrio. Naturalmente so benissimo che anche tu avresti preferito il laido.

      Elimina
  10. Ci avranno messo molto a farvi il panino, ma sembra un capolavoro. Sembra dirti: mangiami! :)))

    RispondiElimina
  11. E' quasi ora di pranzo e il tuo panino succulento mi ha fatto venire l'acquolina in bocca :-) Racconto molto carino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era anche sano! Niente orride salsine, solo hummus.

      Elimina
  12. meraviglioso viaggio... le foto mi hanno fatto evadere dalla canicola italica... il panino comunque è da oscar!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che il viaggio è durato solo tre giorni, ma raccontandolo così a puntate sembra lunghissimo!
      Ma fa ancora caldo in Italia?

      Elimina