martedì 1 aprile 2014

Il Rapporto IPCC, ovvero: Cassandra ha sempre ragione


[Sì, il pianeta è andato distrutto. Ma per un breve, bellissimo momento abbiamo creato molto valore per gli azionisti]

Lo avete visto, vero, il rapporto dell'IPCC?

23 commenti:

  1. Silvia.... siamo una razza in via di estinzione per fortuna di questo pianeta!
    che brutta gente siamo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, cara Sandrina, belli proprio poco :-(

      Elimina
  2. In una grotta davanti a un fuoco? Ci vorrebbe troppa fortuna :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, ecco una più pessimista di me!

      Elimina
    2. Ah, ecco, sì, solo che io non condivido la parte passivo-malinconica, propendo più per il lato misantropico-incazzato: Dogville mi è piaciuto da pazzi.

      Elimina
    3. Io l'ho interrotto a metà, era come se non ci fosse fine al buco nero e non riuscivo a sopportarlo. Da quel che ho letto poi in merito al finale, se avessi continuato fino alla fine non sarei rimasta delusa :)

      Elimina
    4. A me era successa la stessa cosa con Le onde del destino. Ma Dogville è completamente diverso, almeno nel finale, appunto.

      Elimina
  3. so io dove se lo metteranno il valore gli azionisti poi, ma il problema è che ce lo troveremo tutti mal posizionato il loro "m@@@@so" (scusa il francesismo)

    RispondiElimina
  4. Sinceramente non credo molto agli scenari apocalittici definitivi, certo però è che questo pianeta lo stiamo distruggendo...

    Moz-

    RispondiElimina
  5. ahimè visto e provato! La pioggia gli ultimi anni devasta anime e territorio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E aspettiamoci anche estati sempre più torride, fra l'altro. Io sono sbalordita dalla fioritura delle azalee a fine marzo.

      Elimina
  6. Sempre 'belle' notizie, soprattutto notizie che non dovrebbero sorprenderci... ma noi umani ci sorprendiamo e non facciamo nulla....come sempre!
    Ciao Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio questa assoluta inerzia di fronte a probabili disastri che mi lascia totalmente allibita.

      Elimina
  7. Ma questo vignettista è il mio mito! Io non ce la faccio a non essere pessimista. Chi cura un pezzetto di giardino o chi osserva le poche piante che abbiamo avuto la grazia di non abbattere o estirpare lo sa, se ne accorge che le cose sono peggiorate, che l'ambiente non sta bene...
    Sono d'accordo con Konrad Lorenz che disse: "l'anello mancante tra la scimmia e l'uomo civilizzato esiste: siamo noi."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Citazione perfetta, anche se non sono sicura che collocherei l'uomo attuale al di sopra della scimmia.

      Elimina
  8. Infatti, forse Lorenz è stato fin troppo magnanimo nel suo giudizio. Erano altri decenni e non si era arrivati ancora a questo punto - ma ci sarà mai un limite? Stimo molto di più la generazione dei miei nonni di quelle successive, per quanto riguarda il rispetto della natura. E gli animali sono decisamente migliori di certi uomini.

    RispondiElimina
  9. Mi viene la pelle d'oca a pensare che quello che sarebbe fantascienza diventa sempre più realistico

    RispondiElimina
  10. E' il tema più preoccupante in assoluto, molto di più della politica. Ma poiché anche solo cercare di porre rimedio lede gli interessi, tutti si ritraggono e ricacciano le preoccupazioni. Siamo degli struzzi e le generazioni successive alla mia ne pagheranno le conseguenze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti la domanda che sorge spontanea è: ma quelli che hanno il potere di decidere e invece se ne fregano, non hanno dei figli? Dei nipoti? Ma tanto chi ha il potere di decidere ha anche i soldi per costruirsi una vita inattaccabile dalle catastrofi che affliggono gli altri... per un po', almeno.

      Elimina
  11. la stupidità dell'uomo non ha fine...

    RispondiElimina