martedì 31 gennaio 2017

Distopia/10


- La notizia più sconvolgente è arrivata a fine giornata (ne ho parlato anche ieri): Trump ha licenziato il Procuratore Generale (cioè il ministro della Giustizia) ad interim Sally Yates e l'ha sostituita con Dana Boente, affermando che Yates "ha tradito il Dipartimento di Giustizia". Boente ha subito ordinato agli avvocati del Dipartimento di Giustizia di "difendere gli ordini del nostro presidente".
Yates non è l'unico licenziamento di lunedì: l'altro è Daniel Ragsdale, direttore ad interim dell'ICE, sostituito da Thomas Homan.
Molti parlano di "massacro del lunedì sera", paragonandolo al "massacro del sabato sera" di Nixon.


"Stiamo vivendo la sfida più pericolosa al libero governo degli Stati Uniti che chiunque di noi abbia mai incontrato. Quel che succederà dipende da me e da te. Non avere paura. Questo momento di pericolo potrebbe rivelarsi la tua ora migliore come cittadino e come americano." La storia di copertina di The Atlantic si intitola "Come si costruisce un'autocrazia". 

- Francine Prose lancia l'idea di uno sciopero generale. L'idea viene subito raccolta e si propone il 17 febbraio, il venerdì prima del Presidents Day. 
- In questo momento si sta votando per confermare il nuovo ministro della Giustizia, Jeff Sessions. La base sta facendo pressione perché i senatori democratici della commissione si oppongano. La senatrice della California Dianne Feinstein, il capo dei democratici della commissione, ha votato no. Al momento l'ostruzionismo dei democratici ha fatto slittare la conferma a domani.
Confermata al ministero dell'Istruzione la pessima e pericolosa Betsy DeVos (di cui ho parlato QUI). Tutti i repubblicani hanno votato sì, tutti i democratici no (12-11). Se i repubblicani continuano a seguire le direttive del partito, come senz'altro faranno, non c'è speranza di bloccare neppure una nomina.
Le commissioni hanno invece promosso senza troppa opposizione la candidatura di Rick Perry a ministro dell'Energia e Ryan Zinke a ministro dell'Interno.
Le nomine al tesoro (Mnuchin) e alla sanità (Price) sono state rimandate per l'ostruzionismo dei democratici, che chiedono più informazioni sui candidati prima di votarli. Il capo della Commissione Finanze, Orrin Hatch, ha detto che i democratici devono "smetterla di fare gli idioti".
Elaine Chao, moglie del leader di maggioranza al Senato Mitch McConnell, è stata confermata dal Senato come ministro dei Trasporti. Il suo compito sarà realizzare la promessa di Trump di spendere mille miliardi di dollari per migliorare le infrastrutture del paese. È passata con 93 voti contro 6. I sei contrari sono i senatori democratici Sanders, Gillibrand (l'unica che finora ha votato no a quasi tutte le nomine), Merkley, Schumer, Warren, Booker. Sul New York Times trovate un grafico su chi ha votato sì e no per i primi cinque nominati. Un solo repubblicano ha votato no una volta, Rand Paul, per la nomina di Mike Pompeo a capo della CIA.
Linda McMahon, ex amministratrice delegata della World Wrestling Entertainment, ha superato il voto della commissione e verrà senz'altro confermata anche al Senato come capo della Small Business Administration, che eroga contributi ai piccoli imprenditori.

- In diversi stati i repubblicani propongono leggi per limitare il diritto di dimostrare pacificamente. Secondo una proposta di legge del North Dakota, per esempio, gli automobilisti possono investire i manifestanti che bloccano una strada, a patto che lo facciano "accidentalmente".

- Perché nessuno nel partito Repubblicano si oppone a Trump? Perché i loro elettori lo amano.
Fonte: The New York Times

- Circa 1000 funzionari del ministero degli Esteri, diplomatici di stanza in tutto il mondo, hanno firmato una nota di dissenso interna contro il Muslim Ban. Questo è il testo del documento.
Invece, secondo un sondaggio Reuters/Ipsos, la maggioranza degli americani approva il bando: 49% è favorevole, 41% contrario, 10% non si esprime.

- Trump annuncerà tra poche ore il suo prescelto per diventare giudice della Corte Suprema (ne ho parlato anche ieri). Ha convocato  a Washington entrambi i candidati, Neil Gorsuch e Thomas Hardiman, per annunciare il prescelto in prime time.


17 commenti:

  1. Mi auguro che siano tutte prove di forza muscolari, che gli anticorpi della democrazia riescano come sempre a svolgere il loro lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci stanno provando. Vediamo chi la spunterà.

      Elimina
  2. Mmm, ha iniziato a contaminare il sistema con nomine fedeli a lui. Aspetta quando iniziera' a nominare giudici federali... e non parlo della Corte suprema (che decide solo 80 casi l'anno), ma dei giudici di grado inferiore, quelli che decidono il 90% delle controversie federali negli USA. Allora si' che il sistema verra' messo a dura prova. Se poi consideri che questo sono nominati "during good behavior", ie. a vita...
    L'unica possibilita' e' l'impeachment prima possibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in quel caso tu non temi una guerra civile? I sostenitori di Trump sono tanti, rabbiosi e armati.

      Elimina
    2. Considerando come lo scontro si sta radicalizzando sempre di piu' (piu' ancora di quanto lo fosse gia'), non e' possible escludere nulla. Sono seriamente preoccupato.
      Comunque vada, l'America dei prossimi 4 anni sara' molto diversa da quella che abbiamo conosciuto nell'ultimo decennio. Se dovessi fare un paragone, mi ricorda molto quella della meta' degli Anni '60.

      Elimina
    3. Chissà se anche allora la gente era così spaventata?

      Elimina
  3. Non se ne parla ancora qui. Sto seguendo La7, vanno avanti con argomentazioni generali...aspetto il telegiornale. Mi sembra una notizia che dovrebbe avere la priorità. Questo fatto mi fa molta paura...

    RispondiElimina
  4. Sempre su La7 ne stanno dando la notizia ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, considera che io prendo le notizie su twitter, dove arrivano appena escono. Prima che arrivino ai notiziari ci vuole ancora qualche ora.

      Elimina
  5. Io voglio proprio vedere cosa ha in mente... :)

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Si', la notizia del licenziamento di Sally Yates lascia sbalorditi e direi che l'articolo di The Atlantic e' perfettamente in linea con gli ultimi fatti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non è neanche dei più allarmisti. Sto leggendo roba anche più drastica, ahimè.

      Elimina
  7. Mi è venuto quasi il mal di testa dalla disperazione... ma quella di investire i manifestanti ti prego dimmi che nn è vera!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo anch'io che fosse un'esagerazione, ma poi ho visto il documento.

      Elimina
  8. Investire i manifestanti? Non ci posso credere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il documento dice: "il conducente di un veicolo che involontariamente ferisca o uccida un individuo che ostacola il traffico su una strada pubblica non è passibile di reato."

      Elimina