mercoledì 16 aprile 2014

Importanti aggiornamenti sulla chiusura della Libreria Rizzoli di New York


Visto che l'argomento ha suscitato molto interesse, vi segnalo un post illuminante scritto da un ex dipendente della libreria, da cui emergono alcune cose su cui riflettere.
Primo: esiste una petizione per salvare l'edificio dalla demolizione (non la libreria, per quella è troppo tardi). A quanto si legge nel post, la famiglia LeFrak è molto irritata da questa petizione, perciò esorto a firmarla senza indugio.
Secondo: la direzione di Rizzoli Corp. avrebbe proibito ai dipendenti di distribuire volantini a sostegno della petizione, se non volevano rischiare di perdere la loro magra liquidazione. Persino i dirigenti della Rizzoli Corp. sono alleati con i LeFracchi.
Terzo: la libreria non era affatto in perdita. Anzi, negli ultimi tre anni aveva regolarmente aumentato le vendite e i ricavi.

22 commenti:

  1. Allora proprio non capisco: ho letto, ma non mi è chiaro cosa ci ricavano i Rizzoli.
    Però che tristezza la foto dell'ultimo giorno, con i libri tutti accatastati alla buona sui ripiani :-(

    RispondiElimina
  2. naturalmente ho firmato, la Rizzoli avrà ricevuto tanti di quei soldi che ha pensato che fosse meglio chiudere la bocca ai dipendenti

    RispondiElimina
  3. Com'era quella famosa frase?
    "E' la stampa bellezza, e tu non ci puoi fare niente!".
    In questo caso, la frase, riveduta e corretta, dimostra come si cerchi di non essere impotenti contro il lucrare degli immobiliaristi e certe posizioni dei media ufficiali che nascondono la verità oggettive degli eventi.

    RispondiElimina
  4. Basta anche solo l'irritazione della famiglia LeStronz a convincermi a firmare la petizione! Poi, la Rizzoli che minaccia i dipendenti è davvero di una tristezza infinita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D :-D La famiglia LeStronz è un nome bellissimo! Sembra uscito da un fumetto di Alan Ford!

      Elimina
  5. Beh, grazie per l'aggiornamento!
    Sennò poi uno crede alle favole e pensa davvero che "i cattivi" siano solo da una parte...

    RispondiElimina
  6. Più si indaga e più escono nefandezze: la Vornado Realty Trust, sodale dei LaFracchia, è sospettata di aver commissionato la distruzione degli ornamenti di un palazzo storico, sempre sulla 57esima. A quanto pare, è una tattica che hanno pensato bene di utilizzare quando gli edifici sono in odore di essere preservati come luoghi storici, così ovviamente ne diminuiscono il valore. [https://saverizzoli.wordpress.com/2014/03/27/vornado-realty-destroys-historic-57th-street-facade/]
    L'imbecillità umana non ha davvero limiti... Spero che finiscano in un futuro girone dantesco degli speculatori dove verranno costretti a ingoiare costantemente del cemento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ecco, sì, lo avevo intravisto. Il blog Save Rizzoli è pieno di informazioni interessanti su questa vicenda e sui vomitevoli fratelli LaFracchia.

      Elimina
  7. Anche qui èsmpre e solo una questione di soldi!!

    RispondiElimina
  8. il mondo, o meglio la maggior parte delle cose, si rivela ad essere ciò che è.
    Che schifo!!

    RispondiElimina
  9. Certo che ultimamente ho l'impressione che NY, più si vuol mostrare bella e appetibile per turisti e super-ricchi, più si sta trasformando in qualcosa di povero e mostruoso... Firmo anch'io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo mi sembra che stia succedendo a molte città.

      Elimina
  10. Fatto. Letto l'articolo, firmata la petizione, e diffusa la notizia.

    RispondiElimina
  11. :( era la mia supplí. Ci ho la lavorato per quasi due anni, e ci ho lasciato un pezzo di cuore. Mi spiace molto. Da quel che so riapriranno. Dove non è detto. Dubito però che la libreria fosse in attivo, era da sempre un"buco nero" nel budget della rizzoli corp. un po' per l'affitto, un po' per la concorrenza di grandi catene con alti sconti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello però, lavorare per due anni in un posto così meraviglioso :-)

      Elimina
  12. Odio le città che si dedicano a demolire! Grrrrrrr

    RispondiElimina
  13. M
    Viene solo: che schifo....

    RispondiElimina
  14. leggo ora la notizia... davvero triste ogni volta che chiude una libreria. Qui a Genova qualche mese fa hanno chiuso una libreria nei vicoli per fare posto ad un grande magazzino cinese.
    Però proprio qualche mese fa in via San Bernardo, uno di quei vicoli ancora dimenticati, hanno aperto una piccola libreria...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una boccatina d'aria fresca, insomma... :-)

      Elimina