sabato 28 gennaio 2017

Distopia/7


- Proteste negli aeroporti statunitensi - New York, Los Angeles, San Francisco, Atlanta, Washington, Chicago, Boston, Dallas - per ottenere la liberazione dei cittadini dei sette paesi a maggioranza musulmana - in possesso di visto o di green card - bloccati in aeroporto in seguito all'ordine esecutivo di Trump. 
L'American Civil Liberties Union ha fatto causa a Trump. Servono donazioni per sostenere le spese processuali. Io ho donato.
Aggiornamento: un giudice della corte federale di New York, Anne M. Donnellyha sospeso temporaneamente l'ordine esecutivo
Aggiornamento/2: l'ACLU riferisce che la polizia di frontiera continua a trattenere i viaggiatori fermati in aeroporto, nonostante l'ordine del giudice federale. Potrebbe prospettarsi una crisi costituzionale.
La stampa di regime descrive così le proteste.

- Nel frattempo, Trump rimuove i capi dell'esercito e dell'intelligence dal National Security Council e li sostituisce con Steve Bannon, il portavoce dell'alt-right e dei fondamentalisti cristiani che vogliono la guerra con l'Islam.



Molti avvocati dell'immigrazione sono accorsi in aeroporto per assistere gratuitamente i viaggiatori trattenuti. Quando l'International Refugee Assistance Project ha chiesto l'aiuto di avvocati, sono arrivate 3000 chiamate in 4 ore



Guardate com'è carino questo tweet della BART, la metropolitana leggera di San Francisco, che suggerisce ai suoi utenti di farsi un giro fino all'aeroporto dove è in corso la protesta


13 commenti:

  1. In tutto questo nero, la reazione e la velocità' organizzativa delle associazioni e dei cittadini sono spiragli di luce!
    Grazie Silvia per questo diario del delirio!

    Alice distopizzatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, i cittadini sono veramente incazzati, hanno messo il pepe al culo anche a quegli addormentati del partito democratico.

      Elimina
  2. Purtroppo è solo l'inizio. E a questo punto i rimandi storici con quanto avvenuto nel passato, soprattutto europeo, soprattutto tedesco e italiano, diventano calzanti. A mettersi contro tutti, a distruggere equilibri delicati (e già instabili) costruiti a fatica in settant'anni basta un anno. A creare le basi per futuri conflitti anche meno. Tra l'altro Trump ha già fatto capire che a lui va benissimo un Euro (e un'Europa) debole...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dire? Quando tutto andrà a rotoli non potrò neppure permettermi un po' di sana schadenfreude, perché ci andrò di mezzo anch'io.

      Elimina
  3. Criminalizzare la protesta è pratica sempre più diffusa, ma mi pare che, per fortuna, le persone sane di mente siano tante e non si lascino spaventare. Spero siano anche capaci di una lunga e dura resistenza..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, vogliono prenderli per sfinimento. Riusciranno a rimanere in piazza per 4 anni? Ma ci sono anche altre forme di protesta come il boicottaggio, e addirittura adesso si parla di uno sciopero generale...

      Elimina
  4. silvia non ti vedo piu su fb, tutto ok? troppa acidita di stomaco causa social network?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale, no, è che mi sono imbarcata in questa impresa della rassegna stampa quotidiana, e c'è talmente tanta roba da dire, purtroppo, che finisco per passare tantissimo tempo su twitter. Stare anche su fb sarebbe stato davvero troppo!

      Elimina
  5. Questo tizio incendierà il mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo una guerra non sembra una possibilità tanto remota, a questo punto.

      Elimina
  6. Il nazionalismo e il razzismo sono due elementi che rovinano il mondo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  7. Ciao, è la prima volta che passo da te. Io sto seguendo quello che sta succedendo da voi. Devo dire che Trump non ha perso tempo e mi chiedo se le sue siano scelte giuste e quali ne saranno le conseguenze ! Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, benvenuta! Io qui sto facendo una rassegna quotidiana dei fatti più importanti della giornata... finché reggo!

      Elimina